viaggi

Pirano itinerario del sale

slovenia

Se volete fare un itinerario del sale a Pirano, vi consiglio questi posti:

PARCO NATURALE DELLE SALINE DI SICCIOLE

Quest’area ospita numerose specie di volatili, vasti campi di alofite e più di 100 caae di salinai abbandonate, che con le loro rovine donano alle Saline di Sicciole un’atmosfera unica.

MUSEO DELLE SALINE

Il museo a cielo aperto comprende la Casa dei salinai, con una ricostruzione museale di una caratteristica ambientazionedel passato con mobili, suppellettili, attrezzi, abiti, e il fondo salifero con relativo canale per l’afflusso di acqua marina.

THALASSO SPA LEPA VIDA

Centro termale ubicato all’aperto, unico nel suo genere, perché in mezzo ai campi di sale, offre differenti tipologie di trattamenti estetici e curativi, effettuati utilizzando i prodotti estratti dal Parco Naturale delle Saline di Sicciole.

FORMA VIVA

La raccolta di sculture in pietra che si trovano all’aperto ha iniziato a formarsi nel 1961. In oltre 50 anni, scultori provenienti da oltre 30 paesi hanno scolpito e lasciato più di 130 statue di pietra, collocate in un’area collettiva a oliveti della varietà di olive autoctone della zona di Pirano.

GALLERIA VALETA

Il percorso offre numerose opportunità per fare attività fisica ed è ideale per escursionisti, ciclisti e amanti della corsa. Galleria Valeta, lunga 550 m è situata  tra Strugnano e Portorose, è la più conosciuta.

PARCO NATURALE DI STRUGNANO

Il parco occupa una vasta area che comprende due riserve naturali, la Riserva Naturale di Strugnano e la Riserva Naturale di Strugnano – Stjuza, nonché il Viale dei Pini, alberato su entrambi i lati e considerato un importante esempio di natura modellata.

CASE DEI SALINAI

Nella prima casa dei salinai, odierno centro per visitatori, il magazzino del sale era situato  al pianterreno, mentre al primo piano c’erano i locali dove risiedevano le famiglie che vi dimoravano. La seconda casa viene utilizzata come abitazione per i salinai anche ai giorni nostri.

LAGUNA DI STJUZA

unica laguna marina della Slovenia; è classificata come ambiente umido salmastro e prende il nome dalla parola italiana “chiusa”. A  causa di un terrapieno che li divide, la baia e il mare sono collegati solo da un canale. Per il suo basso fondale e per la ricchezza di cibo e luoghi di riparo, l’area offre rifugio a diverse specie di volatili marini.

SALINE DI STRUGNANO

Sono le più piccole e settentrionali del Mediterraneo. Il basso fondale della baia è stato trasformato dall’uomo in campi di sale grazie alla costruzione di terrapieni, canali e vasche poco profonde.

 

PER GUIDA PIù DETTAGLIATA  E PERSONALIZZATA: giada31588@gmail.com

Annunci
slovenia
viaggi

Pirano itinerario religioso (parte 2)

slovenia

Vi continuo ad illustrare l’itinerario religioso di Pirano.

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA

Il battistero ha una forma ottagonale ed è l’elemento di dotazione più recente del complesso della chiesa. L’elemento più antico è la vasca battesimale. Sui fianchi più lunghi è scolpito un putto alato che cavalca un delfino.

CHIESA DELLA MADONNA DELLA SALUTE

CHIESA DI SANTO STEFANO E PIAZZA DEGLI EBREI

Una delle chiese più antiche di Pirano. Dietro all’altare maggiore, una scala di pietra conduce al solaio dove erano ubicate le stanze in cui membri della confraternita trascorrevano gli ultimi istanti felici della loro vita. Piazza degli ebrei è sorta sul modello del ghetto di Venezia. In uno dei 3 atrii era stato scavato  un grande pozzo sotterraneo dove confluiva l’acqua piovana che scendeva dai tetti vicini.

