mauritius
viaggi

cosa fare 10 giorni a Mauritius

mauritius

Vi illustro una guida di cosa vedere in 10 giorni a Mauritius

Giorno 1

Port Louis

Oggi è il principale centro amministrativo e commerciale del paese movimentato tutto il giorno.

Le Caudan Waterfront

Il complesso commerciale e ricreativo è un must quando si visita Port Louis. Si tratta di un sito all’aperto con ristoranti, mercatini dell’artigianato, boutique di marchi lussuosi e internazionali, che lo rendono un’ottima meta turistica.

Giorno 2

Pomplemousses ed il suo giardino leggendario

Questo affascinante villaggio deve il suo particolare interesse ai siti storici e al suo giardino botanico.

L’Aventure du Sucre

vicino al giardino di Pomplemousses si trova un’antica fabbrica di zucchero trasformata in museo per raccontare la storia dell’industria dello zucchero mauriziana.

Giorno 3

Catamarano

Sia per ammirare la bellezza scultorea dell’isola dal mare che per godersi una giornata piacevole riparati dal sole, ammirando l’isola da una barca, c’è un’ampia scelta di escursioni in mare disponibili che si adattano a tutti i gusti.

Motoscafo

Immersioni

Mauritius è una meta ideale per le immersioni.

Giorno 4

Sport Acquatici

Kitesurf, kart marino, kayak, canoa e pesca d’altura, oltre alla barriera corallina, sono alcuni degli sport da praticare a Mauritius.

Giorno 5

L’Ile aux Cerf

Un’isola tutta da vedere e rilassarsi nelle sue spiagge per poi mangiare in uno dei tanti ristoranti.

Giorno 6

Parchi Tematici

Mauritius ospita oltre 10 parchi naturali e divertimento, che offrono l’opportunità  di percepire appieno la ricchezza della flora e della fauna locali come degli esemplari provenienti da luoghi  lontani ormai perfettamente adattati sull’isola come tartarughe giganti, coccodrilli, struzzi, giraffe, leoni, ghepardi e caracal. Nella più ampia e selvaggia distesa naturale, un ventaglio di emozioni indimenticabili attende bambini e adulti; cavalcate a cavallo, quad, segway o safari in jeep, tutto per vivere delle grandi emozioni come la zipline, l’escursione tra le rapide e l’avventura di canyoning.

Giorno 7

Le Morne, hiking o arrampicata

Le Morne Brabant è  una delle cime più  spettacolari di Mauritius su cui fare percorsi di hiking.

Giorno 8

Trekking & Black River Gorges

Grand Bassin

È uno dei due laghi naturali dell’isola. Si trova vicino Mare aux Vacoas, occupa il cratere di un antico vulcan ormai spento. Oltre alla bellezza del suo paesaggio, Gran Bassin è un luogo religioso dove i credenti mauriziani e hindu si recano in pellegrinaggio.

Giorno 9

Pesca D’Altura e tramonto spettacolare

Durante le battute di pesca, nello scenario idilliaco delle isolette tropicali che brillano al sole, i turisti possono a volte godere della cordiale compagnia dei delfini.

Giorno 10

Shopping a Curepipe & Floréal

Tra Curepipe e Floréal i cui sobborghi chic sono adatti a tutti i tipi di gusti e necessità si trovano una serie di negozi e boutique.

Annunci
viaggi

cosa vedere a Port Louis (Mauritius)

mauritius

Eccovi tutte le cose che potrete vedere in un giorno a Port Louis, capitale di Mauritius.

Le Caudan Waterfront

Se visitate Port Louis non potrete assolutamente perdervi le Caudon Waterfront, uno spazio all’aperto presso il porto. Le imbarcazioni eleganti ancorate ed i suoi ristoranti variegati lo rendono un’eccellente sosta per lo shopping nei mercati e nelle boutique internazionali.

Il Mercato Centrale

Occupa un sito di 200 anni di antichità su Queen Street, a metà strada dalla stazione degli autobus che collega Port Louis con il resto dell’isola. Aperto tutti i giorni dell’anno, tranne in caso di condizioni meteorologiche sfavorevoli, il mercato centrale di Port Louis è un punto di riferimento sia per i turisti che per gli abitanti del posto grazie all’ambiente colorato e vivace, dove trovare verdura, frutta, prodotti alimentari tipici, spezie e molto altro.

Area Moslem

Questo quartiere della città occupa un posto speciale nel cuore di mauriziani di fede musulmana. Questa è anche un’area in cui scoprire la preparazione più autentica delle specialità culinarie della comunità come il riso misto biryani o la zuppa speziata halim.

China Town

Naturalmente alcuni dei migliori ristoranti di cucina cinese si trovano qui. Una volta all’anno, i numerosi cittadini di origine cinese si riversano nelle strade per celebrare il festival del Cibo e della Cultura Cinese, invitando tutti i mauriziani residenti e turisti a partecipare a momenti divertenti.

