viaggi

inverno in valchiavenna e valmalenco

lombardia

Perché andare n in verno in Valchiavenna e Valmalenco?

Per lo sci molto impegnativo a Madesimo, in Valchiavenna. Percorrendo la statale 36 verso il Passo dello Spluga e la Svizzera, ci si inoltra in un territorio selvaggio, con monti irti e spettacolari. Gli impianti sono solo 13, ma moderni. Portano dai 1.550 metri del paese ai 2.900 di Pizzo Groppera e tracciano piste famosissime, come quelle della solitaria Val di Lei o il più classico e temuto dei fuoripista, il Canalone. Circondata da Pizzo Scalino, Monte Disgrazia e Bernina, la Valmalenco offre una sessantina di km di discese, servite da 11 impianti di risalita, tra cui la Snow Eagle, la funivia più grande d’Europa, che in soli 4 minuti fa superare oltre mille metri di dislivello a 160 persone. Tra le piste più suggestive, la Gustav Thöni è celebre per il muro finale con una pendenza del 70%; quella dei Barchi per i divertenti cambi di pendenza e la Nana per i tratti veloci. Tra i più spettacolari dell’arco alpino è il Palù Park, amato dagli appassionati di snowboard e freestyle. Non mancano le piste di fondo al lago Palù e, a Lanzada, l’area per bob e slittini ed uno spazio dove i più piccoli muovono i primi passi sulla neve.