CHIESA PARROCCHIALE MADRE DEL ROSARIO, PORTOROSE

Edificio moderno con croce e arcate del tetto che ricordano un albero maestro e una nave. nella chiesa si possono ammirare la scultura dell’altare in terracotta, le vetrate dai colori vivaci e i quadri a olio che raffigurano la via crucis.

CHIESA E CONVENTO DI SANTA MARIA DELLA VISIONE, STRUGNANO

La chiesa e il convento torreggiano in cima alla collina a picco sul mare.

slovenia
viaggi

Pirano itinerario religioso

slovenia

Nel vostro itinerario religioso a Pirano, non possono certo mancare queste tappe:

CHIESA DI SAN ROCCO

L’interno è dominato dall’altare marmoreo, sul quale si trovano le statue lignee della Madonna, San Sebastiano e San Rocco, originariamente dipinte ad imitazione del marmo bianco.

CHIESA DI SAN PIETRO

La chiesa neoclassica ha un portale d’ingresso con un bassorilievo che raffigura la consegna delle chiavi a San Pietro.

CHIESA DI SAN FRANCESCO

Degni di nota sono l’edicola rinascimentale di Vittore Carpaccio, il pulpito magnificamente modellato, numerosi altari e quadri di pittori veneziani. La pavimentazione della chiesa custodisce numerose tombe, incluse quelle della famiglia Tartini.

CONVENTO DEI FRATI MINORI DI SAN FRANCESCO E CHIOSTRO

Il convento conserva una ricca collezione di letteratura musicale. Il chiostro rappresenta uno degli ambienti dotati della migliore acustica della Slovenia e già da diversi anni è sede di numerosi eventi musicali. Dal chiostro si accede alla pinacoteca del convento dove si possono ammirare opere di pittori veneziani.

EX CHIESA DI SANTA CATERINA D’ALESSANDRIA

Al suo interno furono scoperte 3 tombe di importanti cittadini Piranesi, una delle quali era probabilmente appartenuta alla fraternita di Santa Caterina.

CHIESA DELLA MADONNA DELLA NEVE

Sopra l’ingresso è appeso il quadro della Madonna della Neve che raffigura il miracolo della nevicata che avvenne a Roma nel mese d’agosto e che ricorda il nome della chiesa. Qui è conservato un ciclo di opere pittoriche a olio, dotate di cornici intagliate.

CHIESA DELLA BEATA VERGINE DELLA CONSOLAZIONE

La chiesa conserva quadri raffiguranti scene tratte dalla leggenda di Sant’Agostino, ricchi intarsi di legno e cornici intagliate.

CHIESA PARROCCHIALE COLLEGIATA SAN GIORGIO

È la più grande di tutte le chiese di Pirano, si trova su un’altura da dove lo sguardo abbraccia un panorama che si estende su ben 3 strati. L’interno della chiesa è abbellito da 7 altari, dalle 2 statue di San Giorgio e di San Nicola, dal soffitto riccamente decorato, dai quadri da parete della scuola veneziana.

CAMPANILE DI SAN GIORGIO

Il campanile è la copia ridotta di quello di San Marco a Venezia, in cima sono presenti 4 campane. Sulla sommità del campanile torreggia l’Arcangelo Michele che si muove a seconda del vento, indicando il tempo che farà.

MUSEO PARROCCHIALE DI SAN GIORGIO

Al pianoterra della sacrestia sono esposti oggetti che fanno parte dell’allestimento e del vasellame della chiesa, mentre nello spazio sotto alla navata centrale sono stati scoperti i resti più antichi di strutture edilizie di epoca romana. In quest’area si possono ammirare la statua di San Giorgio a cavallo e un reliquiario a gamba. Meritano una visita anche il lapidario e la fossa archeologica.

slovenia
viaggi

cosa vedere a Pirano

slovenia

Pirano è una città molto colorata e con tante cose da vedere!!!!

