sardegna
viaggi

cosa vedere a cagliari (parte 1)

sardegna

Quando si visita Cagliari,  a ogni tappa si scopre un nuovo punto da guardare, affacciandosi dai belvedere, godendo le passeggiate alberate o stando seduti nelle panchine dei bastioni. Si possono percorrere le stradine degli antichi quartieri ammirando i particolari degli edifici, entrando a visitare le chiesette e magari sbirciando nei portoni aperti. Ma si può anche vedere tutto questo dalle torri, dai colli, o dalle passeggiate panoramiche.

IL QUARTIERE DI CASTELLO

Si trova su un colle, i suoi fianchi sono fasciati da muraglioni di pietra bianca. Ha una forma allungata, con un vertice, il Bastione di Saint Remy, che guarda al mare, e l’altro, l’antico Arsenale che guarda alla pianura. Si gira a piedi, di stradina in stradina fra negozietti di antiquariato, piccoli bar che sembrano fermi nel tempo, palazzetti restaurati e palazzi nobiliari che portano ancora i segni della guerra. Lungo i percorso dei bastioni si affacciano caffè e locali popolati fino a tardi.

LE DUE TORRI PISANE

la Torre dell’Elefante e la Torre di San Pancrazio. Sono costruite in pietra, con il lato che guarda all’interno delle mura aperto, e con le scale in legno. Il panorama dalla cima di entrambe è magnifico.

IL CASTELLO DI SAN MICHELE

In cima al suo colle. È una fortezza medievale, circondata da un fossato e da un parco. prima veniva usato per scopi militari, oggi ospita eventi culturali e mostre.

IL BASTIONE DI SAINT REMY

È la terrazza più spettacolare della città. Ci sono panchine, bar con i tavolini e un panorama che abbraccia i quartieri storici, i colli, tutto il golfo e gli stagni.

LA PASSEGGIATA DI BUONCAMMINO

È ventilata, ombreggiata dai pini e guarda a ovest verso la laguna di Santa Giulia e i monti di Capoterra. Il posto ideale per ammirare il tramonto.

viaggi

le strade più belle d’Europa

Vi parlo delle strade più belle d’Europa. 7 itinerari che colpiscono il cuore.

ITINERARIO MARGHERITA (DANIMARCA)

Bianche scogliere a picco sul Mar Baltico, stradine in fiore e castelli rinascimentali, come Egeskov e Kronborg. Tragitto di 3.400 km che attraversa quasi tutto il paese e include 200 attrazioni turistiche.

WILD ATLANTIC WAY (IRLANDA)

Una strada costiera di 2.500 km, dal capo di Malin Head nel Donegal, fino alla vivace città di Cork, passando per Galway. Incontrerete promontori rocciosi, silenzio e onde da surf, le isolate baie di Keem Strand, le famose Cliffs of Moher, le grandi penisole del sud-ovest e la costa degli antichi villaggi vichinghi.

ESTORIL OCEAN ROAD (PORTOGALLO)

Borghi, foreste e spiagge scorrono lungo la strada che in poco più di 70 km porta da Estoril a Cascais, affascinante mix di rocce scolpite dal vento, antichi palazzi nobiliari e pescherecci, e poi nell’entroterra fino alla bellissima Sintra.

SOUTH WEST COAST (SCOZIA)

Rosse palafitte tra gli scogli del Mare del Nord, fitte foreste di pini, calette bianche come il borotalco, strade deserte: lunga 80 km parte da Helsingborg e arriva a Halmstad.

ROUTE N.1 (ISLANDA)

Dalle cascate di Seljalandsfoss e Skogafoss alla maestosa silhouette del vulcano Hekla, fino alla laguna glaciale di Jokulsarlon, dove le foche prendono il sole sugli iceberg: circuito da 1.339 km.

