consigli di salute

i 10 superfood da tenere d’occhio

Si può dire di mangiare bene solo se si hanno nella dieta i seguenti superfood

Acqua e limone

Il limone è antisettico, disintossicante, ricco di vitamine, minerali, enzimi associati al dimagrimento. E pur essendo acido, nell’organismo ha effetti alcalinizzanti, dunque riequilibranti e antigonfiore. Insieme all’acqua rappresentano una bomba di benessere che depura, sostiene il sistema immunitario e regala energia per la giornata. Un bicchiere a digiuno tutte le mattine è un toccasana.

Kefir

Simile allo yogurt  ma più acido, ricco di specie batteriche salutari e fermenti lattici, ipocalorico e fonte di minerali preziosi. Consumarlo regolarmente a colazione aiuta le funzioni intestinali, rafforza le difese immunitarie, contribuisce a contenere il colesterolo “cattivo” e grazie alla presenza di triptofano aiuta la stabilità dell’umore. Si trova al super, ma si può fare tranquillamente anche a casa.

Semi di Lino

Sono ricchi di Omega 3, dunque preziosi soprattutto nelle diete vegetariane che non prevedono pesce. Marroni o gialli, interi o macinati, apportano proteine, minerali (fosforo, magnesio), vitamine B1,2 e F. Un cucchiaio in un bicchiere d’acqua lasciato riposare per la notte e poi filtrato regolarizza i processi intestinali, stimola il sistema immunitario e previene le intolleranze. Aiuta a depurare l’organismo e i tessuti cutanei. Si possono mescolare al kefir per colazione.

Aloe 

La parte interna delle foglie è una sostanza gelatinosa ricca di proprietà. Il succo puro al 100% ha un’azione depurativa, agisce sulla flora intestinale e svolge un’azione di controllo sia sul colesterolo che sugli zuccheri, favorendo il dimagrimento. Nella dieta va inserito a metà mattina, insieme allo spuntino.  Continue reading “i 10 superfood da tenere d’occhio”

consigli di salute

la dieta che depura il fegato

In questa dieta che depura il fegato vi do delle piccole regole per depurarsi.

  1. niente carne e pesce

Appesantiscono fegato e reni. Inoltre sono cibi acidificanti, cioè in grado di aumentare la produzione dei succhi gastrici e di favorire gonfiori.

  2. Ai fornelli con il passaverdure

Per depurare a fondo l’organismo occorre puntare su cibi vegetali, in quanto drenanti, antiossidanti, antiacidogeni e di maggiore digeribilità. Ma occorre eliminare anche tutto ciò che favorisce la formazione di gas intestinale, come le fibre meno digeribili delle verdure (i filamenti) e le bucce dei legumi. Quindi bisogna passare tutto con il passaverdure.

3. Grassi “Buoni” e molta acqua

Fegato e reni sono organi “filtro” per eccellenza, dunque i primi che devono essere messi in condizione di lavorare bene e senza sforzo eliminando i grassi saturi a favore dei più sani e digeribili grassi insaturi e mono insaturi. Bevendo molta acqua, soprattutto per alleggerire il lavoro dei reni e favorire al massimo i processi di drenaggio.

4. Non rinunciare a pasta e cereali

Il fegato è l’organo preposto alla trasformazione degli zuccheri in glicogeno, la “benzina” naturale che rifornendo muscoli e cervello ci assicura l’energia fisica e mentale. Più il fegato è sano e “riposato”, più attraverso il suo lavoro ci arriva energia. Le diete iperproteiche, in assenza di zuccheri, costringono l’organismo a prendere energia dai grassi. L’effetto immediato è la perdita di peso, ma poiché il cervello non riconosce questa “benzina alternativa”, alla fine reagisce abbassando il metabolismo, e quindi anche la capacità di “bruciare” dell’organismo, che viene ulteriormente ostacolata dall’inevitabile affaticamento di fegato e reni. Conclusione: fegato leggero e carboidrati complessi in giuste quantità sono la formula magica per stare bene e perdere peso mantenendo il massimo dell’energia.

 5. 6 pasti al giorno

Più spesso si mangia più continuo è il rifornimento di energia, e quindi anche la sazietà. Ma non solo. Con piccoli pasti frequenti anche i picchi di insulina sono minori, e questo, oltre a contenere gli attacchi di fame, aiuta a prevenire aumenti di peso e malattie.

  6. Pane sempre tostato

Si abbassa il suo indice glicemico, e quindi il suo contributo al rilascio di insulina, e in più, riducendosi l’umidità (che mantiene attivi i lieviti), aumenta la digeribilità degli amidi.

