valle di blenio
viaggi

escursioni in valle di blenio

valle di blenio

Prime 4 escursioni che potrete fare in Valle di Blenio (Svizzera).

IL GIRO DELLA GREINA

Greina: la tundra ticinese. Paesaggio unico di straordinaria varietà di biotopi. Un mosaico naturale che non può lasciare indifferenti chi ama gli scenari alpini e i vasti spazi. L’altopiano si trova a circa 2.300 m, al confine tra Ticino e Grigioni ed è attraversato da sentieri antichi. Nella breve stagione estiva l’altopiano regala splendide fioriture e sono possibili incontri ravvicinati con marmotte e stambecchi. la Greina ha un arco naturale in pietra che si può raggiungere compiendo una deviazione (segnalata) del sentiero principale.

GIRO DEGLI ALPI DEL NARA

Il soleggiato anfiteatro del Nara è un gioiello che si trova nel cuore della Valle di Blenio. Il giro porta alla scoperta delle sue alpi. L’escursione circolare inizia a Cancorì, raggiungibile in seggiovia da Leontica; il sentiero conduce all’Alpe del Gualdo-Tarco per poi proseguire verso nord in località Pian Nara. Da qui, si può salire alla Bassa di Nara, punto di vista unico sulla Valle di Blenio e la Levantina. Il sentiero scende poi verso L’Alpe di Pian laghetto, l’Alpe Piandioss e l’omonima capanna e rientra a Cancorì passando da Gariva, da dove è possibile recarsi all’Alpe di Sorda, e da Pianezza.

SENTIERO DEGLI STAMBECCHI

Questo itinerario panoramico è molto variato e si dirama in un ambiente unico che colpisce l’escursionista per la sua bellezza. Collega le capanne Scaletta e Bovarina. Un passaggio tra le regioni del Luconagno e quelle della Greina e Valli dei Grigioni. Percorre il filo delle creste fino a sfiorare quota 3.000 m. È un sentiero di carattere alpino con un tratto dotato di corde fisse. Non è difficile e non bisogna arrampicarsi, presenta unicamente dei passaggi da affrontare con cautela. Ad inizio e fine stagione è utile informarsi sullo stato d’innevamento, dai giardiani delle capanne Scaletta e Bovarina.

GORDA – PUNTA DI LARESCA O “NIDO D’AQUILA”

È una facile escursione adatta a tutti per la primavera, l’estate e l’autunno. Una classica gita da fare anche con le ciaspole. L’itinerario parte dalla capanna Gorda, raggiungibile in auto in assenza di neve, che sorge su un ampio pascolo soleggiato. Durante l’inverno si parte da Pianezza di Laresca o da Camperio. La vista è spettacolare sul massiccio dell’Adula e su tutto il fondo valle. nel periodo estivo e autunnale si tengono, presso la capanna, delle notti d’osservazione delle stelle e vi è un progetto per la costruzione di un osservatorio astronomico.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.