favara
viaggi

cosa vedere a favara

favara

Se andate in Sicilia, non potete non passare da Favara a vedere queste cose:

FARM CULTURAL PARK

È un centro culturale indipendente. Qui arte, cultura e rigenerazione urbana sono degli strumenti nobili per dare alla città di Favara una nuova identità e una dimensione di futuro.

CHIESA MADRE

Principale luogo di culto cattolico di Favara nonché il duomo della città. Si trova a est della Piazza Cavour, la principale del paese, ed è collocata nella piazza dei Vespri. Una struttura imponente, a 3 navate, ha un’elegante cupola, la più grande della Sicilia che domina su Favara ad un’altezza di 56 metri.

CHIESA DELLA MADONNA DEL ROSARIO

Esternamente presenta una semplice facciata a capanna e un portale calcareo. Ad unica navata, le pareti interne sono decorate con magnifici stucchi. Di rilievo sono il soffitto a cassettoni e il pavimento in maiolina.

PIAZZA CAVOUR

È la piazza principale della città e la più grande per estensione di tutta la provincia. Sulla piazza ci sono edifici degni  di nota: il palazzo Comunale, il Palazzo Mendola, il Palazzo Fanara, il palazzo di Salvatore Cafisi.

CASTELLO DI CHIARAMONTE

È a pianta quadrata con corte interna. All’interno si conservano spazi di eccezionale pregio artistico ornati di bassorilievi e decorazioni lapidee.

PALAZZO CAFISI

Luogo in cui si svolgono eventi di vario tipo.

 

agrigento
viaggi

cosa vedere ad Agrigento (parte seconda)

agrigento

Seconda parte delle cose spettacolari da vedere ad Agrigento:

GIARDINO BOTANICO

Si estende per 7 ettari di terreno, di cui 5 ettari di superficie utile coltivata e 2 ettari di edifici e percorsi turistici, con agrumeto, palmeto, piante autoctone, piante esotiche e frutteti.

LA CATTEDRALE

Da visitare la sua imponente mole costituita dalla grande torre campanaria accanto alla facciata della chiesa. Della cattedrale è interessante l’acustica: dietro l’altare maggiore, nell’abside, si possono sentire le parole pronunciate a bassa voce, sulla porta principale, alla distanza di 82 m.

STERI CHIARAMONTANO

È sede del Seminario Arcivescovile.

MUSEO DIOCESANO

La collezione esposta consente di seguire in 8 sale espositive la storia della diocesi agrigentina dalla rievangelizzazione cristiana, dopo la dominazione musulmana.

BIBLIOTECA LUCCHESIANA

Il fondo storico, costituito da circa 14 mila volumi della biblioteca personale del Vescovo comprende 31 codici arabi che con quelli della Centrale e della Comunale di Palermo rappresentano rappresentano il 90% dei manoscritti orientali custoditi nelle biblioteche siciliane. La “clara et magnifica” Lucchesiana possiede oggi oltre 80 mila documenti.

CHIESA DI SAN LORENZO

Possente, con la sua maestosa facciata barocca è chiusa al culto ed è usata per eventi culturali.

CHIESA SANTA MARIA DEI GRECI

Sorge sulla via omonima sulla collina di Girgenti. Corrisponde all’antico tempio di Zeus Atabirios, che risale all’epoca di Terione. Di questo tempio rimangono tracce nelle fondazioni e nei resti della cella: era un tempio periptero esastilo, con 13 colonne sui lati lunghi, analogo al Tempio della Concordia.

CHIESA E MONASTERO S.SPIRITO

Costruita in pietra calcarea e arenaria, la chiesa è di stile arabo-normanna: al piano terra si trovano la Cappella, l’Aula Capitolare e il Grande Refettorio; al piano superiore il Dormitorio, con affreschi medievali e soffitto in legno. Presso il monastero è possibile alloggiare e le monache sono celebri per le loro preparazioni dolciarie: imperdibili il cous cous dolce e le prelibatezze a base di mandorle e pistacchio.

