puglia
viaggi

brindisi cosa vedere in 24 ore

puglia

Vi indico i migliori posti di Brindisi da vedere in sole 24 ore:

CATTEDRALE DI SAN GIOVANNI BATTISTA (piazza Duomo)

Distrutta nel terremoto del 1743, della fabbrica originaria è rimasta oggi solo la pianta basilicale a 3 navate e tracce del mosaico pavimentale.

CASTELLI DI MARE E DI TERRA

Brindisi ne ha 2: il Castello Alfonsino o di Mare sull’isola di Sant’Andrea. Il Castello Svevo o di Terra, che si affaccia sul seno di ponente.

CHIESA DI SAN BENEDETTO

Bell’esempio di arte romanica con l’esterno scandito da una serie di arcate cieche con piccole monofore, su cui dominano le floride sculture del portale e il capitello popolato da animali. Bello il chiostro medioevale, sul quale si affacciava il vecchio monastero delle benedettine. nello spazio accanto alla chiesa, che ospita una sezione del Museo Diocesano G.Tarantini, ammirate alcune reliquie e statue, come la Madonna della Neve.

MAPRI

Il Museo Archeologico Provinciale è in piazza Duomo, attiguo all’antico portico dell’Ospedale dei Cavalieri Gerosolimitani. Già nel porticato trovate ceppi d’ancora, sculture, stele onorarie, sarcofagi, capitelli. All’interno passate dalla sezione antiquaria (ceramiche, terracotte, vetri, monete) a quella epigrafica e statuaria, dalla Preistoria e la Messapia a Brindisi in età romana, per terminare con l’interessante sezione dedicata all’archeologia subacquea e ai Bronzi di Punta del Serrone.

grecia
viaggi

cosa fare e vedere nella regione dell’epiro (grecia)

grecia

Nella regione dell’Epiro il viaggiatore può trovare testimoni della sua storia lunga e gloriosa. I siti archeologici, i monasteri e le chiese, i castelli, i villaggi tradizionali e i mulini d’acqua antichi fanno rivivere questo passato ai viaggiatori. Si tratta di un luogo, dove il presente e il passato si uniscono in armonia, che i viaggiatori possono gustare e per il quale gli abitanti possono essere orgogliosi. Questa regione offre molte opportunità per ogni genere di attività sportiva. Si può tentare di dominare i suoi fiumi impetuosi e cristallini, ci si può arrampicare su per montagne alte  oppure esplorare grotte profonde. Si può andare in bicicletta, passeggiare e andare a cavallo tutto l’anno e d’inverno si può sciare o fare snowboard sulla neve candida. In qualsiasi momento si può nuotare nelle acque calde delle famose spa o andare in windsurf o a vela sul mar Ionio. Si può ammirare il panorama dall’alto in deltaplano, fare rafting e andare in canoa sui fiumi della zona. Per i naturalisti l’Epiro è un vero paradiso. I torrenti e le cime innevate offrono un ecosistema protetto e una straordinaria varietà di specie selvatiche. Centinaia di specie rare e endemiche di fiori fioriscono  indisturbate. I vari boschi naturali ospitano decine di specie di uccelli proprio  come i fiumi e le vallate. In Epiro si trovano centinaia di ponti di ogni forma e dimensione, costruiti con varie tecniche. Sono un simbolo di questa terra antica, un piacevole ricordo del passato. Tuttavia, oggi hanno acquisito un ruolo nuovo poiché aiutano i viaggiatori dotati di grande intuizione e gli ecoturisti a scoprire questo particolare ambiente.

viaggi

cosa vedere nella grecia continentale

La Grecia è un paese ricco di bellezza, storia e cultura, le sue isole sono conosciute in tutto il mondo, ma anche la parte continentale della penisola ellenica ha numerosi luoghi di interesse. In primis la capitale Atene, culla della civiltà greca con i suoi resti archeologici di immenso valore storico artistico, in contrasto con la dinamicità urbana, senza scordarsi delle meravigliose spiagge dell’Attica. A nord spiccano la Tracia, la Macedonia e Salonicco: la seconda città del Paese è una metropoli vivace in mezzo ad una fitta rete di paesini tipici in cui scoprire la Grecia più autentica e selvaggia. Chi vuole immergersi nella natura in totale relax può optare  per la Penisola Calcidica, che si distingue per le sue spiagge sabbiose, i bassi fondali, gli uliveti e i piatti più gustosi della cucina ellenica; qui si trova anche il Monte Athos, visitabile attraverso un permesso di pochi giorni, dove immergersi in una realtà fatta di silenzio, pace e meditazione, staccando completamente dalla frenesia della vita quotidiana. Lungo la costa ionica troviamo Patrasso, considerata la porta della Grecia: città portuale, è oggi estremamente vita e moderna, grazie anche ad una sede universitaria che richiama un grande numero di giovani: il ponte Rio Antirio rappresenta un emblema della città.