consigli di salute

il rusco come rimedio per le gambe gonfie

Ecco che nel periodo in cui sono più in vista  ecco che ti ritrovi con le gambe pesanti e doloranti, le caviglie e i piedi gonfi. La soluzione giusta è il rusco, che è una pianta conosciuta per la sua azione drenante, che aiuta a riattivare la circolazione periferica, evitando i ristagni di liquidi. In più, rinforza e mantiene elastiche le pareti dei vasi sanguigni.

Come si assume: trovi il rusco sotto forma di estratto secco. le dosi: 1 capsula, 2 volte al giorno, lontano dai pasti, per cicli ripetibili di 2 mesi. Oppure puoi preparare una tisana anche con ippocastano e vite rossa, lasciando in infusione in 1 l di acqua bollente, per 10 minuti, 1 cucchiaio di estratto ecco del mix di piante. Filtra e sorseggia la bevanda, anche fredda, più volte al giorno.

consigli di salute

viso luminoso con l’olio di noci

pelle secca

Sempre più conosciuto e usato l’olio di noci che è possibile trovare nei negozi di alimenti naturali e erboristeria. È prodotto soprattutto nei territori montani tra Valle d’Aosta e Piemonte, dove è un’eccellenza esportata in tutta Europa. Non adatto per la cottura, ha un sapore delicato, curiosamente lontano da quello del frutto: si può usare nelle zuppe di legumi e nelle vinaigrette per un tocco originale. Grazie all’altissima biodisponibilità della sua parte grassa, che viene rapidamente assorbita, è molto indicato per la cura della pelle secca, La capacità do tonificare il microcircolo lo rende, poi, molto efficace anche per chi soffre di rossori al viso.

consigli di salute

rimedi contro il mal di testa

mal di testa

Ecco dei veloci e facili rimedi per eliminare il mal di testa.

Salamoia

Bere un bicchiere del liquido dei sottaceti (acqua, aceto, zucchero e sale) prima di dormire previene i postumi di una sbornia. Grazie al suo elevato contenuto di elettroliti, può aiutarti a combattere un mal di testa pulsante.

Anguria

La disidratazione è un fattore scatenante del mal di testa, quindi l’anguria, ricca di acqua e minerali, ti darà sollievo. Ok a verdure a foglia verde scuro, come cardi e spinaci: il loro  contenuto di magnesio riduce la frequenza degli attacchi di emicrania.

consigli di salute

rimedi contro il gonfiore addominale

sgonfia pancia

Ecco dei rimedi infallibili contro il gonfiore addominale, che ho provato io stessa ho provato e funzionano.

Prezzemolo

Tritalo e mettilo in un’insalata o una zuppa: è ottimo per prevenire la ritenzione idrica e aiuterà a sgonfiare la pancia.

Papaya

Contiene papaina, un enzima che scompone le proteine, favorendo la digestione. Una tazza di frutto fresco tagliato a cubetti aiuta l’intestino.

Cereali integrali

Le fibre sono preziose ma introducile gradualmente (altrimenti il gonfiore potrebbe peggiorare). Aggiungine 5 grammi ogni settimana, finché arrivi a 25 grammi al giorno.

consigli di salute

fermare le vertigini

Le cause delle vertigini posso essere tante: stati infiammatori, cali di pressione, artrosi cervicale, disturbi alla vista e alla circolazione.

Contro l’infiammazione

Le vertigini possono essere dovute all’artrosi cervicale in questo caso, è utile il macerato glicerico di giovani getti di vite canadese, che contrasta l’infiammazione presente nella zona del collo. La cura, da seguire per circa due settimane,consiste in 30 gocce in 2 dita d’acqua, da prendere a stomaco vuoto prima di colazione e di cena. Soprattutto quando sono associate a tensioni muscolari nella zona della nuca e a mal di testa, le vertigini possono essere la conseguenza di uno stato d’ansia. In tal caso, può essere d’aiuto il macerato glicerico di tiglio argentato che, abbassando i livelli di stress, facilità il rilassamento dei muscoli della nuca, sciogliendo le tensioni. Per 2 o 3 settimane, prenderne 30 gocce in 2 dita d’acqua, tre volte al giorno. Quando le vertigini sono collegate all’ansia, sono d’aiuto anche la lavanda e la menta che contribuiscono a migliorare l’equilibrio psicofisico. Lasciare per 10 minuti in un litro d’acqua bollente 20 grammi di fiori secchi del primo rimedio e 40 grammi di foglie secche del secondo, poi filtrare. Bere una tazza d’infuso dopo pranzo o dopo cena per 8-10 giorni.