PIAZZA TARTINI

Prende il nome dal Virtuoso del vilino, Giuseppe Tartini, di cui in mezzo alla piazza c’è un monumento, mentre casa Tartini è una delle più antiche della città. nella sala commemorativa di Tartini sono conservati interessanti oggetti, tra cui un prezioso violino di Tartini. Da lui prende il nome anche il Teatro Tartini, che ospita numerosi eventi di varie discipline artistiche, come anche eventi con tradizione pluriennale. In questa piazza c’è la Casa Veneziana, un bellissimo edificio, il migliore esempio d’architettura Gotico Veneziana. Qui, c’è anche il Palazzo del Comune, in memoria alla Serenissima, sulla facciata del secondo piano l’asse centrale ospita un leone di pietra con il libro aperto (significa pace). L’interno del palazzo, che ospita l’amministrazione comunale, è ornato da opere di diversi artisti, ma il principale motivo d’orgoglio è il quadro di Domenico Tintoretto. Altri edifici importanti in questa piazza sono: Casa Barocca, Palazzo Apollonio, Palazzo Pretorio e la Loggia. L’ingresso sulla piazza è simbolicamente caratterizzato da 2 pili in pietra per bandiere. Questa piazza è scenario di numerosi eventi, spazio per incontri, spazio per la gente.

DUOMO DI SAN GIORGIO

Chiesa barocca con il suo campanile e battistero che si trova sul colle sopra la città, è sicuramente l’immagine più nota di Pirano. La chiesa si erge sugli archi, che, come la chiesa nel corso degli anni sono stati rinnovati. Nella chiesa è aperto il museo parrocchiale di San Giorgio con il Tesoro, i lapidari e la grotta archeologica; nella stessa via, presso la parrocchia c’è anche il Centro Pastorale e Culturale Georgios, che con il suo scenario esterno e la sua sala fa anche da cornice per eventi.

CHIESE 

Pirano ha molte altre chiese tra cui: chiesa della Madonna della Neve, della Beata Vergine, della Madonna della Salute, di San Pietro, di San Rocco, di Santo Stefano e il convento dei frati minori con il chiostro e la chiesa di San Francesco. Il Chiostro è un vero gioiello architettonico, un punto speciale di pace e bellezza.

MUSEI E GALLERIE D’ARTE

MUSEO DEL MARE SERGEJ MASERA

Si trova nel Palazzo Gabrielli sul lungomare, ci invita a scoprire la storia marittima slovena e  il passato marittimo delle aree costiere. Dispone anche di collezioni permanenti al di fuori del palazzo: Nella Villa San Marco a Portorose, nella Casa di Tona a San Pietro dell’Amata e nel Museo delle Saline nelle Saline di Sicciole. 

MUSEO DELLE ATTIVITÀ SUBACQUEE

Pittoresco mosaico di storia mondiale e slovena delle immersioni subacquee. Il museo delle conchiglie, posto affascinante per le famiglie.

L’ACQUARIO

Ha diverse vasche che ospitano circa 140 differenti specie di abitanti marini del mare sloveno.

MEDIADOM

Pyrhani è il nuovo centro culturale e multimediale nel quale, si può venire a conoscenza dello sviluppo storico e culturale della città di Pirano.

LA GALLERIA CIVICA DI PIRANO

Vanta una ricca collezione permanente.

guatemala
viaggi

antigua guatemala cosa vedere

guatemala

Antigua Guatemala ha vari musei, tra cui: Museo del Libro Antico, il Museo d’Arte Coloniale, che ospita opere pittoriche dei secoli XVI e XVII, il Museo delle Cuppuccine, in cui convivono opere d’arte coloniale e contemporanea insieme a reperti archeologici, e il Museo Archeologico Casa Santo Domingo. Tra le numerose chiese e santuari spiccano il Santuario dell’Apóstol San Felipe, il Tempio de San Bartolomé Becerra, la Chiesa e il Convento Nuestra Senõra La Merced, il Convento di Santa Clara, la Chiesa e il Convento della Recolección, la Chiesa di San Pedro Apóstol o il Convento della Compania de Jesús. Molta attenzione la merita il Palazzo dei Capitanes Generales, sito nel punto strategico della Piazza Centrale, e il Palazzo del Noble Ayuntamiento. La piazza rappresenta l’epicentro della città e ospita la Fontana delle Sirene, costruita nel 1737, e la Parrocchia San José, che occupa l’ingresso dell’antica struttura della Cattedrale Primada de Santiago de los Caballeros.

guatemala
viaggi

cosa vedere a città del Guatemala

guatemala

Città del Guatemala è una delle capitali più moderne e cosmopolite del Centro America, dove nuovo e coloniale si fondono conservando ancora oggi la sua memoria storica. È suddivisa in 25 quartieri attraversati da importanti arterie stradali, come ad esempio Los Próceres, Vista Hermosa, Avenida de las Américas o Avenida la Reforma.

