grecia
viaggi

cosa vedere a cefalonia

grecia

Cefalonia è la più grande tra le isole ioniche e, sicuramente, una delle più varie sia per il paesaggio sia per le occasioni di divertimento.

SPIAGGE E MONASTERI

Il suo punto di forza sono le spiagge, tra le quali brilla di turchese e candido fulgore quella di Mirtos, calcarea e posizionata sulla costa di nord ovest. Si possono ricordare i lidi di Makris, Platis Ghialos, Spartia, Poros, Antisamos: diversa, perché di sabbia rossa, invece, è la spiaggia di Xi. Qui l’acqua è limpidissima e poco profonda, e non lontano si trovava una bizzarria della natura: la Kounopetra, una roccia in mezzo al mare che si muoveva ritmicamente, come cullata dalle onde. Poi ci sono i monasteri che meritano davvero una visita anche solamente per la posizione in cui sono stati costruiti. Vicino a Sasmi, primo porto dell’isola c’è quello di Agrilion, che si trova su una collina da cui si gode una vista magnifica sulla baia del porto e sulla vicinissima Itaca. Più a sud di trova il monastero più antico dell’isola, quello di Atros, con una torre quadrata di epoca medievale dove ci si da appuntamento per assistere a un’alba indimenticabile. Poi sono da citare quello di Sant’Andrea, con notevoli affreschi e che custodisce, all’interno del museo ecclesiastico annesso, il piede destro  del santo, nonché il monastero di Kipoureon, a strapiombo sulla costa ovest di Paliki, rinomato per i tramonti languidi e le preziose icone. Cefalonia vanta a nche diversi castelli, come quello di San Giorgio, con 3 bastioni, e quello di Assos. Quindi, ultime manon meno importanti le vestigia archeologiche. 2 sono gli insediamenti micenei: a Tzanata, dove è stata scoperta una tomba circolare del 1400-1050 a.C. con un ricco corredo, e a Mazarakata, dove sono state riportate alla luce strutture e tombe con suppellettili e gioielli. A Skala, infine, ecco i resti di una villa romana con mosaici ben conservati del III sec. Bellissime e misteriose sono le grotte di Cefalonia. Nella parte orientale dell’isola si aprono le caverne di Melissani e di Dongarati. La prima si può visitare solo in barca, partendo dalla spiaggia di Karavomilos. La grotta di Drongarati è il regno di stalattiti e stalagmiti di grandi dimensioni, di ogni forma e colore, ma soprattutto è rinomata per l’acustica perfetta.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.