ricette

gnocchetti gnudi ricotta e spinaci

gnocchetti toscani

Ingredienti per 4 persone

1 kg di spinaci freschi; 30 g di ricotta vaccina; 2 uova; 30 g di parmigiano grattugiato; 3 o 4 cucchiai di farina; 30 g di burro; nosce moscata; una foglia di salvia; un pizzico di sale.

Preparazione

lavare gli spinaci passando le foglie più volte sotto l’acqua bollente. Scolarli e strizzarli con forza perché siano il più possibile asciutti e tritarli al coltello molto finemente. In una ciotola incorporare le uova sbattute alla ricotta, aggiungere gli spinaci, la farina, una presa di parmigiano grattugiato, un pizzico di sale e di noce moscata, mescolare fino a ottenere un composto sodo e omogeneo, lasciar riposare in frigorifero per un paio d’ore. Formare degli gnocchetti con l’aiuto di un cucchiaio e infarinarli leggermente. Fondere il burro in un tegamino aromatizzandolo con una foglia di salvia. Cuocere gli gnocchetti in abbondante acqua salata in ebollizione e scolate non appena risalgono in superficie. Condire con il burro fuso e una spolverata di parmigiano.

Annunci
viaggi

viaggio in Colombia

bogotá

la Colombia è prima di tutto una visione. Un qualcosa di abbagliante, meraviglioso e maestoso… Montagne e altopiani a perdita d’occhio, valli profonde e città folli. Se la catena montuosa delle Ande taglia il paesaggio con un bisturi, la Colombia è anche la foresta amazzonica, parchi nazionali, l’orizzonte blu del Mar dei Caraibi e l’immenso Pacifico. Panorami sontuosi, architettura coloniale, cucina caraibica, atmosfera equatoriale festosa e disinvolta… Tutto si mescola dando vita a un incrocio raro e insolito. Senza dimenticare gli abitanti che reinventano un domani con il sorriso. Il viaggio inizia dalla capitale Bogotá una città arroccata, situata a oltre 2.600 metri sul livello del mare. Il centro storico di La Calderia con i suoi vicoli colorati è unico al mondo: una volta qui era rischioso muoversi anche di giorno, adesso è una delle zone più cool e giovani, perfetta anche per la sera. Non si può non andare al Museo dell’Oro, il più bello e ricco della Colombia, dove c’è la più grande collezione di manufatti d’oro al mondo. Non dimenticatevi di guardarvi attorno mentre passeggiate per le carrere, Bogotá è famosa anche per la street art: potreste vedere graffiti di artisti famosi o di future promesse. A un’ora di volo dalla capitale si atterra a Pereira si trova la zona del caffè per un’immersione nella natura colombiana. Filandia è un affasciannte villaggio con la tipica chiesa, il mercato artigianale e i caffè tradizionali; Salento, la vicina di casa ma più vivace, dove non si può non provare un espresso al Jesús Martín Café. Proprio in questa zona cresce uno dei migliori caffè arabica del mondo: è un territorio da percorrere in macchina ammirando la vastità delle piantagioni di caffè, avocado ed eucalipto, fermandosi in uno dei bar lungo la strada per godersi un arepas, tipico street food locale fatto con una tortina di mais, e un bandeja paisa, un piatto unico a base di riso, fagioli, carne, avocado e platano cotto a legna. Medellín, proclamata nel 2013 la città più innovativa del mondo, è conosciuta come la città dell’eterna primavera per il suo clima perfetto tutto l’anno. In agosto, quando viene completamente invasa dai fiori che sbocciano sui balconi e i terrazzi, inizia la fiera floreale con tantissime manifestazioni e la sfilata dei silleteros, i contadini della zona di Santa Elena che esibiscono le loro varietà floreali con uno spettacolo di colori indimenticabile. L’arrivo in aereo vi lascerà senza parole: una giungla urbana a 1.500 metri di altitudine con quasi 4 milioni di abitanti si distende sul fianco della montagna. Continue reading “viaggio in Colombia”

consigli di salute

le carote come rimedio naturale per scottature, foruncoli, dermatiti

Contro scottature, foruncoli, dermatiti

Grattugiate 3-4 carote, avvolgetele in un telo e applicatelo su punti interessati per un’oretta. Attenzione, l’ortaggio potrebbe macchiare gli abiti.