ZONA 1

Costituisce la parte centrale della città ed è caratterizzata da un passato interessante. Da questo punto in poi, la struttura della Zona 1 assume la forma di una spirale opposta alle lancette di un orologio e si può suddividere nel centro storico.

ZONA 1 E 2

Comprende in centro storico ed è pieno di hotel, locali commerciali e negozi. Esista un considerevole patrimonio architettonico, come la Cappella del Carmen, la Cattedrale Metropolitana, il Portal del Comercio, la Chiesa della Merced, la Chiesa di Santo Domingo, fondata dai frati domenicani e in onore della Vergine del Rosario. Il Centro Municipale di Arte e Cultura, antico edificio delle poste e telecomunicazioni, composto da due strutture in stile neocoloniale collegate da un ponte. Il Museo Numismatico, amato dagli appassionati di monete e di banconote, ospita anche antichi oggetti di scambio dell’epoca preispanica, medaglie commemorative, strumenti usati per la coniazione delle monete, pitture e sculture. la Biblioteca Nazionale, la cui facciata è oggetto di grande interesse per i rilievi realizzati da Efraín Recinos e per i murales interni che rappresentano codici maya elaborati da Antonio Tejada Fonseca. Il Mapa en Relieve, monumento storico e degno di ammirazione.

IL CENTRO CIVICO

Area compresa tra le zone 1 e 4 e ospita gli uffici del Governo, il Consiglio Comunale del Guatemala, Credito Ipotecario Nazionale, il Pubblico Ministero, il Ministero dell’economia e delle Finanze, la Torre dei Tribunali, il Palazzo di Giustizia o la Banca del Guatemala che si distingue per la struttura architettonica. Da ricordare anche i murales di Dagoberto Vasquez Castaneda e di Roberto Gonzales Goyri. La Piazza della Costituzione o Piazza Mayor, testimone dei primi cambiamenti politici vissuti dal paese, è il luogo ideale per vedere il “corri corri” di chapines, turisti e venditori ambulanti. Offre un’ampia varietà di attività culturali. Spiccano anche l’edificio del Museo Ferroviario, prova dell’importanza che ha avuto l’industria ferroviaria nello sviluppo del paese o il Centro Culturale Miguel Angel, che racchiude pittura, scultura e architettura ed è diventato il simbolo dell’architettura contemporanea. Troviamo anche il teatro all’aria aperta, la Grande Sala, il Teatro Nazionale, il Teatro da Camara e la Fortezza San José.

ZONA 4

si caratterizza per la sua ricca offerta culturale e la promozione della stessa, data la presenza di nuovi teatri e di centri culturali come l’IGA, la Casa del Águila e Artemis Edinter.

ZONA 7

Da qui è possibile raggiungere la località archeologica di Kaminaljuyú, nicchia della civiltà maya durante il periodo preclassico e la prima fase del classico.

ZONA 10 “ZONA VIVA”

luogo della vita notturna. Si trovano anche gallerie d’arte e il Museo Popol Vuh, che ospita una delle più grandi collezioni d’arte della civiltà Maya, noto anche per la sua grande collezione d’arte precolombiana e coloniale.

AREA FINANZIARIA

È distribuita tra le zone 4, 5, 9, 10, 11, 13, 14 e 15. Nel settore finanziario e commerciale lavora la maggior parte degli abitanti della città e in questa zona hanno sede molte ambasciate.

ZONA 12

Qui si trova il Parco Mundo Petapa, un parco tematico fornito delle migliori strutture che assicura il divertimento di tutta la famiglia.

