lombardia
viaggi

cosa vedere a sabbioneta

lombardia

Uno dei posti più belli in assoluto della Lombardia è Sabbioneta, ecco cosa vedere.

PALAZZO DUCALE

Al centro della città sorge il Palazzo Ducale, un tempo residenza del signore e palazzo del governo ed ora sede espositiva. Al suo interno conserva pregevoli soffitti lignei in noce e cedro del Libano, nonché la “cavalcata”, collezione di 4 statue equestri tra cui una di Vespasiano in armatura con i simboli del paese.

CHIESA DELLA BEATA VERGINE INCORONATA

Alle spalle del Palazzo Ducale si erge il corpo ottagonale della Chiesa della Beata Vergine Incoronata. Al suo interno, il mausoleo ducale ospita la statua bronzea di Vespasiano Gonzaga fusa da Leone Leoni.

PORTA VITTORIA

PALAZZO DEL CAVALLEGGERO

MUSEO D’ARTE SACRA

Nella canonica, a lato della chiesa parrocchiale, si trova invece il Museo d’Arte Sacra nel quale sono custodite preziose tele, tessuti ed il prestigioso monile del Toson d’Oro rinvenuto nella tomba ducale.

CHIESA DI SANTA MARIA ASSUNTA

Nella Piazza Ducale sorge la Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta, ha le decorazioni di gusto rocaille ed impreziosita dalla cappella del Santissimo Sacramento.

ORATORIO DI SAN ROCCO

SINAGOGA

È la viva testimonianza di un’attiva comunità ebraica già esistente ai tempi del Duca.

TEATRO ALL’ANTICA

Costituisce il primo esempio di edificio teatrale stabile ed autonomo dell’età moderna.

RESTI DELLA ROCCA

GALLERIA O CORRIDOR GRANDE

Lunga galleria annessa al palazzo, fu destinata a custodire i marmi antichi della collezione ducale.

COLONNA DI PALLADE ATENA

L’effige di Minerva posta alla sommità della colonna al centro della piazza è una scultura di età adrianea e rappresenta l’unico pezzo superstite della perduta collezione.

PALAZZO GIARDINO

Fu la villa destinata allo studio e al riposo del duca che lo fece decorare con un magnifico apparato di affreschi e stucchi di gusto manierista da Bernardino Campi.

PALAZZO FORTI

Annunci
valtellina
viaggi

cosa vedere a Grosio e Grosotto

valtellina

GROSIO

PUNTI DI INTERESSE

Parco delle incisioni rupestri, Castello San Faustino e Castello Visconti Venosta, Museo Civico Villa Visconti Venosta, Casa Cipriano Valorsa, Parrocchia di S. Giuseppe, Chiesa di S. Giorgio, Valgrosia, Percorsi MTB.

PARCO DELLE INCISIONI RUPESTRI DI GROSIO

Percorsi tra arte rupestre, Archeologia, Castelli e Natura. La visita al parco permette di conoscere la parte più antica della storia valtellinese con le suggestive incisioni della Rupe Magna. Da non perdere i reperti archeologici della mostra permanente “Antiquarium” e una visita al Castello di S. Faustino e al Castello Nuovo dalla quale si può trarre un’importante testimonianza delle vicende medievali.

VILLA VISCONTI VENOSTA DI GROSIO

La villa costituisce un raro esempio di dimora nobiliare arredata secondo il gusto dell’epoca (XVII/XVIII), con vasto parco e “giardino all’italiana”.

GROSOTTO

Borgo caratteristico diviso nell’antichità in vari cantoni, cioè in contrade, che conserva alcuni interessanti esempi di edilizia medioevale e abitazioni del 1400-1500 d.c.

DI INTERESSE

Santuario della Beata Vergine delle Grazie, Parrocchia di Sant’Eusebio, Torchio vinario a leva del ‘700, Laghetto di Prati di Punta, Percorsi MTB.

TORCHIO VINARIO A LEVA DEL ‘700 DI GROSOTTO

In Via Patrioti, è conservato un torchio vinario a leva del ‘700 che è stato attivo da quell’epoca fino alla metà del 1970.

