consigli di salute

viso luminoso con l’olio di noci

pelle secca

Sempre più conosciuto e usato l’olio di noci che è possibile trovare nei negozi di alimenti naturali e erboristeria. È prodotto soprattutto nei territori montani tra Valle d’Aosta e Piemonte, dove è un’eccellenza esportata in tutta Europa. Non adatto per la cottura, ha un sapore delicato, curiosamente lontano da quello del frutto: si può usare nelle zuppe di legumi e nelle vinaigrette per un tocco originale. Grazie all’altissima biodisponibilità della sua parte grassa, che viene rapidamente assorbita, è molto indicato per la cura della pelle secca, La capacità do tonificare il microcircolo lo rende, poi, molto efficace anche per chi soffre di rossori al viso.

Annunci
consigli di salute

rimedi per quando arrivano i crampi

crampi

È facile durante la bella stagione incappare in quella improvvisa e dolorosa contrazione muscolare che è il crampo. Complice, per esempio, l’eccessiva sudorazione che causa una perdita di sali minerali o l’incremento di attività fisica che si è portata a svolgere con maggiore entusiasmo grazie alle giornate più lunghe e soleggiate.

L’aiuto dell’omeopatia

Per i crampi alle gambe che si presentano soprattuto di notte va bene Cuprum metallicum; è indicato anche per le persone anziane e per tutti coloro che hanno carenze vitaminiche. L’Arnica, considerata il rimedio degli sportivi, dona leggerezza alle gambe migliorando la circolazione ed evitando gli spasmi. Sarcolacticum acidum è indicato quando i crampi colpiscono la zona dei polpacci, specie dopo aver fatto un intenso sforzo fisico, e ci si sente a pezzi.

L’aiuto dell’aromaterapia

Per preparare i muscoli allo sforzo, prima di fare attività fisica vanno bene tutte le essenze dell’azione tonificante, che stimolano e migliorano la circolazione periferica attirando più sangue in superficie per scaldare la parte. Vanno preparati oli da massaggio con patchouly, oppure zenzero. Dopo lo sforzo, invece, l’azione deve essere defaticante e sono indicati bagni distensivi; aggiungere nell’acqua della vasca 10-15 gocce di olio essenziale di ginepro, oppure di canfora o di pompelmo e quindi immergersi.

ricette

lasagne vegane con ragù di soia

ragù di soia

Ingredienti:

200 g di semola di grano duro; 100 g di semola rimacinata; 380 g di ragù di soia pronto; 80 g di farina 00; 8 dl di bevanda di soia; noce moscata; olio extravergine di oliva; sale e pepe.

Preparazione:

per la pasta, mescolate le due farine di semola e disponetele a fontana sul piano di lavoro; versate al centro poco alla volta 1,5 dl di acqua tiepida e iniziate a impastare, unendo eventualmente ancora poca acqua, e staccando e raccogliendo le briciole con una spatola. Lavorate l’impasto finché non sarà morbida e liscia. Formate una palla, mettetela in una ciotola, coprite e fate riposare per 30 minuti. prendetene un pezzo alla volta e stendetelo in sfoglie di circa 2mm di spessore con il matterello o l’apposita macchina, tagliandole a misura; disponetele su fogli di carta da forno spolverizzati di semola e lasciatele asciugare per almeno 2 ore. Per la besciamella, scaldare 6-7 cucchiai d’olio a fiamma bassa in una casseruola, unite a pioggia 80 g di farina setacciata, mescolando; poi incorporate gradualmente la bevanda di soia. Portate a ebollizione e cuocete in una casseruola, unite a 80 g di farina setacciata, mescolando; poi incorporate gradualmente la bevanda di soia. Portate a ebollizione e cuocete per 8-10 minuti, continuando a mescolare, finché la salsa si addenserà; regolate di sale, pepe e noce moscata. Cuocete la pasta per lasagne in una casseruola ampia dai bordi bassi con abbondante acqua bollente salata a cui avrete aggiunto 2 cucchiai d’olio, per 1-2 minuti, poi scolatela e mettetela su un telo umido. Distribuite un velo di salsa sul fondo di una pirofila unta, fate uno strato di pasta per lasagne, coprite di besciamella e poi con il ragù; ripetete gli strati fino a esaurire gli ingredienti, terminando con uno strato di pasta. Spennellate d’olio la superficie, coprite con un foglio di alluminio e cuocete in forno già caldo a 180° per 30 minuti; eliminate l’alluminio, alzate il calore a 220°C e cuocete ancora per 10 minuti. Sfornate, fate riposare per 5 minuti, poi servite.