7. Uova e latticini

Sono importanti per compensare la carenza di vitamina B dovuta all’assenza di carne e pesce. Inoltre le uova contengono sostanze (lecitina) che contrastano i depositi del colesterolo nelle arterie, e altre (metionina, colina e inositolo) che proteggono il fegato, favorendone la funzionalità. Latte e formaggi sono ricchi di calcio, e per qualunque tipo di problema esistono i tipi senza lattosio.

 8. Attività fisica 

Aiuta il metabolismo, mette in moto le articolazioni, favorisce la circolazione, stimola la serotonina, il neurotrasmettitore della felicità: muoversi fa parte della dieta, perché crea benessere, calma l’appetito e aiuta a rispettare il programma. Vai a gradi, aumentando piano piano i ritmi dell’attività.

verdura
consigli di salute

consigli per depurarsi

verdura

Vi do dei consigli importanti per depurarsi dopo le mangiate delle feste.

I cibi da preferire

A farla da padrone nei giorni di dieta, devono essere le verdure e la frutta. Per depurarsi è bene puntare sul verde: quindi via libera a insalate, zucchine, cicoria, spinaci, cavoli, carciofi, più aglio, cipolla, barbabietole, radicchio. Questi ortaggi contengono clorofilla, che ha un’azione depurativa sull’organismo, e tante fibre, le spazzine delle tossine con un ottimo potere saziante. Conditeli con olio extravergine di oliva che grazie al tocoferolo aiuta a prevenire l’invecchiamento e favorisce l’eliminazione delle scorie, e con succo di limone, che purifica il sangue. Tra i frutti, promosse le arance, il limone, le mele, le pere. Fatevi almeno una volta al giorno un centrifugato o un estratto di arance e di mele.

Un giorno leggero

Per far riposare il fegato, reni e intestino, provate a fare un giorno di digiuno settimanale: eliminerete i liquidi e le tossine in eccesso. Al posto dei cibi solidi, mangiate zuppe o passati di verdura, succhi, centrifugati di frutta e verdura, tè tisane.

Bagni con sale e zenzero

Per fare piazza pulita delle tossine, immergetevi nell’acqua. Mentre siete a mollo, mettete un po’ di musica, per favorire il relax. Il bagno con il sale inglese: procuratevi in farmacia un paio di chili di sale amaro, aggiungetelo all’acqua del bagno fino a quando vedete che non si scioglie più, immergetevi per 40 45 minuti. Ricco di magnesio, stimola la circolazione e dà una sferzata di energia. Il bagno allo zenzero: elimina le tossine attraverso la sudorazione. Sciogliete un cucchiaio di zenzero in polvere  o fresco grattugiato in una vasca di acqua calda, immergetevi per 20 minuti, sciacquatevi e lavatevi usando poco detergente, quindi risciacquatevi. Lo zenzero vi farà sudare anche fuori dalla vasca. Bevete una tisana o un tè.

Le buone abitudini

Alcune sane abitudini liberano la mente dai pensieri negativi. Camminate per 20 minuti al giorno: aumentate così la respirazione e ossigenate il corpo e il cervello. Salite le scale a piedi per allenare quotidianamente fiato e muscoli, e andate in bici. Leggete e ascoltate musica: dedicarsi alle cose che più vi piacciono allenta lo stress, fa volare la mente, allegerisce le tensioni e fa scivolare via la tristezza.

consigli di salute

mangia sano in 5 passi

Non bisogna fare calcoli delle calorie o ricette elaborate. Le regole per nutrirsi in modo sano ed evitare obesità, infezioni e malattie cardiache si contano sulle dita di una mano cioè ecco a voi i 5 passi per mangiare sano.

  1. Variare il menù, alterna gli alimenti di base come grano, riso, patate, legumi, frutta e verdura fresche, carne, pesce, uova. Meglio optare per i cereali integrali e, per gli spuntini, verdure crude e frutta secca non salata.
  2. Ridurre il sale, in media, ne mangiamo il doppio della dose raccomandata, quindi via sale e snack e moderazione quando si cucina.
  3. Diminuire gli zuccheri, occhio a quelli nascosti in cibi industriali, bibite, succhi ed energy drink. 
  4. Meno grassi, evitiamo i temibili trans e preferiamo gli oli vegetali.
  5. Poco alcol, niente in gravidanza e se si allatta.
consigli di salute