Per i senior

Dopo una certa età, le vertigini possono essere collegate a un ridotto afflusso di sangue al cervello dovuto al naturale irrigidimento delle pareti dei vasi sanguigni. La tintura madre di ginkgo contribuisce a far rimanere elastiche le pareti di vene e arterie, facendo arrivare al cervello le sostanze di cui ha bisogno attraverso la circolazione del sangue. Per un mese, ne vanno prese 30 gocce in 2 dita d’acqua l mattino a digiuno; questa cura va ripetuta ogni 2/3 mesi.

Se la pressione è bassa

Se le vertigini si manifestano a causa della pressione bassa, è indicato il macerato glicerico di gemme di ribes nero, che dà energia. Per un mese, ne vanno prese 50 gocce in mezzo bicchiere d’acqua prima di colazione in presenza di pressione bassa associata ad artrosi cervicale, il ribes nero e la vite canadese possono essere utilizzati anche insieme.

consigli di salute

criopass terapia il freddo ti fa bella

criopass

Una trasmissione di energia…

La tecnologia della criopass terapia si basa su un principio fisico di eccitazione molecolare attraverso la veicolazione di sostanze curative. Questo innovativo sistema agisce per mezzo di una specifica apparecchiatura, che sfrutta l’azione combinata tra l’energia generata da una sorgente laser e alcune sostanze inserite in un apposito crio-applicatore congelate a -18°C. A questa temperatura, le particelle che compongono il mix di sostanze colpite dalla sorgente laser si caricano di una grande quantità di energia che, a contatto con la pelle più calda, fa fondere il ghiaccio e liberare in modo rapido i principi attivi per permettere una penetrazione molto profonda.

…Che va in profondità

La tecnica criopass nasce come soluzione antidolorifica e antinfiammatoria in vari campi della medicina, quali ginecologia, angiologia, urologia, traumatologia sportiva per arrivare, con risultati molto soddisfacenti nella medicina estetica. La sua particolarità consiste nel riuscire a diffondere, attraverso uno specifico programma le sostanze trattanti alla profondità che il medico ritiene necessario nei tessuti “lesionati”, determinando un’azione rigenerativa totale.

Si avverte una piacevole sensazione

la seduta completa dura circa 45 minuti e non è dolorosa, anzi, si avverte una piacevole sensazione di benessere generale. È un trattamento sicuro e una valida alternativa per coloro che, per ragioni personali o di salute, non possono o non vogliono ricorrere a trattamenti di biostimolazione con gli aghi.

Come si svolge il trattamento

L’esfoliazione

Dopo aver analizzato lo stato di salute della pelle, la seduta inizia con l’applicazione di un peeling chimico leggero per “pulire” la cute attraverso una microesfoliazione necessaria a eliminare le cellule morte.

La stimolazione

Successivamente, con un apposito contenitore collegato all’apparecchiatura laser, il medico applica il pool di sostanze più indicate di viso, collo e decolleté. I principi attivi più utilizzati sono acido ialuronico, vitamine e aminoacidi, tutte sostanze necessarie a reidratare, tonificare, attenuare le rughe e a regalare un ringiovanimento generale della pelle. la fase successiva prevede il passaggio, per 10-12 minuti, di un altro tipo di laser che, con la sua energia, permette la penetrazione controllata, rapida e profonda del cocktail di principi attivi, senza provocare alcuna lesione sull’epidarmide.

L’ossigenazione

La seduta termina con l’applicazione di una maschera di gomma su viso e collo, collegata a un’apparecchiatura che emette onde di ossigeno per regalare alla pelle una boccata benefica e aumentare l’effetto idratante del trattamento ai tessuti.

Risultati su vari fronti

Per contrastare l’invecchiamento cutaneo, la biostimolazione è uno dei metodi più affermati, perché non elimina solo la singola ruga, ma migliora la qualità della pelle, la rende più luminosa, ne aumenta il tono dando definizione ai lineamenti e regalando al viso un ringiovanimento generale.