ricette

dulce de leche

dolce cileno

Ingredienti

1 litro di latte, 300 g di zucchero, 50 g di miele, 1 baccello di vaniglia, bicarbonato di sodio

Preparazione

In una casseruola versate il latte, aggiungete il baccello di vaniglia inciso nel senso della lunghezza, lo zucchero, il miele e 1/2 cucchiaio da caffè  di bicarbonato. Portate a ebollizione, coprite e proseguite la cottura a fiamma molto bassa per circa 1 ora, mescolando spesso. Eliminate la vaniglia e cuocete ancora per circa mezz’ora, mescolando in continuazione per non far attaccare il fondo, finché il composto avrà un colore ambrato. Lasciate intiepidire, versate il Dulce de leche in un vaso a chiusura ermetica e conservatelo in frigorifero.

ricette

crema fredda di piselli alla menta

piatto freddo

Ingredienti:

400 g di piselli; 1 l di brodo vegetale; 2 cipollotti; 1 ciuffo di menta; succo di limone; olio extravergine di oliva; sale e pepe.

Preparazione:

Eliminate le radichette, la guaina esterna e l’ultimo pezzo della parte verde dei cipollotti e tritateli finemente. Versate il brodo in una casseruola, portatelo a ebollizione, immergete i cipollotti e i piselli, coprite e cuocete per circa 15 minuti a fiamma bassa, poi lasciate raffreddare. Aggiungete al composto preparato una decina di foglie di menta pulite, 1 cucchiaio di succo di limone e 2 di olio, poi frullate con il mixer a immersione, fino a ottenere una crema omogenea, quindi regolate di sale e pepe. Versate la crema in vasetti o bicchierini, copriteli con la pellicola e teneteli in frigorifero. Serviteli decorando con foglioline di menta.

ricette

clotted cream

crema inglese

Versate in una teglia 1 litro di panna da cucina in modo che il liquido formi uno strato alto circa 5 cm, quindi mettetela in forno a 80°C per 8-12 ore. Quando sulla superficie della panna si sarà formata una pellicina gialla, togliete il contenitore dal forno e lasciatelo raffreddare a temperatura ambiente, poi mettetelo in frigo per 8 ore. Con il mestolo forato prelevate la panna rappresa in superficie, versatela in un vasetto e consumatela entro un paio di giorni.

viaggi

strada del gusto cremonese nella terra di stradivari

cremona

Immersa nella Pianura Padana, la provincia di Cremona può essere considerata una terra di confine tra la Lombardia e l’Emilia Romagna. Sostanzialmente a vocazione agricola, è in grado di offrire, a chi ricerca angoli turistici particolari, innumerevoli tesori: chiese, ville, castelli e pievi disseminati nei maggiori centri urbani e nella quieta campagna. Capoluogo della provincia, Cremona, è un centro storico di alto interesse e conserva splendidamente la Cattedrale, il Battistero, la Loggia dei Militi, il Torrazzo e il Palazzo Comunale. Importante centro culturale, è sede di notevoli esposizioni, in particolare il Museo Civico Ala Ponzone e la collezione “Gli archi di Palazzo Comunale“. Infatti Cremona è patria di Stradivari e dei suoi famosi violini e, ancora oggi, è possibile visitare laboratori artigianali di liuteria. Il territorio cremonese adagiato tra il fiume Po e il fiume Oglio, offre notevoli bellezze artistiche. Cicognolo è sede di Villa Manfredi, realizzata dall’architetto Voghera sulla preesistente rocca. Torre de’ Picenardi ospita la settecentesca Villa Sommi-Picenardi e la piazza gonzaghesca di Isola Dovarese conserva la sua originaria impostazione rinascimentale. Piadena ospita un museo archeologico che raccoglie una ricca collezione di reperti a testimonianza di antiche civiltà e culture della Pianura Padana. A Casteldidone, invece, si trova Villa Mina della Scala. Da citare Casalmaggiore, con il Museo del Bijou e il Santuario della Madonna della Fontana, e Crema che riflette nella sua urbanistica, nelle numerose chiese e palazzi un passato ricco di storia. Di particolare in tenesse sono il Duomo e la singolare decorazione plastica della facciata, la quattrocentesca Basilica di Santa Maria della Croce e Palazzo Terni-Bondenti di notevole suggestione scenografica. Pizzighettone, borgo notificato sull’Adda, conserva una cortina muraria imponente che si snoda per circa due km e ne rivela l’importante ruolo strategico. A Soncino, roccaforte militare sull’Oglio, sono visibili la Rocca sforzesca con possenti torrioni angolari, la Pieve di Santa Maria Assunta e il Museo della Stampa. Infine si segnala il castello Visconteo di Pandino pressoché intatto nel suo schema architettonico, assai semplice ma suggestivo. Queste terre non solo richiamano per le loro peculiarità storico-artistiche, ma offrono ospitalità ai palati più raffinati in grado di cogliere i veri sapori della buona tavola.

ricette

Crema di zabaione

cacao e uvetta

Ingredienti:

4 tuorli freschissimi; 40 g di zucchero; 1 dl di marsala 2 cucchiaini di succo di limone; 2 dl di panna; 20 g di zucchero a velo; 2 cucchiai di uvetta; cacao amaro in polvere.

Preparazione:

Versate i tuorli e lo zucchero in un pentolino, possibilmente a fondo arrotondato, in acciaio inox o in rame. Montateli a lungo con la frusta elettrica fino a ottenere una crema chiara e spumosa. Trasferite il recipiente a bagnomaria su fiamma molto bassa, continuando a montare il composto e versando gradualmente il marsala e il succo di limone. Appena sarà gonfio, vellutato e filante, toglietelo dal fuoco e lasciatelo intiepidire. Montate la panna ben fredda con lo zucchero a velo e incorporatela allo zabaione, con movimenti delicati dal basso verso l’alto. Suddividete la crema nelle coppette e servite spolverizzando con cacao e uvetta.