venezia
viaggi

Venezia itinerario 1 da piazza san Marco a Castello

venezia

Piazza San Marco è il biglietto di presentazione di Venezia nel mondo!!! è uno degli spazi pubblici più magici d’Italia.

BASILICA DI SAN MARCO

È di uno sfarzo unico che cattura tutti i sensi. La basilica ha 5 cupole, archi e finestre finemente decorati e un nucleo costruito 1000 anni fa. le sue attrazioni principali sono: gli incomparabili mosaici in pietra, purtroppo in gran parte ricoperti da tappeti. Il presbiterio con l’iconostasi, l’altare maggiore con le spoglie di San Marco, la porta della sacrestia realizzata da Sansovino e le figure bronzee. Il gioiello più prezioso, la Pala d’Oro con oro, smalto e centinaia di pietre preziose. E ovviamente gli splendidi mosaici: che raffigurano scene dell’antico e del Nuovo Testamento. Per poterli ammirare da vicino, vi consiglio di salire alla galleria accessibile dal grande portale interno. Gli ori e gli argenti bizantini sono custoditi nel Tesoro. Altra imperdibile attrazione è il Museo Marciano che si trova nella galleria sopra l’atrio. Oltre a preziosi arredi liturgici custodisce la Quadriga: sono le statue originali dei 4 cavalli di bronzo famosi in tutto il mondo risalenti all’antica Roma.

TORRE DELL’OROLOGIO

Si trova a sinistra della basilica di San Marco, il quadrante impreziosito da dorsture e smalti blu, indica non solo le ore, ma anche il movimento del Sole in funzione dei segni zodiacali e le fasi della Luna, mentre davanti alla soprastante Madonna col Bambino si inchinano solo nella settimana dell’ascensione i re magi, che escono dalla porta di sinistra.

PROCURATIE VECCHIE E NUOVE

In proseguimento della Torre dell’Orologio si trovano le Procuratie Vecchie, sotto i cui portici si apre uno dei più celebri locali storici veneziani: il Caffè Quadri. L’Ala Napoleonica, che chiude a ovest piazza San Marco, è stata costruita in forme neoclassiche come trait-d’union con le Procuratie Nuove, anch’esse alleggerite in basso da un porticato dove si apre un altro ritrovo storico, il Caffè Florian.

MUSEO CORRER

Il museo si sviluppa secondo percorsi tematici che illustrano la storia di Venezia e la sua cultura: le Sale Neoclassiche, le Stanze dell’Imperatrice Elisabetta, la Civiltà veneziana, Wunderkammer e La Quadreria, al piano superiore. Su tutte spiccano le opere di Antonio Canova, le armerie Correr e Morosini e, nella Quadreria, la produzione locale dalle origini agli inizi del XVI sec.

MUSEO ARCHEOLOGICO

Al suo interno ospita un’ampia collezione di antichità greco-romane, affiancate da esemplari egizi e assiro-babilonesi.

CAMPANILE DI SAN MARCO

Da qui, si ha un panorama a 360 gradi di Venezia.

BIBLIOTECA NAZIONALE MARCIANA

Le Sale Monumentali sono aperte al pubblico e comprendono la Libreria Sansoviniana e il Vestibolo; sono riccamente decorate e alle pareti lo stesso Sansovino volle tele raffiguranti filosofi. Qui è anche esposto l’imponente mappamondo di fra’ Mauro.

PIAZZETTA SAN MARCO

Impreziosita nel fronte rivolto all’acqua dalle colonne di Marco e di Todaro; sono ornate dalle statue dei santi protettori di Venezia: San Marco svetta su quella più vicina a Palazzo Ducale; Todaro su quella nei pressi della Libreria Sansoviniana.

PALAZZO DUCALE

L’edificio ha un prospetto che chiude il lato est della piazzetta San Marco e con l’altro si specchia nelle acque della laguna. L’impostazione dei 2 fronti è uguale: arcate a tutto sesto fungono da imposta a una loggia continua con doppio numero di archi e aperture quadrilobate e a una parete piena dal caratteristico disegno romboidale e culminante in una merlatura; i balconi, che con le finestre interrompono la parte superiore sono opera di grandi artisti. Oltre la quattrocentesca porta della Carta, posta fra la basilica e il loggiato, e il gotico arco Foscari, si apre a destra il cortile, chiuso da porticati su logge, e si ha difronte la splendida scala dei Giganti, ornata da statue del Sansovino, che progettò anche la scala d’oro, così detta per gli stucchi nella volta, che segna il vero e proprio accesso agli ambienti interni di Palazzo Ducale. Gli elementi più importanti sono: la sala del Maggior Consiglio e il Ponte dei Sospiri costruito per collegare il palazzo alle Prigioni Nuove.

RIVA DEGLI SCHIAVONI

Oggi si assiepano gondole, vaporetti e natanti e dove ha inizio  una delle passeggiate più belle della città.

CHIESA DI SAN ZACCARIA

Basta imboccare il sottoportego San Zaccaria ed ecco che a destra si apre la facciata della chiesa omonima. Prevalgono le linee rinascimentali su quelle gotiche, mentre l’interno presenta caratteristiche opposte. Straordinaria è, lungo la parete sinistra, la pala di Giovanni Bellini, cui si accompagnano la decorazione ad affresco.

CHIESA DELLA PIETÀ

All’altezza del rio dei Greci si trova questa chiesa legata ad Antonio Vivaldi, qui lui insegnava musica.

MUSEO STORICO NAVALE E PADIGLIONE DELLE NAVI

Il complesso museale comprende un edificio principale, “il granaio”, la chiesa di San Biagio e il Padiglione delle Navi. Nel museo si trova l’ultimo Bucintoro, l’imbarcazione da parate del doge.

GIARDINI PUBBLICI

Il polmone verde della città, in cui si trova la Biennale Internazionale D’Arte.

SAN PIETRO DI CASTELLO

Ingresso a pagamento.

 

PER MAGGIORI INFO DI VIAGGIO: scrivimi a giadastellato@yahoo.it  (guide dettagliate con hotel e dove mangiare).

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.