 

i segreti della nonna

rimedio naturale antirughe

antirughe naturalecontro le rughe

Ecco un sistema naturale ed efficace per contrastare le antiestetiche rughette che si formano intorno alle labbra. Mescolate del lievito di birra (basterà polverizzare una compressa) con dell’olio di avocado e applicate il composto, di sera, massaggiando la parte. Dopo 10 minuti lavate il viso e prima di andare a dormire applicate la vostra abituale crema per la notte.

consigli di salute

rimedio naturale per le infiammazioni delle gengive

anice stellato

L’olio essenziale di anice (in farmacia ed erboristeria), ricco di resine lenitive disinfettanti e analgesiche dà sollievo alle mucose irritate: è utile sia contro le fastidiose afte che contro le infiammazioni alle gengive. Dopo aver lavato i denti se ne mettono 3 gocce in 3 dita d’acqua e si fanno degli sciacqui.

i segreti della nonna

come avere una frittata meno unta

meno unto

Quando fate la frittata usate il vostro condimento preferito, che sia olio o burro non cambia, ben caldo così che le uova si rapprendano in fretta: in questo modo assorbiranno meno grasso. Per limitare il condimento potete cuocere la frittata nel forno. In questo modo ungete le pareti interne di una tortiera con un poco d’olio o di burro, versatevi il composto di uova e verdure oppure formaggio, patate, prosciutto o altro a piacere e inserite la tortiera nel forno ben caldo. La frittata sarà cotta quando inserendo nel centro uno stuzzicadenti questo ne uscirà ben asciutto.

ricette

Insalata di Natale con Pecorino sardo e melagrana

insalata di natale

Ingredienti:

400 g di pecorino sardo DOP; 2 mele rosse; 1 melagrana; 60 g di rucola; 1 ciuffo di erba cipollina; 30 g di mandorle a filetti; aceto di mele; succo di limone; olio extravergine di oliva; sale e pepe.

Preparazione:

Sbucciate le mele e tagliatele a dadini; metteteli in una ciotola e irrorateli con succo di limone per non farli annerire. Eliminate la crosta del pecorino e tagliatelo a cubetti. Incidete la melagrana e sgranate i chicchi. Tostate le scaglie di mandorle in un padellino antiaderente, mescolando per 2-3 minuti, finché saranno dorate. Riunite in una ciotola i dadini di mela sgocciolati, aggiungete il pecorino e l’erba cipollina tagliuzzata con le forbici; condite con 2 cucchiaini di olio, 1 pizzico di sale e di pepe, mescolando bene. Suddividete la rucola nei piatti, aggiungete il composto preparato, infine distribuite i chicchi di melagrana e le mandorle.

ricette

Cornetti farciti ai pisellini

semi di sesamo

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia pronta fresca da 230 g; 150 g di piselli freschi sgranati; 1/2 cipolla rossa di Tropea IGP; 2 tuorli; semi di sesamo bianchi e neri; olio extravergine di oliva; sale e pepe.