depurarsi con il cardo mariano

A Natale trionfano il gusto e la buona cucina. Ma, in realtà, il “bollino rosso” è per tutto il mese di feste: fra pranzi con i parenti, aperitivi con i colleghi, party con gli amici, non sgarrare a tavola e non accumulare tossine e altre sostanze sgradite è davvero un’impresa ardua. Per eliminare i danni e avviare una disintossicazione, è ottimo il cardo mariano. Si tratta, infatti, di una pianta che combatte il gonfiore addominale e depura tutto l’organismo e l’apparato digerente in particolare. Inoltre, è in grado di riportare nella norma i valori del fegato leggermente alterati: per questo, è un potente alleato quando si esagera con gli zuccheri semplici e complessi (dolci, bevande gasate, alcolici, primi molto ricchi).

Come usarlo

In questo caso, sono utili tisane e infusi, che uniscono all’azione specifica delle erbe quella benefica dei liquidi, che aiutano a diluire le tossine. Mettere 10 g di polvere secca in una tazza di acqua bollente per qualche minuto e filtrare . Bere almeno un paio di tazze al giorno, per una ventina di giorni o anche più.

consigli di salute

rimedio naturale per rilassarsi

cura omeopatia

Se vivete un periodo frenetico io vi consiglio un rimedio naturale per rilassarsi. Il caffè verde (coffea cruda) è questo rimedio, un prodotto omeopatico e quindi naturale al 100% per chi si sente nervoso, agitato, talmente sotto stress da non riuscire a rilassarsi. È indicato anche alle persone che la sera faticano a prendere sonno perché soffrono di iperideazione, ovvero sono incapaci do sgomberare la testa dai pensieri e di prendersi una pausa di “silenzio mentale”.

Come usarla

La cura omeopatica va sempre stabilita con un medico esperto in omeopatia sulla base della persona in linea massima, Coffea cruda va usato a medie-alte diluizioni: 30 200 CH. Prendere 5 granuli 2-3 volte al giorno, prima dei pasti principali. Se si soffre di insonnia si possono prendere cinque granuli anche prima di andare a dormire e ogni volta che ci si sveglia.

Comunque il caffè verde viene venduto anche nei supermercati bio e si fa a tisana, io ve la consiglio molto visto che fa anche dimagrire.

 

consigli di salute

come eliminare l’emicrania

emicrania

Il freddo invernale e la presenza di forme croniche di sinusite provocano un particolare tipo di emicrania che si presenta con un dolore che interessa tutta la testa, con ripercussioni anche sulle orecchie e sugli occhi. L’olio di eucalipto agisce subito. ne basta una goccia mischiata a pochissimo zucchero di canna da sciogliere sulla lingua. Assumere fino a 5 volte al giorno. In caso di improvvisi colpi di freddo si può mettere una goccia per ogni narice, inalando l’essenza, oppure massaggiarne una goccia.

consigli di salute

stop alla bronchite con la tintura di eucalipto

rimedio per la bronchite

La bronchite è uno dei disturbi più seri che possono colpire l’apparato respiratorio e quello con maggiori ricadute, perché l’infiammazione dei bronchi provoca un generale stato di allerta del sistema immunitario, che diventa ipersensibile all’attacco dei virus. Per diminuire i disturbi provocati dalla bronchite, molto utile è la tintura madre di eucalipto, che oltre a disinfettare le vie respiratorie, lenisce i bronchi e stimola il sistema immunitario, favorendo la guarigione. Può essere associata anche ai comuni farmaci antifebbrili. Se ne prendono 30 gocce in mezzo bicchiere d’acqua, prima dei 3 pasti principali, sino alla guarigione.

consigli di salute

come calmare la tosse con l’eucalipto

eliminare il raffreddore

Tossire è il chiaro segnale che l’organismo sta provando a sbloccare il sistema respiratorio da sostanze irritanti e dal muco in eccesso, oppure che c’è una carenza di umidità. può essere anche la spia di patologie importanti. Per questo quando dura oltre 10 giorni bisogna sempre rivolgersi al medico. In ogni caso, l’eucalipto è la pianta per eccellenza antitosse e può agire come mucolitico, disinfettante e perfino umidificante dell’apparato respiratorio. Il decotto in questo caso è più efficace e veloce dell’infuso. Si prepara mettendo un cucchiaio di foglie in 200 ml d’acqua. Si porta a ebollizione per 1 minuto e si lascia in infusione per 5 minuti. Si filtra e si beve 3 volte al giorno, lontano dai pasti, sino a remissione del disturbo.