consigli di salute

rimedi contro il mal di testa

mal di testa

Ecco dei veloci e facili rimedi per eliminare il mal di testa.

Salamoia

Bere un bicchiere del liquido dei sottaceti (acqua, aceto, zucchero e sale) prima di dormire previene i postumi di una sbornia. Grazie al suo elevato contenuto di elettroliti, può aiutarti a combattere un mal di testa pulsante.

Anguria

La disidratazione è un fattore scatenante del mal di testa, quindi l’anguria, ricca di acqua e minerali, ti darà sollievo. Ok a verdure a foglia verde scuro, come cardi e spinaci: il loro  contenuto di magnesio riduce la frequenza degli attacchi di emicrania.

Annunci
consigli di salute

stop al mal di testa con l’omeopatia

cure omeopatiche

l’omeopatia

Che si tratti di cefalea dovuta a stress e tensione, oppure di vera e propria emicrania, il mal di testa trova sollievo con i seguenti rimedi omeopatici:

Acta racemosa 5 CH 5 granuli, una-tre volte al di, adatta quando la cefalea parte dal collo e dalla colonna vertebrale, e peggiora con i colpi di freddo. Dulcamara 9 CH 5 granuli ogni due ore è più adatta se alla cefalea censiva si associa torcicollo dovuto al freddo e all’umidità. Rhys toxicodendron 7 CH 5 granuli, una-tre volte al dì, va bene per il mal di testa dovuto a eccessiva immobilità, che migliora con il movimento. Se il mal di testa è pulsante, peggiorato da luce, rumore e movimento, con volto arrossato e bocca secca, occorre Belladonna 9 CH 5 granuli, ogni quarto d’ora, diradando le assunzioni quando si migliora. Lux vomica 7 CH 5 granuli, tre volte al dì, va bene quando il mal di testa si accompagna a tensione gastrica e difficoltà digestive. Natrum muriaticum 15 CH una dose unica alla settimana è per il mal di testa di chi studia oppure svolge un lavoro intellettuale, che migliora con il riposo e le applicazioni fredde.

 

consigli di salute

benessere: gli usi dello zafferano

zafferano-in-polvere

Per rendere i capelli luminosi:

L’impacco di zafferano da bellezza luminosità ai capelli. Per una capigliatura media, si prepara mescolando con cura due bustine  di zafferano in polvere a uno yogurt intero da 125 g. Si diluisce con poco olio di ricino, fino a ottenere un impasto fluido che va spalmato sui capelli non lavati. Si tiene in posa per 15 minuti coprendo la testa con pellicola trasparente. Si elimina poi risciacquando con cura, usando acqua tiepida e uno shampoo delicato. Aumentando la dose di olio di ricino e scegliendo uno yogurt più compatto come quello greco, si ottiene un effetto districante per i capelli crespi, ricci e molto secchi. Si può utilizzare una volta a settimana.

Per la linea:

Nella dieta dimagrante lo zafferano è utile per il suo effetto di stimolo della circolazione e del metabolismo e quando il sovrappeso è associato ad accumulo di tossine e livelli alti di colesterolo e trigliceridi. In questi casi è utile la tintura madre di zafferano. Se ne prendono 40 gocce dopo pranzo e cena in un bicchiere d’acqua, con cicli di 4 mesi e un mese di stop.

Peeling illuminante per il viso:

Come per i capelli, anche per la pelle del viso i carotenoidi in sinergia con i sali minerali hanno un effetto illuminante, particolarmente utile durante l’autunno e l’inverno quando il viso può apparire spento e poco idratato. Si mescola una bustina di zafferano a un cucchiaino di bicarbonato, aggiungendo latte tiepido, fino a ottenere una pastella liscia. Si passa sul viso lavato e umido, facendo un massaggio circolatorio dal centro verso l’esterno del viso. Il peeling si fa per 5 minuti con delicatezza, risciacquando con acqua fresca. Importante dopo ogni peeling è l’applicazione di un tonico rinfrescante.

Sollievo al dolore cervicale:

Un unguento che viene dalla tradizione monastica umbra è quello contro il torcicollo, i dolori articolari, la rigidità cervicale e la cefalea. Si prepara mettendone una bustina in 100ml di olio di mandorle. Si lascia a macerare per una settimana al buio, agitando di tanto in tanto. Infine si filtra con la carta velina e si utilizza, massaggiando poche gocce sulla parte dolorante. Massaggialo sulle tempie e sul cuoio capelluto, dà veloce sollievo al mal di testa.

Per un ciclo regolare:

Buon regolatore del ciclo mestruale, lo zafferano si consiglia nei casi di ritardi o assenza del ciclo. In questi casi se ne sciogliere pizzico in una tazza di latte caldo, da bere la sera con un cucchiaino di miele di fiori d’arancio, eventualmente ripetendo il giorno dopo a metà mattina. Per chi soffre di mestruazioni dolorose, la settimana che precede le mestruazioni, è utile bere 3 volte al giorno dopo i pasti, l’infuso di zafferano. Si fanno bollire 150 ml d’acqua, si mette un pizzico di zafferano, si spegne e si lascia in infusione per 3 minuti, bevendo senza filtrare.

Addio tosse:

Per alleviare la tosse c’è lo sciroppo allo zafferano, utile anche per i fumatori e per chi vive in ambienti inquinati. Si prepara facendo sciogliere 25 g di zafferano in polvere in 450 ml di marsala bianco secco. Si lascia in macerazione per una settimana in una bottiglia da un litro da tenere al buio. Si sciolgono 550 g di zucchero integrale a bagnomaria, aggiungendo a filo poca acqua, fino a ottenere uno sciroppo molto denso. Lo sciroppo ancora caldo va aggiunto al macerato di zafferano. Si mescola con cura e si conserva. Agitare prima di ogni uso. Lo sciroppo va usato entro 6 mesi dalla preparazione. Se ne prende un cucchiaio sciolto in un a tazza d’acqua bollente, da 2 a 5 volte al giorno.