 

valtellina
viaggi

cosa vedere a Teglio

valtellina

Teglio è uno dei più affascinanti borghi della Valtellina. Grazie al suo clima, alla pace e alle bellezze naturali e culturali è adatto ad una vacanza in ogni stagione dell’anno. Offre la possibilità di praticare numerosi sport sia in estate che in inverno ma anche di assaporare l’ottima cucina. Patria del Pizzocchero.

DI INTERESSE

Palazzo Besta antica dimora cinquecentesca in tipico stile rinascimentale valtellinese, Casa del Cucò, Torre “de li beli miri”, Chiesetta romanica di San Pietro, Chiesa Parrocchiale di S. Eufemia, Chiesa di San Lorenzo, Chiesa di Santo Stefano, Oratorio dei Bianchi e dei Neri, Palazzo Cattani – Morelli, laghetto di pesca sportiva di Sommasassa, Prato Valentino con percorsi di ciaspole, di sci alpinismo e impianti per lo sci alpino, Percorsi MTB.

CHIESA PARROCCHIALE DI SANTA EUFEMIA DI TEGLIO

La chiesa parrocchiale di Teglio sorge ai piedi del dosso dell’antico “Castrum Tilli”. Posta al centro del paese, è stata la chiesa madre della Castellanza e del Comune di Teglio.

PALAZZO BESTA DI TEGLIO

Antica e maestosa dimora nobiliare valtellinese del Cinquecento, custodisce diverse sale affrescate, tra le quali quella della Creazione con l’affascinante planisfero e le “stue” lignee. Nelle sale al piano terra è allestito l’Antiquarium Tellinum che raccoglie remote testimonianze della civiltà e dell’arte valtellinese.

PRATO VALENTINO

L’Alpe di Teglio: luogo lontano dal caos, nel cuore della Valtellina, una terrazza panoramica baciata dal sole. Ideale per trascorrere con l’intera famiglia momenti di relax e svago sulla neve a costi a prova di crisi.

valtellina
viaggi

cosa vedere ad Aprica

valtellina

Aprica è un moderno centro turistico che soddisfa le esigenze dello sportivo, dell’escursionista, delle famiglie e degli amanti della montagna; immersa nel Parco delle Orobie Valtellinesi ospita l’affascinante “Osservatorio Eco-faunistico Alpino” dove sono ospitati numerosi animali appartenenti alla fauna alpina e agli ungulati.

DI INTERESSE

Skiarea Aprica, Pian di Grembo e Trivigno con tracciati di sci nordico e percorsi ciaspole, Parco Regionale delle Orobie Valtellinesi, Osservatorio Eco-faunistico Alpino, Riserva Naturale di Pian di Grembo, Riserva naturale delle Valli di Sant’Antonio, Val Belviso e lago di Belviso, Val Caronella, Val Bondone, Murales nelle contrade Santa Maria, Dosso e San Pietro, Percorsi MTB e Fat Bike. 

OSSERVATORIO ECO-FAUNISTICO ALPINO

Ad Aprica, alle porte del Parco delle Orobie Valtellinesi, si trova l’Osservatorio Eco-faunistico Alpino, una vasta area di oltre 25 ettari, all’interno della quale si snoda un sentiero attrezzato dove il visitatore ha l’opportunità di conoscere la natura e osservare da vicino alcune specie animali che popolano il Parco. Durante la passeggiata è possibile ammirare numerosi animali appartenenti alla fauna alpina e agli ungulati. All’interno dell’osservatorio c’è inoltre l’area faunistica dell’orso bruno delle Alpi che ospita due esemplari di questo imponente e massiccio plantigrado osservabile da alcuni punti strategici.

RISERVA NATURALE DI PAN GI GEMBO

Antica torbiera posta su un ampio pianoro poco lontano da Aprica, ora tutelata e pronta ad ospitare rilassanti passeggiate in estate e, con la neve, in grado di appagare la voglia di sci nordico e di escursioni con le ciaspole e fat bike dei più sportivi. Specie rare di flora e fauna popolano questa zona. All’interno della Riserva Naturale di Pian di Gembo è possibile visitare “l’aula didattica” ed osservare alcuni esempi di specie animali e vegetali tipici della torbiera, tra cui esemplari di piantine carnivore.

