sicilia
viaggi

cosa vedere a Erice

sicilia

Erice è un delizioso borgo medievale che con gli archi, le stradine strette e tortuose, i cortili riccamente decorati e le piccole botteghe, i cortili riccamente decorati e le piccole botteghe, mantiene immutato ancora oggi il suo fascino antico. Sede del centro scientifico internazionale Ettore Majorana, sono circa 60 le chiese del borgo, ma la Matrice è la più imponente. Si trova nei pressi di Porta Trapani, una delle 3 porte appartenenti all’antica cerchia difensiva che circonda la città. Il Balio, nella zona sud-est del borgo, è un vero e proprio giardino all’inglese dove poter passeggiare godendo di un panorama mozzafiato che abbraccia buona parte dell’estremità occidentale della Sicilia, includendo le Egadi e, nei giorni tersi, Pantelleria. proseguendo attraverso i giardini si incontra il complesso delle torri difensive e il Castello di Venere. Il Polo Museale Antonino Cordici in vico San Rocco curato dalla Fondazione Erice Arte custodisce beni etno-antropologici e sacri, e dipinti a tema iconografico, ma è anche la sede di esposizioni e mostre temporanee. Un servizio interessante è il M.E.M.S., un sistema museale “diffuso”, che punta a valorizzare i beni culturali sparsi sul comune di Erice proponendo ai visitatori un percorso turistico con la visita di 11 siti. Il Quartiere Spagnolo, recentemente recuperato e riqualificato, si trova su uno sperone che si affaccia sul Monte Cofano. Oggi è sede di mostre, incontri culturali ed esposizioni dedicate agli antichi mestieri organizzate da alcune associazioni attive nel territorio. Per la particolare conformazione del paesaggio e grazie alla possibilità di accedere alla funivia con le biciclette, Erice è anche teatro di pratiche sportive legate al ciclismo come ad esempio il downhill in mountain bike su tracciati in discesa.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.