Preparazione:

Lessate i piselli per 5-6 minuti in acqua bollente salata, poi scolateli conservando un po’ dell’acqua di cottura. Tenete da parte 2 cucchiai di piselli e frullate il resto con 1-2 cucchiai di acqua, fino a ottenere un composto cremoso. Regolate di sale e pepe. Affettate sottilmente la cipolla e fatela appassire in padella con 2 cucchiai d’olio, 2-3 di acqua dei piselli, sale e pepe a fiamma bassa per 15 minuti, finché sarà tenera, unendo altra acqua se necessario. Stendete la pasta sfoglia sul piano di lavoro, dividetela a metà, ricavate 8 triangoli di circa 7 cm di base e bucherellateli con una forchetta. Spennellate il perimetro dei triangoli con i tuorli sbattuti con 2 cucchiai d’acqua e spalmate al centro 1 cucchiaino di crema di piselli. Aggiungete qualche pisello intero e alcune fettine di cipolla. Arrotolate i triangoli partendo dalla base, schiacciate le punte laterali e curvatele a mezzaluna. Spennellate i cornetti con il tuorlo rimasto e spolverizzate con i semi di sesamo. Disponeteli sulla placca, foderata con carta da forno bagnata e strizzata, e cuocete in forno già caldo a 180°C per circa 15 minuti.

 

ricette

carré di agnello alle erbe aromatiche

carne alle erbe aromatiche

Ingredienti:

1 carré di agnello da circa 1 kg; senape; 50 g di pangrattato; 40 g di mollica di pane raffermo; 2-3 rametti di timo; 1 rametto di rosmarino; 3 foglie di salvia; 20 patatine novelle; 4 carciofi; olio extravergine di oliva; 1/2 limone; 1 spicchio d’aglio; 1 dl di vino bianco; sale e pepe.

preparazione:

Lavate bene le patatine e lessatele in abbondante acqua per circa 20 minuti dall’ebollizione, finché saranno morbide. Dividetele a metà, disponetele sulla placca foderata con carta da forno, salate, pepate, irrorate con un filo d’olio, mescolate e cuocete in forno già caldo a 200°C per circa 20 minuti. Pulite i carciofi, tagliateli a fettine e immergeteli in acqua acidulata con il succo di limone. Rosolate a fiamma media in 2 cucchiai d’olio lo spicchio d’aglio spellato, poi eliminatelo e unite i carciofi. fate insaporire, sfumate con il vino bianco e proseguite la cottura per 7-8 minuti, se necessario unendo un po’ d’acqua. Regolate di sale e pepe. Frullate nel mixer il pangrattato con la mollica, la salvia, il timo, il rosmarino, 1 spolverizzata di pepe e 4 cucchiai d’olio fino a ottenere un composto morbido. Lavate e asciugate il carré salatelo, pepatelo e rosolatelo in modo uniforme in una casseruola con 2 cucchiai d’olio. lasciate intiepidire la carne e spennellatela con la senape, quindi passatela nel composto di pane, coprendo il carré in modo uniforme. Cuocete in forno già caldo a 180 °C per 15 minuti. Servite la carne ben rosolata con le patate e i carciofi.

ricette

Carciofi alla giudìa

ricetta vegana

Ingredienti:

4 carciofi romani o mammole; 1 limone; 1 l di olio di oliva; sale e pepe.

Preparazione:

Eliminate le foglie esterne più dure dei carciofi e parte del gambo, conservandone 5-6 cm. Spellate il gambo con un pelapatate senza assottigliarlo troppo. allargate le foglie ed eliminate il fieno interno con un cucchiaino, poi immergete i carciofi in acqua fredda acidulata con il succo di limone. Scaldate l’olio in una casseruola controllando con il termometro che la temperatura non superi i 130°C. Sgocciolate i carciofi, asciugateli e immergeteli nell’olio bollente per 10 minuti (verificate che il cuore sia tenero, infilzandolo con uno stecchino), quindi scolateli su carta assorbente da cucina. Portate l’olio a 180°C, aprite delicatamente le foglie dei carciofi con le mani e immergeteli nuovamente nell’olio per 1 minuto, trattenendoli per il gambo. Rilasciate i carciofi nell’olio e proseguite la cottura per altri 3-4 minuti. Quando i carciofi risulteranno bruni, sgocciolateli su carta assorbente da cucina sovrapposti e spolverizzateli con sale e pepe.