SKIAREA APRICA

Aria salubre, sole, neve assicurata da dicembre ad aprile, 50 km di piste accuratamente battute, provviste di innevamento artificiale che scendono da quota 2300 m. fino in paese, collegate tra loro, per correre sugli sci, da una parte all’altra della skiarea, ampio campo scuola in zona Campetti, percorsi di sci alpino, pista di pattinaggio, piscina coperta, ottima ricettività in albergo o in appartamento. Aprica è la meta ideale per chi ama la montagna, lo sport e la natura. La stupenda oasi di Pian di Gembro il pianoro di Trivigno riservano una piacevole sorpresa anche ai fondisti più esigenti: 14 km su due anelli per l’alternato e la tecnica classica, agli amanti delle due ruote con itinerari per FAT Bike e agli escursionisti con le racchette da neve percorsi accuratamente tracciati per rilassarsi, ammirando il paesaggio circostante.

valtellina
viaggi

cosa vedere a Tirano

valtellina

Tirano è l’antichissimo capoluogo del Terziere superiore, nel corso del medioevo si è arricchito di castelli e palazzi, di cui oggi rimangono le testimonianze. L’edificazione del santuario dedicato della Beata Vergine Maria, ad oggi il monumento religioso più importante della Valtellina. Tirano è inoltre capolinea della Ferrovia Retica.

DI INTERESSE

Basilica della madonna di Tirano, Museo Etnografico Tiranese, Stele dell’emigrante, Chiese di Santa Perpetua, San Martino, San Rocco, Sant’Agostino – Centro storico della città con le mura sforzesche e le porte Bormina, Milanese e Poschiavina e storici palazzi, Castello di Santa Maria, Museo e Palazzo Salis, Palazzo Merizzi, Museo Casa D’Oro Lambertenghi, Trenino Rosso Del Bernina, Alpe Trivigno, Forte Sertoli, Frazioni Roncaiola, Baruffini, Sentieri del Contrabbando, Case Vinicole, Servizio Rent a Bike, Sentiero Valtellina, Percorsi MTB, Cammino Mariano delle Alpi.

BASILICA DELLA MADONNA DI TIRANO

Il Santuario a 3 navate a croce latina è il più importante esempio del Rinascimento in Valtellina, ed è stato costruito in onore alla Vergine Maria che il 29 settembre 1504 apparve a Mario Omodei. Il Santuario ricco di stucchi e sculture, conserva all’interno un’imponente organo.

MUSEO ETNOGRAFICO TIRANESE

Il museo, ospitato presso la settecentesca “Casa del Penitenziere” è stato costruito per documentare la cultura del mondo contadino e montanaro valtellinese.

PALAZZO SALIS DI TIRANO

Al suo interno si possono ammirare 10 sale magnificamente affrescate che si affacciano sull’antica “Corte dei Cavalli” e uno splendido giardino all’italiana, custodito all’interno del Palazzo.

CHIESA PARROCCHIALE DI SAN MARTINO DI TIRANO

Costruzione in stile romanico a 3 navate con 4 cappelle su ogni lato.

 

viaggi

Cosa fare in Valtellina

La Valtellina è un’ampia regione alpina che corre per quasi 200 km nel centro delle Alpi, tra Italia e Svizzera, nel nord della Lombardia. Un territorio molto vario che dal Lago di Como alle cime del Bernina offre infiniti ambienti. Un ampio fondovalle coltivato  a mele, vigneti terrazzati, boschi, alpeggi, praterie d’alta quota fino alle maestose cime e ai ghiacciai. Un’offerta turistica di prestigio con località famose come Livigno, Bormio, S. Caterina Valfurva, Madesimo, Aprica, Valmalenco e Valmasino. Sport, buona cucina, cultura e tradizioni, terme, importanti eventi sono parte degli ingredienti di una vacanza in Valtellina… il cuore delle Alpi.