ZONA 13

C’è il Museo Nazionale D’arte Moderna Carlos Mérida, il stile neocoloniale, che ospita una collezione di opere plastiche dei secoli XIX e XX e il Museo Archeologico e Etnologico che ci farà scoprire ancora di più sulla civiltà Maya, sulla sua cultura e sulle sue tradizioni. La Aurora ZOO ricrea l’habitat naturale per le specie che lo popolano e offre diverse attività e la possibilità di vedere da vicino la fauna locale.

 

marche
viaggi

cosa fare a Grottammare

marche

Grottammare è la perla dell’Adriatico, dal 2007 è anche riconosciuta come uno dei borghi più belli d’Italia. Palem ed oleandri primeggiano ovunque, specialmente sul lungomare, percorso da una pista ciclabile.le verdi colline a ridosso del mare ed il borgo medievale, con i suoi affascinanti vicoli, le botteghe ed i ristoranti tipici.

MUSEI DI GROTTAMMARE

MUSEO TORRIONE DELLA BATTAGLIA

Nelle sue sale c’è un’esposizione permanente di opere di Pericle Fazzini.

MUSEO IL TARPANO

Negli spazi del Museo, dedicato a Giacomo Pomili detto “Il Tarpato”, il visitatore può conoscere l’ampia ispirazione dell’artista, attraverso 5 stanze tematiche, dedicate alle opere d’esordio, alle leggende dipinte, ai quadri sensuali dominati dalle figure femminili e dal paesaggio.

MUSEO ILLUSTRAZIONE COMICA

Il museo, al piano terra del Kursaal, espone opere d’arte disegni ed illustrazioni comico-satiriche, nonché manifesti cinematografici, dedicati ai miti della comicità e a personaggi famosi dello spettacolo.

MUSEO SISTINO

Si trova nella chiesa di San Giovanni battista, il museo è dedicato principalmente alla memoria di Felice Peretti. C’è un’esposizione di oggetti di pregevole fattura del Sommo Pontefice e di opere di famosi artisti d’epoca.

lago di garda
viaggi

idee per un week-end sul lago di garda

lago di garda

Week-end sul lago di garda? eccovi qualche idea:

BARDOLINO

Paesino dai mille volti, è stato sede di pescatori come conferma il suo grande porto, ma oggi rivela una grande vocazione vinicola, per l’ottimo vino che si produce, e turistica. In estate è il luogo ideale per il divertimento notturno.

BRENZONE SUL GARDA

È detto comune sparso, formato da 16 piccole frazioni distribuite lungo il suo ampio territorio, che va dalle rive del lago alla cima del Baldo, senza un centro principale. A vocazione prettamente turistica, offre splendide spiagge e caratteristici rifugi montani.

CASTELNUOVO DEL GARDA

Questo comune è un luogo interessante da visitare con il suo castello e le numerose chiese, famoso soprattutto per i parchi divertimento che ospita sul suo territorio. Per gli appassionati di sport acquatici le spiagge sono tra le più attrezzate del Garda ma vale la pena esplorare anche le colline con i numerosi ulivi e vigneti, magari per una passeggiata.

COSTERMANO SUL GARDA

Nell’entroterra tra Torri e Garda, questo piccolo comune ospita un Cimitero Militare Tedesco e alcune splendide ville settecentesche. Si sviluppa su 7 colli, proprio come Roma!

GARDA

Deve il suo nome alla Rocca, una fortezza che sorgeva sulla collina alle sue spalle. Il lungolago è uno dei più piacevoli e caratteristici del Lago, con un’antica Pieve ed eleganti ville veneziane. Poco distante, l’affascinante penisola di Punta Virgilio.

