lombardia
viaggi

cosa vedere a crema

lombardia

Ecco i punti principali da visitare a Crema:

PIAZZA DUOMO

All’attuale piazza corrispondeva nel Medioevo la cittadella fortificata, primo nucleo di fondazione di Crema. La piazza, è oggi il cuore del centro storico della città, incorniciato dai suoi monumenti più rappresentativi. La città conta esempi di grande architettura (la Cattedrale ne è un esempio) ma la sua intrinseca bellezza dimora nei particolari, scorre sulle facciate e sui fianchi degli edifici, abita il caldo impasto cromatico della terracotta e le pavimentazioni antiche.

PALAZZO COMUNALE TORRE GUELFA E PALAZZO PRETORIO

Il Palazzo Comunale presenta una felice fusione di elementi architettonici lombardi (profilature e cornici in cotto) e componenti veneziane (eleganti trifore nel piano nobile). Il volto medievale della Torre Guelfa sul lato settentrionale la documenta come il brano più antico della piazza, con chiari elementi romanici nelle aperture eleganti finestre a bugnato di sapore rinascimentale al piano terra. Vi è affisso il Leone di San Marco, simbolo del potere della Serenissima. Il Palazzo pretorio vi si allinea concludendo la compagine del Palazzo Comunale lungo il lato settentrionale della piazza. Il sontuoso portare d’onore regala alla facciata un tocco di sfarzo barocco.

TORRAZZO

Solenne portale armoniosamente incluso nella compagine del Palazzo Comunale, dove fu inserito per sostituire una preesistente e più modesta porta, il Torrazzo presenta i caratteristici stilistici propri dell’architettura lombarda del primo 500, con 2 fronti molto simili; il lato sulla piazza reca graffito lo stemma della città, mentre verso la via XX Settembre presenta un bassorilievo con il Leone di San marco entro un’edicola.

DUOMO

Elegante costruzione in stile gotico lombardo la chiesa racchiude i resti dell’antico Duomo romanico. Il solido paramento in cotto si presenta alle raffinate decorazioni che lo fanno vibrare in corrispondenza delle sue numerose aperture; di grande interesse anche le scritture di matrice campionese in corrispondenza dei portali. All’interno ci sono preziosi dipinti, tra cui quelli di Vincenzo Civerchio, Giovan Battista Lucini e Guido Reni. 

CHIESA DI SAN BERNARDINO

Si tratta di un esemplare pagina di architettura francescana e, data l’ampiezza dell’aula, di un modello per le chiese post-tridentine. Al suo interno accoglie affreschi e dipinti dei maggiori artisti attivi a Crema tra il XVI e il XVIII secolo.

CHIESA DELLA SANTISSIMA TRINITà

Quasi frutto di un capriccio scultoreo questa chiesa, è uno dei più significativi esempi di barocchetto lombardo. Notevole è la ricchezza delle decorazioni interne e curiosa la scelta scenografica della duplice facciata, tipica delle chiese “a palazzo”.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.