La Tomba di Padre Loval

Tempio Kaylasson

È un luogo molto importante per la religione Tamil. Tempio eretto in onore di Shiva. Il tempio rappresenta la reincarnazione del corpo umano rappresentato da un fiore di loto con mille petali.

La Cittadella 

Formalmente chiamata Forte Adelaide e comunemente conosciuta come La Cittadella, questa storica e imponente architettura in pietra che domina la città ed il porto da una collina, come misura di protezione militare a difesa di Port Louis contro posibili rivolte dopo l’abolizione della schiavitù. La vista che si può ammirare da questo punto panoramico rende il sito più che meritevole di una visita.

Museo di Storia Naturale

È il museo più antico dell’isola e fu dichiarato Museo Nazionale nel 2000. Occupa il posto dell’antico Royal College di Port Louis e mostra testimonianze della ricchezza della flora e della fauna mauriziane. Il museo ospita 35.000 campioni di storia geologica e naturale.

Pagode Cinesi

La costruzione del primo luogo di preghiera per i cinesi immigrati iniziò nel 1820. Oggi l’isola conta undici pagode, tutte a Port Louis. La più antica è la pagota Kwan Tee a Les Salines.

 

mauritius
viaggi

cosa vedere nell’isola di Mauritius (parte 3)

mauritius

Mahebourg Naval Museum

Si trova a Mahebourg, la collezione del museo è principalmente dedicata ai relitti naufragati nell’Oceano, antiche mappe dell’isola, equipaggiamenti di navigazione, modelli di navi, armi e la campana del non meno noto relitto di Saint-Géran, i turisti possono anche ammirare un piano della flotta Reale, antichi dipinti di paesaggi mauriziani e le ossa del famoso uccello dodo.

Mauritius Post Museum

Situato a Port Louis, il museo svela momenti chiave della storia postale di Mauritius, della sua evoluzione fino ad oggi e simboleggia gli sforzi compiuti nel tempo per migliorare  le comunicazioni locali ed internazionali. L’edificio che ospita il museo è uno dei più antichi della capitale. Da non perdere la rara opportunità di ammirare un esemplare originale del famoso francobollo Black Penny, il primo francobollo pubblicato in assoluto dalla Gran Bretagna.

Chinese Cultural Heritage Museum

Questo museo si trova a Grand Bay e racconta la storia della diaspora cinese a Mauritius attraverso sei temi: l’arrivo degli immigrati, il commercio e la cucina, la cultura cinese, la pagoda e la stampa cinese. Un tipico negozio cinese è stato ricostruito, ed è possibile sperimentare ciò che era ai tempi. Un’altra immersione nello stile di vita cinese locale ha luogo nella tipica cucina tradizionale, con i suoi tegami da lavoro, le stoviglie e i fornelli. Chi visita il museo ha l’opportunità di capire a pieno le vicissitudini che gli immigrati cinesi hanno dovuto affrontare e come la comunità prese parte alla costruzione della moderna Mauritius.

La Maison Euréka

Meglio conosciuta come “La casa creola”, è stata costruita nel 1830. Una visita rappresenta un viaggio nel tempo fino al XIX secolo e nello stile di vita coloniale a Mauritius, mentre si passeggia tra musica e arte ed i saloni esibiscono antiche foto ed oggetti. Oltre al valore storico, la maison merita una visita  anche per il giardino all’inglese perfettamente curato e per una pausa rinfrescante nella meravigliosa ambientazione naturale tra le cascate e i lussureggianti prati verdi di Moka.

mauritius
viaggi

cosa vedere nell’isola di Mauritius (parte 2)

mauritius

La vallée des Couleurs Museum

un museo unico nel suo genere che si trova nel cuore di un parco naturale e rievoca la storia geologica dell’isola, spegando come essa si è formata. Sono esposti alcuni fossili ed esempi di rocce basaltiche, sedimentarie o metamorfiche. Un’animazione in 3D mostra i differenti paesaggi geomorfologici che si possono incontrare nel paese. I vari componenti di rocce magmatiche sono esposti in un assemblaggio straordinario di 23 sfumature di ceneri vulcaniche provenienti dal piccolo cratere di Bassin Blanc.

Lo Chateau de Labourdonnais 

Ad oggi è un invito a scoprire l’arte del vivere nel XIX secolo a Mauritius, riconciliando storia, cultura, fiori e alberi da frutto, gastronomia e il know-how mauriziano nei confronti delle radici agricole del luogo. Oltre 50 ettari sono ancora coltivati e producono una varietà di frutta tropicale come agrumi, papaya, mango, guava e frutto della passione. Si trova qui inoltre una distilleria, la Rhumerie de Charamel, dove è possibile scoprire il processo di distillazione e le tecniche di fermentazione.

Les Aubineaux

Situata in montagna, è una delle ultime maison coloniali tipiche risalenti alla fine del XIX secolo. La tenuta ospita anche una distilleria che produce oli essenziali e un delizioso parco floreale con antichi alberi endemici di canfora. Nella casa è possibile ammirare stupendi pezzi di arredamento in stile Compagnia delle Indie Orientali ed una interessante collezione di antiche fotografie prima di godersi la tradizionale ora del tè.