STRADA ROMANTICA (GERMANIA)

Osservando il castello di Neuschwanstein, sul ciglio di una gola tra foreste e montagne, si intuisce perché questo tratto di Baviera si chiami romantica. La strada, circa 400 km, collega Fussen, la città dei violini, a Wurzburg, con la sua bellissima Residenza barocca.

ITINERARIO DEI BULBI (OLANDA)

Dal finestrino dell’auto sembrano sgargianti creazioni all’insegna della street art, invece sono i campi del Noordoostpolder, dipinti da milioni di tulipani in fiore da marzo a maggio. Lungo i circa 100 km di strada c’è anche il giardino di “Tulpenpluktuin”, a Marknesse, l’unico dove  è possibile raccoglierli per farsi da soli un bouquet.

viaggi

castelli da vedere in lombardia (parte 1)

Vi segnalo dei castelli da vedere in Lombardia.

Castello di Malpaga a Cavernago

A Cavernago, piccolo comune all’interno del parco del Serio, c’è una fortezza con all’interno le testimonianze di una vita di corte dedita al bien vivre, all’arte e alla cultura. Qui c’è il castello di Malpaga, dove i magnifici saloni affrescati testimoniano di una vita di corte molto attiva, di un Signore particolarmente attento all’arte e alla cultura. Il castello, che ancora oggi  è circondato dai campi coltivati, è l’epicentro dell’attività di Permalpaga, il progetto di rinascita del luogo imperniato sull’agricoltura innovativa, sulle energie rinnovabili e sul recupero del borgo storico e la sua valorizzazione come centro di attività culturali.

Castello di San Vigilio (Bergamo) 

Il Castello di San Vigilio costituiva l’ultimo bastione della difesa cittadina: se cadeva San Vigilio, cadeva Bergamo. Ed è per questo motivo che, nel corso dei secoli, sotto le sue mura è stato scavato un vero e proprio reticolato di tunnel, passaggi segreti e diverse vie di fuga da utilizzare in caso di pericolo e attacchi nemici. Oggi il Castello di presenta come una struttura imponente, capace di trasmettere una sensazione di potenza, grazie alla caratteristica pianta a stella, i 4 torrioni, le merlature, i camminamenti, le cannoniere e le feritoie. Si trova sull’omonimo colle, dal quale sovrasta la Città Alta, oggi il castello è di proprietà del comune che lo ha riaperto al pubblico, ripristinando anche la funicolare che costituisce forse il modo migliore per raggiungerlo. Infine, grazie al gruppo speleologico Le Nottole, è possibile visitare il passaggio segreto che univa il castello al Forte di San Marco, nella parte settentrionale della cinta muraria che cinge l’abitato.

Rocca di Bergamo 

costruito sul colle di Sant’ Eufemia, a Bergamo Alta, da dove domina l’abitato e la pianura circostante con una vista che si spinge fino alla Val Brembana, a Treviglio e a Milano. La struttura si presenta oggi con un mastio quadrangolare ai cui angoli si ergono altrettanti torri a pianta quadrata. Da non perdere la salita alla torre del Mastio, per godere di una bellissima veduta che spazia dalla pianura padana, a sud, fino alle Alpi Orobie, a nord. Oggi il complesso ospita il Museo storico cittadino: passeggiando lungo i suoi camminamenti è possibile ammirare i pezzi di maggiore impatto della collezione, tra i quali cannoni e carrarmati.

Castello di Brescia 

si trova sul colle Cidneo, il castello è un elemento fortemente caratterizzante del profilo cittadino, adagiato lungo uno dei pendii del colle, ben visibile da qualunque direttrice si giunga a Brescia. Si tratta di una struttura imponente e molto estesa, che nel corso dei secoli ha subito diversi interventi e modifiche che sono ancora oggi ben riconoscibili. Al suo interno cela un reticolo di stradine e ambienti nascosti, oltre al più antico e pregiato vigneto cittadino, che costituiscono un grande richiamo per numerosissimi visitatori. Inoltre il castello ospita il Museo delle Armi Luigi Marzoli e il Museo del Risorgimento.