SPORT

Per chi cerca una vacanza sportiva la Valtellina offre pane per i suoi denti, con lo sci in Aprica e Teglio, il trekking, la mountain bike, il ciclismo sui passi Mortirolo, Santa Cristina, Aprica, Bernina e sui vicini Stelvio  e Gavia. Per chi non vuole emulare le imprese del Giro d’Italia c’è il Sentiero Valtellina, pista ciclabile di fondovalle adatta a tutti che porta fino al lago di Como e la Via  dei Terrazzamenti, percorso che collega Morbegno a Tirano sulla mezza costa retica, che si caratterizza per la presenza dei terrazzamenti  vitati. E poi passeggiate per tutti i gusti, in Valgrosina e nelle valli del Parco delle Orobie Valtellinesi, ma anche lungo itinerari più curiosi come “il sentiero del contrabbando” che ripercorre, in una terra di confine, le rotte seguite dagli “spalloni” verso la Svizzera e il Cammino Mariano delle Alpi, itinerario fra i santuari Mariani della Valtellina. 

franciacorta
viaggi

viaggio sul treno dei sapori

franciacorta

Una delle cose da fare in Lombardia è salire sul treno dei sapori.

Un giro a piedi con guida nel centro storico medievale di Iseo, con la chiesa di Sant’Andrea, il palazzo dell’Arsenale e il castello Oldofredi, poi si sale sul treno e da subito cominciano le degustazioni. Bollicine Franciacorta come aperitivo sono accompagnate da tanti stuzzichini a base dei prodotti del territorio, mentre il treno costeggia la sponda bresciana del Lago d’Iseo fino a Pisogne, per la prima tappa. Si scende e (sempre con la guida) si visita la chiesa di Santa Maria della Neve per ammirare gli affreschi del pittore bresciano Girolamo Romanino, terminati nel 1534. Di nuovo a bordo per il pranzo con salumi e formaggi tipici, gnocchi ripieni al formaggio Rosa Camuna e la polenta con i funghi e lo strinù con 2 vini della Franciacorta. Dopo il caffè, la grappa e il dolce, inizia il rientro, fermandosi a Borgonato per la visita del borgo antico San Vitale, caratterizzato da un complesso principale fatto da edifici di epoche diverse e della sua distilleria. Infine si torna alla stazione di Iseo.

IL VIAGGIO

Il Treno dei Sapori viaggia tutti i sabati e le domeniche partendo alle 10 dalla stazione di Iseo dove si ritorna intorno alle 17/18. Gli itinerari sono un bel po’. Il biglietto costa 64 euro e comprende, oltre al viaggio, gli ingressi per le visite lungo il percorso, la guida, l’assicurazione, l’aperitivo e il pranzo.

http://trenodeisapori.area3v.com

 

lago di garda
viaggi

idee per un week-end sul lago di garda

lago di garda

Week-end sul lago di garda? eccovi qualche idea:

BARDOLINO

Paesino dai mille volti, è stato sede di pescatori come conferma il suo grande porto, ma oggi rivela una grande vocazione vinicola, per l’ottimo vino che si produce, e turistica. In estate è il luogo ideale per il divertimento notturno.

BRENZONE SUL GARDA

È detto comune sparso, formato da 16 piccole frazioni distribuite lungo il suo ampio territorio, che va dalle rive del lago alla cima del Baldo, senza un centro principale. A vocazione prettamente turistica, offre splendide spiagge e caratteristici rifugi montani.

CASTELNUOVO DEL GARDA

Questo comune è un luogo interessante da visitare con il suo castello e le numerose chiese, famoso soprattutto per i parchi divertimento che ospita sul suo territorio. Per gli appassionati di sport acquatici le spiagge sono tra le più attrezzate del Garda ma vale la pena esplorare anche le colline con i numerosi ulivi e vigneti, magari per una passeggiata.

COSTERMANO SUL GARDA

Nell’entroterra tra Torri e Garda, questo piccolo comune ospita un Cimitero Militare Tedesco e alcune splendide ville settecentesche. Si sviluppa su 7 colli, proprio come Roma!