Frederick Hendrik Museum

Situato a Vieux Grand Port, sulla costa est di questo affascinante museo è stato costruito in un giardino ricco di alberi e fiori. Il museo trasporta indietro fino al tempo dei primi abitanti dell’isola e mostra artefatti archeologici recuperati dagli scavi, come porcellane, frammenti di tubature, antichi strumenti, alcune suppellettili e qualche palla di cannone.

Photography Museum

Situato a Port Louis, questo museo vanta quasi un milione di fotografie. Il museo possiede, una collezione di oltre 1.00 macchine fotografiche di varie epoche, tra cui gli obiettivi fabbricati da Charles Chevalier per Daguerre nel 1839. Il museo serve anche come centro ricerche con una biblioteca dedicata, una collezione di cartoline antiche e più di 23 ore di vecchi film dedicati a Mauritius.

viaggi

sport acquatici a Mauritius

mauritius

Ci sono due sport acquatici principali da fare nell’isola di Mauritius.

Big-game fishing

Mauritius è una meta famosa per il Big-game fishing e prescelta dagli amanti degli sport adrenalitici in mare alla ricerca di avventura. Oltre la maestosa barriera corallina che incornicia le lagune, si estendono le tiepide profondità dell’Oceano Indiano. Queste acque pullulano di specie ed esemplari pregiati. Gli imperatori e padroni del mon do marino sono i marlin neri e blu; gli squali mako e tigre; i tonni, dogtooth, gialli e bonito; barracuda sphyraenca e orate. Durante queste battute di pesca, ambientate nello scenario stupendo delle isolette tropicali che brillano al sole, i visitatori possono a volte godere della simpatica compagnia dei delfini.

Canoe-Kayak

Andare in canoa o kayak attraverso il rigoglioso labirinto di mangrovie che popola le foci dei fiumi e le coste degli isolotti solitari è la maniera ideale per esplorare questo speciale ecosistema. Gli esperti di kayak possono avventurarsi in mare oltre la barriera corallina attraverso i suoi passaggi naturali.

viaggi

Perth gemma australiana

australia

Perth è una metropoli ai bordi dell’Oceano Indiano, attraversata da fiumi, rinfrescata da parchi immensi e incorniciata da vigneti pregiati. Il centro di un ecosistema che incrocia la barriera corallina e una botanica lussureggiante, la storia degli aborigeni e le tracce della colonizzazione britannica, il surf e le più avanzate espressioni d’arte. Una città calma ed energizzante, in tumultuosa ma ordinata espansione, costellata di nuove architetture e angoli di fascino, vibrante di festival multietnici, mostre d’arte contemporanea e musei avvincenti. In una coreografia di musica, piante, fiori, profumi e colori esotici.

Per certi versi Perth  è una città mediterranea. Assomiglia ai grandi centri marinari d’Europa non solo per il clima, ma anche perché riunisce in uno spazio ristretto esperienze tanto diverse quanto fantastiche. Così navigare sui fiumi Swan e Canning che l’attraversano consente di inquadrarla da prospettive che ne sottolineano l’avveniristico skyline dentellato di grattacieli, mentre perdersi in uno dei parchi cittadini più importanti del mondo, il Kings park, e nel suo Botanic Garden garantisce di entrare in contatto con centinaia di fiori che esplodono fragranze e colori unici. La valle dello Swan, trapunta di vigneti, è un ottimo modo per cogliere un’interpretazione della cultura della vite e del vino affatto differente da quella italiana. L’Oceano poi è l’ideale geografia per chi vuole dedicarsi al whalewatching o al surf. I litorali hanno affascinanti declinazioni. Abbandonarsi lungo strepitose spiagge sabbiose magari incappando in eccellenti mostre di scultura contemporanea, come può capitare con la Cottesloe Exhibition. E poi cimentarsi in uno snorkeling entusiasmante nella barriera corallina di Mettams Pool o nelle piscine naturali di North Beach, e ancora regalarsi una gita a Rottnest Island, dove si potranno trovare 60 spiagge, 0 automobili, un’infinità di specie endemiche del reef, ma soprattutto il marsupiale più fotografato dell'”east”, il quokka. La storia e le tradizioni culturali della regione, sono valorizzate nel Perth Cultural Centre che con l’Art Gallery of Western Australia propone pure un’illuminante collezione di arte aborigena, e il Perth Institute of Contemporary Arts (PICA) che mette invece in scena l’attualità più stretta con installazioni, performance di ballo e teatro contemporaneo.

Cosa visitare

Perth ha un buon numero di attrazioni. Oltre al giro in battello sullo Swan, ci sono il vivacissimo Perth Cultural Centre, la Art Gallery, la Swan Bell Tower, la St. Mary’s Cathedral, la massiccia Perth Arena. Poi ci sono i giradini a iniziare da Kings Park, con il meraviglioso giardino botanico, Hyde Park e Supreme Court Gardens. Da non perdere i musical del Perth Concert Hall e gli spettacoli al Perth Theatre.