viaggi

Il cantone di vaud in inverno

Centinaia di chilometri di piste. Itinerari per il fondo, le ciaspole, le passeggiate. Discese in slittino e fat bike. Un ponte sospeso sul ghiacciaio. la magia dei mercatini di Natale. le occasioni per divertirsi tuttto l’anno. I caroselli bianchi che si sviluppano nella Regione del Lago di Ginevra, dalle vette delle Alpi alle alture dei Giura fino ai laghi. Rese ancor più affascinanti dal manto candido, le località sono accessibili con treni di montagna o linee di autobus. O salendo a bordo delle carrozze panoramiche Belle Époque, in un viaggio dedicato al formaggio. Villars, Gryon, Les Diablerets e Glacier 3000: con quasi 130 chilometri di piste da poco collegate, è la zona sciistica più ampia. Il paese principale è Villars sur Ollon, adagiato a 1.300 metri su una terrazza aperta sullo spettacolo del Monte Bianco, i Dents du Midi, la Valle del Rodano. Si scia su tracciati rossi e blu che scendono dalla cima del Grand Chamossaire, a 2.120 metri, al paese di Villars, o dai 2.020 metri della Croix des Chaux fino a Gryon. Un comprensorio ideale per le famiglie. Gli amanti del fondo trovano 50 chilometri di anelli tra Traveyanne e Solalex, nella natura selvaggia di valli solitarie. Le aree più appartate accolgono anche gli appassionati delle passeggiate nella neve o dei percorsi con le ciaspole. Non mancano neppure le avventure più adrenaliniche, come il fenomeno del momento, la fat bike. Cugina evoluta della mountain bike, ha gomme e cerchioni molto larghi. La si prova sulla nuova pista che scende da Bretaye verso la Roc à l’Ours e la strada del Col de la Croix, fino a Villars. Le piste di Villars-Gryon sono collegate ai pendii di Meilleret, uno dei tre comprensori di Les Diablerets, grazioso villaggio dal sapore ancora autentico. Accucciato ai piedi del massiccio da cui prende il nome, è composto da caratteristici chalet di legno. L’altrocomprensorio del paese, Isenau, in questa stagione è dedicato al freeride e allo scialpinismo, in attesa dell’impianto che ridarà nuova vita alla zona. Non solo sci anche nel comprensorio di Meilleret, dove gli amanti dello slittino trovano una pista, aperta pure di notte, lunga sette chilometri. Da non perdere è il Glacier 3000, splendido domain skiable sul ghiacciaio, raggiungibile dal Col du Pillon con la funivia che sale ai 3.000 metri della cima. Lassù, oltre al The Peak Walk by Tissot, ponte sospeso da batticuore, il divertente Alpine Coaster, le discese sugli sci e gli appassionanti fuoripista.

Annunci
viaggi

sport acquatici nel cantone di vaud

svizzera

Con 831 chilometri quadrati coperti dai laghi, dal più grande, quello di Ginevra, al piccolo specchio di Joux, passando per quello di Neuchâtel e di Morat, il cantone di Vaud ha anche un animo blu. Mentre ci si rilassa a bordo delle navi d’epoca della CGN, il territorio accoglie gli amanti degli sport acquatici. Oltre a vela e windsurf si praticano anche canoa, sci d’acqua e il nuovo SUP, lo Stand Up Paddle: si pagaia in piedi sulla tavola da surf. Sui numerosi torrenti si prova invece l’emozione del rafting. per esempio, nelle gole selvagge di Vanel e di Gérignoz, vicino a Château d’Oex, se scende per cinque chilometri lungo uno dei più bei percorsi svizzeri. Un’avventura indimenticabile.