Lozione emoliente e antirughe

Intingete un batuffolo di ovatta nel succo di carota (ottenuto con una centrifuga o un estrattore) e strofinatelo su viso e collo, infine sciacquate con acqua tiepida.

ricette

taralli di farro e miglio bruno con naspro al cioccolato

taralli

Ingredienti per 24 taralli

280 g di farina di farro; 120  g di farina integrale di miglio bruno; 2 uova; 4 cucchiai di sciroppo di agave; 1 cucchiaio di olio di cocco; 1 cucchiaio di semi di anice; 1 cucchiaino di lievito per dolci; 30 ml di liquore all’anice; sale.

Per il naspro

2 cucchiai di sciroppo di agave; 1 cucchiaio di olio di cocco; 25 g di cacao amaro.

Preparazione

Mescolate in una ciotola capiente la farina di farro con la farina di miglio bruno, entrambe già setacciate, il lievito e un pizzico di sale. Nel centro formate una piccola buca e versatevi l’olio di cocco e lo sciroppo di agave, mescolateli con una forchetta e poi aggiungete le uova e i semi di anice. Iniziate a incorporare la farina dai bordi, poi versate il liquore e impastate in modo da ottenere una consistenza morbida ma non appiccicosa. Coprite e lasciate riposare per 15 minuti. Ricavate dall’impasto, sul piano di lavoro, 24 filoncini spessi nel centro e più sottili alle estremità di circa 30-35 g, lunghi 10-12 cm, che chiuderete bene ad anello. Distribuiteli su una teglia rivestita con carta da forno e infornate sul primo ripiano del forno in alto a 180°C per 15 minuti, facendo attenzione che non scuriscano troppo, soprattutto la base a contatto con la teglia. Sciogliete nel frattempo, l’olio di cocco in un pentolino su fuoco minimo. Toglietelo dal fuoco e mescolatevi lo sciroppo di agave e il cacao. Intingete subito la superficie superiore dei taralli nella glassa al cacao e lasciate riposare i dolcetti su una gratella per dolci.

ricette

berlingozzo integrale

dolce toscano

Ingredienti per 8 persone

130 g di farina integrale di farro, 120 g di farina di farro più altra per lo stampo, 3 uova, 120 g di zucchero di canna, 50 g di amaranto soffiato, 1 cuchiaio di semi di anice, 1 bustina di lievito per dolci, 210 ml di latte di mandorle, 70 ml di olio di girasole più altro per lo stampo, sale.

Preparazione

macinate l’amaranto soffiato nel mixer. Ricavate la scorza grattugiata di un’arancia. Rompete le uova separando i tuorli dagli albumi. Montate i tuorli con lo zucchero fino a ottenere una crema chiara e gonfia, unite l’olio a filo, un pizzico di sale, la scorza grattugiata dell’arancia e i semi di anice. Aggiungete, quindi, l’amaranto, il lievito e, in ultimo, le 2 farine di farro, entrambe setacciate, alternandole con il latte di mandorle. Montate a neve ferma gli albumi per 10 minuti. Poi con una spatola incorporateli a poco a poco all’impasto precedente, mescolando delicatamente dall’alto verso il basso. Versate l’impasto in uno stampo per ciambella da 24 cm oliato e infarinato, poi infornatelo a 180°C per 30-35 minuti. Lasciate raffreddare completamente il dolce su una gratella poi tagliatelo a fette e servite.

consigli di salute

tutti i benefici dell’acqua

pouring water into glass from a bottle, on blue background

Oltre a dare una sensazione di benessere generale, sono tanti i benefici dati dall’acqua al nostro organismo. Vediamoli:

Favorisce la digestione

A chi non è capitato di sentire una sensazione di pesantezza, gonfiore o bruciore allo stomaco dopo un pasto frettoloso o dopo aver cenato tardi? Quando si pranza con un panino, pasta o riso, due bicchieri d’acqua  o una bottiglietta da mezzo litro possono aiutare, se in vece a una zuppa o un brodo seguono verdura e frutta la quantità può essere inferiore.

Fa dimagrire

L’acqua aiuta a dimagrire visto che, se bevuta prima dei pasti, genera un effetto raffreddante, che attiva il metabolismo.

Aiuta ad assorbire meglio i minerali

Bere con regolarità permette all’organismo di trasportare e assorbire con minore difficoltà glucosio, minerali, vitamine idrosolubili e aminoacidi, oltre che eliminare le scorie prodotte dal metabolismo e regolare la temperatura corporea.