Continue reading “idee per un week-end sul lago di garda”

lazio
viaggi

Cosa vedere a Gaeta

lazio

Gaeta è un borgo medievale che offre piacevoli itinerari alla scoperta della sua storia: Cattedrale Santi Erasmo e Marciano, Santissima Annunziata, Il Tempio di San Francesco, da cui è possibile godere di un meraviglioso panorama. Il centro di Gaeta, brulica di chiese e di arte. Oltre al Campanile e al notevole Cero Pasquale del Duomo, degna di nota è la Cappella dell’Immacolata Concezione detta anche Cappella D’Oro un piccolo scrigno d’arte barocca, annessa alla SS.Annunziata. La Chiesa di San Giovanni a Mare si contraddistingue, invece, per la sua cupola d’ascenda spiccatamente araba. Il viaggio continua tra il Castello Angioino Aragonese e il Museo Diocesano. Fiore all’occhiello di Gaeta è sicuramente l’incantevole Monte Orlando, area protetta a picco sul mare, dove fare escursioni e godersi il paesaggio della macchia mediterranea e visitare il Mausoleo di Munazio Planco, e le fortificazioni di epoca borbonica. Molto suggestivo è il Santuario della SS.Trinità sulla Montagna Spaccata.

LE 7 SPIAGGE

La peculiarità comune a tutte le spiagge è la presenza di sabbia chiara di grana molto fine, mare limpido e fitta vegetazione mediterranea a farle da contorno ogni spiaggia presenta dei tratti distintivi che la rendono unica.

SPIAGGIA DI SERAPO

È la spiaggia principale di Gaeta. Vicina al centro città e al borgo medievale.

SPIAGGIA DI FONTANIA

Sul suo lato orientale si trovano 2 grandi grotte e sul fondo di quella sinistra si trova una piccola fonte.

SPIAGGIA DEI 40 REMI

Piccola spiaggia raggiungibile solo in barca, canoa o a nuoto. Poco distante si trova il Pozzo del Diavolo, una grotta che si apre all’improvviso nella roccia e dopo un salto do 50 metri sprofonda nel mare.

SPIAGGIA DELL’ARIANNA

Ha acque limpide.

SPIAGGIA DELL’ARENAUTA

In passato l’unico modo per raggiungerla era scendere una scalinata di 300 gradini.

SPIAGGIA DI SAN VITO

È accessibile solo tramite le strutture ricettive che si trovano li.

SPIAGGIA DI SANT’AGOSTINO

È lunga 2 km ed è così la spiaggia più lunga ed anche la più frequentata di Gaeta.

SPORT

Ci sono vari sport acquatici praticabili a Gaeta: canoa, surf, windsurf, kitesurf, diving, snorkeling e pesca turistica.

 

SE volete una guida completa e dettagliata: giadastellato@yahoo.it

venezuela
viaggi

cosa vedere a caracas (parte 3)

venezuela

Altre cose stupende da vedere assolutamente a Caracas.

MIRADOR DE LA TORRE OESTE

Dalla terrazza posta al 52° piano di questa torre, si gode uno dei più bei panorami di Caracas. Per accedervi però, bisogna prima andare all’ufficio della vigilanza.

MUSEO DE ARTE CONTEMPORANEO

Il museo, che occupa l’estremità orientale del Parque Central, è di gran lunga il museo d’arte contemporanea più importante del Venezuela e forse di tutto il Sud America. nelle sue 16 sale distribuite su 5 piani sono esposte opere di molti famosi artisti venezuelani e internazionali.

MUSEO DE LOS NINÕS 

Il Museo dei bambini si trova all’estremità occidentale del Parque Central, qui tutto si può toccare con le mani e Si divertono grandi e piccini.

COMPLEJO CULTURAL TERESA CARRENÕ

Moderno centro culturale che assomiglia a un bunker di demento armato, ha un grande auditorium con 2400 posti a sedere e una sala minore da 400 posti dove si tengono concerti, spettacoli di danza classica, rappresentazioni teatrali, recital etc… di artisti locali e non.

ATENEO DE CARACAS

Altro centro culturale con auditorium, teatro, cinema, galleria d’arte, libreria e caffè.

MUSEO DE CIENCIAS NATURALES

Il Museo di scienze naturali, ripercorre l’evoluzione naturale con una mostra di minerali, fossili, animali imbalsamati e manufatti prodotti dalle civiltà precolombiane.

GALERIA DE ARTE NACIONAL

Presenta una vasta collezione di opere rappresentative di 5 secoli di storia dell’arte venezuelana e una mostra dedicata all’arte precolombiana.

MUSEO DE BELLAS ARTES