GARDA

Deve il suo nome alla Rocca, una fortezza che sorgeva sulla collina alle sue spalle. Il lungolago è uno dei più piacevoli e caratteristici del Lago, con un’antica Pieve ed eleganti ville veneziane. Poco distante, l’affascinante penisola di Punta Virgilio.

Continue reading “idee per un week-end sul lago di garda”

brescia
viaggi

cosa vedere a brescia (parte 2)

brescia

Eccovi la seconda e ultima parte delle cose più importanti di Brescia:

MUSEO DEL FERRO

Uno dei 3 poli espositivi e tematici del Musil (Museo dell’Industria e del Lavoro di Brescia), è dedicato alla lavorazione dei metalli nel corso dei secoli ed è ospitato nell’ultimo edificio cittadino dotato di molatura e maglio.

Indirizzo: via del Manestro 117

MO.CA 

A Palazzo Martinengo Colleoni ex-sede del tribunale, è uno spazio di impresa e cultura dove trovano posto atelier di artisti, un centro per la fotografia e un hub per startup.

Indirizzo: via Moretto 78

LE ALI DI COLETTE MILLER

La famosa street artist californiana ha scelto Brescia come prima e unica città italiana dove dipingere le iconiche “ali” che appaiono in molte città del mondo. E le ha realizzate sulla parete di un cortile interno di AreaDocks.

Indirizzo: via Sangervasio 12/A

SPETTRO

Associazione culturale che si occupa di nuove tendenze sonore e nuovo punto di aggregazione per i bresciani che amano la musica live, contemporanea e sperimentale.

Indirizzo: via Soldini 51

GARE 82

Galleria d’arte contemporanea ricavata in un vecchio casello ferroviario a pochi passi dalla stazione. È anche uno spazio espositivo per gli artisti emergenti.

Indirizzo: via Togni 31.

 

PER GUIDE PERSONALIZZATE DELLA CITTà: giadastellato@yahoo.it

brescia
viaggi

cosa vedere a brescia

brescia

Vi propongo i migliori posti da visitare a Brescia.

BRIXIA PARCO ARCHEOLOGICO

Il più esteso sito romano del Nord Italia è affacciato sull’antico Foro e comprende gli affreschi e i mosaici del santuario repubblicano, l’imponente Capitolium e il grande Teatro.

Indirizzo: via dei Musei 55

MUSEO DI SANTA GIULIA

Patrimonio Unesco, l’ex monastero longobardo racconta la storia di Brescia attraverso 11 mila reperti ambientati tra la Domus dell’Ortiglia, la basilica di San Salvatore, l’oratorio di Santa Maria in Solario e il Coro delle monache.

Indirizzo: via dei Musei 81/b

PINACOTECA TOSIO MARTINENGO

Recentemente restaurata, vanta collezioni di arte decorativa, e capolavori rinascimentali da Raffaello ai maggiori pittori bresciani.

Indirizzo: Piazza Moretto

CASTELLO E MUSEO DELE ARMI “LUIGI MARZOLI”

Mastio, mura merlate di epoca viscontea e possenti bastioni veneziani compongono il complesso monumentale arroccato sul colle Cidneo. Ospita una delle più pregiate raccolte di armi antiche e armature, espressione della secolare tradizione armiera del Bresciano.

Indirizzo: Castello di Brescia

C.A.R.M.E.

Emblema della rivalutazione culturale del Carmine, è lo spazio espositivo e per eventi ricavato in una chiesa sconsacrata e gestito da associazioni impegnate nella valorizzazione del quartiere.

Indirizzo: via delle Battaglie 61/1

I PILONI DI SANPOLINO

Le strutture di sostegno della linea metropolitana sono diventate pagine di street art. Oltre un km di affreschi firmati da italiani e stranieri.

Indirizzo: stazione metropolitana Sanpolino.

Per guide e itinerari personalizzati della città a basso prezzo, scrivetemi alla mail: giada31588@gmail.com