Rende la pelle più bella

L’acqua è fondamentale per mantenere l’elasticità e la compattezza della pelle, lubrificare le articolazioni e fungere da ammortizzatore per cervello e midollo spinale. Infine, una corretta idratazione, garantita soprattutto da acqua dall’altocontenuto di magnesio, può prevenire il nemico più temuto dalle donne: la cellulite.

tecnologia

Bentornato tra noi Commodore 64

home computer

Torna tra noi a marzo la versione mini del primo home computer. Con tutti i suoi giochi storici. Il Commodore 64, ha fatto il suo debutto nel 1982. In breve tempo, il C64 è diventato il re degli home computer. Tutti se ne sono innamorati, soprattutto per i tanti giochi che comprendeva il C64. negli anni 80 se ne sono venduti tra i 15 e i 30 milioni di pezzi, è stato un record assoluto, proprio da Guinness dei Primati. A di stanza di oltre 30 anni, il mitico Commodore 64 torna in vita e lo fa in grande stile. Sviluppato da Retro Games Ltd e distribuito da Koch Media, dal prossimo 29 marzo, sarà disponibile anche in Italia l’atteso Commodore 64 Mini. Sarà collegabile a qualsiasi televisore moderno tramite il cavo Hdmi, il nuovo Commodore 64 mini sarà grande la metà dell’originale ed è un home computer completamente funzionante, dotato di 2 porte USB, una per il joystick e l’altra per la tastiera. ovviamente non mancheranno i giochi dell’era Commodore 64, che saranno il vero punto di forza del nuovo Commodore 64 Mini. Ben 64 giochi vintage autorizzati e pre-installati all’interno del Commodore 64 Mini per tornare bambini e respirare le atmosfere del decennio che dato il via al gioco online. Saranno presenti titoli che hanno fatto la storia del video games come California Games, Rubicon, Speed Ball 2: Brutal Deluxe, Paradroid ed Impossible Mission. Non manca neanche il leggendario World Games, pubblicato, nel 1986. Per gli amanti delle corse, la possibilità di tornare in pista con Pitstop II.

eventi

la cena delle cene da eataly

il 18 Febbraio 2018 si terrà da Eataly Smeraldo a Milano la cena delle cene, in collaborazione con Parabene Forum e Alice Ristorante, viene organizzata una cena itinerante per valorizzare la visione femminile nell’alta cucina e per sostenere il forum. la cena sarà di 12 portate in cui 12 chef stellati racconteranno le donne e incontreranno gli ospiti.

Gli chef sono i seguenti:

– Elena Arzak
Ristorante Arzak, Spagna – Tre stelle Michelin

– Massimo Bottura
Osteria Francescana, Italia – Tre stelle Michelin

– Ritu Dalmia
Diva, India

– Maca De Castro
El Jardin, Spagna – 1 stella Michelin

– Antonia Klugmann
L’Argine a Vencò, Italia – 1 stella Michelin

– Philippe Leveille
Miramonti l’Altro, Italia – 2 stelle Michelin

– Fina Puigdevall
Les Cols, Spagna – 2 stelle Michelin

– Titti Qvarnstrom
Bloom in the Park, Svezia – 1 stella Michelin

– Maria Solivellas
Ca na Toneta, Spagna 

– Malika Ewa Szyc – Juchnowicz
Restauracja Malika, Polonia

– Zahie Tellez
Mercato Roma, Messico

– Viviana Varese
Alice Ristorante, Milano – 1 stella Michelin

Il prezzo di ingresso è di 130 euro. I posti sono limitati! Scrivi una mail a stampasmeraldo@eataly.it per essere inserito nella lista d’attesa!

ricette

quiche con pere e gonrgonzola

torta salata

Ingredienti

1 confezione di pasta sfoglia pronta; 2 pere mature; 150 g di gorgonzola; 3 uova; 1,5 dl di panna fresca; 50 g di Grana Padano grattugiato; 40 g di zucchero di canna; noce moscata; origano secco; 20 g di burro; sale e pepe.

Preparazione

Sbucciate le pere, eliminate il torsolo e tagliatele a cubetti. Scaldate il burro con lo zucchero finché si sarà sciolto, unite le pere e fatele insaporire mescolando a fiamma media per 2-3 minuti, poi lasciate intiepidire. Stendete la pasta sfoglia conservando la carta in dotazione e trasferitela in uno stampo a cerniera da 20-22 cm di diametro, bucherellate il fondo con la forchetta e distribuite le pere e il Gorgonzola tagliato a pezzetti. In una ciotola, sbattete le uova con la panna e la noce moscata, aggiungete il Grana Padano, regolate di sale e pepe, poi versate il composto in forno già caldo a 180°C per circa 30 minuti, poi servite la torta tiepida.