CASA NATALE LUIGI PIRANDELLO

Le stanze con vista sulla campagna ospitano una vasta collezione di fotografie, recensioni e onoreficienze, prime edizioni di libri con dediche autografe, quadri d’autore dedicati a Luigi Pirandello, locandine delle sue opere più famose rappresentate nei teatri di tutto il mondo.

TEATRO PIRANDELLO

Vi si accede attraverso l’atrio di Palazzo dei Giganti, sede del Comune di Agrigento, naturale prosecuzione della Piazza Pirandello. È il 3° teatro in ordine di grandezza della Sicilia, dopo il Teatro Massimo di Palermo e il Bellini di Catania. Splendidi i dipinti che ornano il soffitto e il frontale dei palchi.

SANTUARIO DI SAN CALOGERO

È uno dei luoghi cattolici più importanti e antichi di Agrigento. La cappella al centro, contiene la nicchia dove è custodito il simulacro di San Calogero.

agrigento
viaggi

cosa vedere ad Agrigento (parte prima)

agrigento

Agrigento è una perla della Sicilia e ha molti posti da visitare.

VALLE DEI TEMPLI

È un ampio parco di 1.300 ettari e attualmente si trova in uno straordinario stato monumentale. L’are archeologica è formata da tantissimi resti dell’età ellenica e punico-romana, i templi dorici conservati quasi perfettamente, le agorà, le necropoli pagane e cristiane e tanto altro ancora costituiscono ad oggi una ricchezza che racconta una storia millenaria. I pilastri fondamentali del parco sono i 3 templi dorici (Giunone, Concordia e Ercole) che sono visitabili anche di sera. Un’incantevole cornice ellenistica cui vale la pena visitare. L’Opera dei Pupi (il teatro siciliano delle marionette) rappresenta ancora oggi uno degli esempi più significativi dell’identità culturale siciliana. la mostra permanente ne valorizza l’importanza.

GIARDINO DELLA KOLYMBETHRA

Da secoli la Valle dei Templi di Agrigento è inondata dal profumo dei suoi aranceti, irrigati dalle acque che sgorgano da antichi ipogei. Raro gioiello archeologico e paesaggistico, la Kolymbethra è un angolo ombroso di paradiso, dove agrumi, mandorli e olivi secolari fioriscono generosi da una terra celebre per la sua fertilità. Da non perdere:

  • Gli antichi ipogei o “Acquedotti Feaci”, i soli visitabili nella Valle dei Templi;
  • La bellezza di un paesaggio che è stato definito “Valle dell’Eden”.

IPOGEO KOLYMBETHRA PORTA V

Questo ipogeo si sviluppa nel sottosuolo per 185 m collegando l’omonimo giardino millenario situato nel cuore della Valle dei Templi alla porta V dell’antica cinta muraria di Agrigento. Oggi è un suggestivo percorso di alto interesse archeologico, speleologico e naturalistico, per visitatori a cui piacciono esperienze di viaggio intense e indimenticabili. L’Ipogeo si trova all’interno del Giardino della Kolymbethra.

CHIESA DI SAN NICOLA

È in stile normanno-gotico, a navata unica. Il prospetto principale con portale ad arco acuto è inquadrato da due imponenti contraffori. la seconda cappella lungo la parete destra custodisce un sarcofago romano ispirato a modelli greci, detto di ippolito e Fedra. Dalla terrazza davanti alla chiesa si gode un panorama sulla Valle dei Templi molto suggestivo. Una tappa obbligatoria per chi si trova ad Agrigento!!!

MUSEO ARCHEOLOGICO

Il Museo Archeologico Regionale “Pietro Griffo” di Agrigento in Contrada San Nicola è sicuramente uno dei musei archeologici più importanti e più visitati della Sicilia. Il museo archeologico espone ben 5688 reperti che, ordinati secondo un criterio cronologico e topografico, illustrano la storia del territorio agrigentino dalla preistoria fino alla fine dell’età greco-romana. L’esposizione si articola in 18 sale e in due sezioni distinte, ma complementari.