viaggi

inedita val cavallina

lombardia

A 40 minuti di macchina da Milano si raggiunge la Val cavallina, nella Bergamasca, che si sviluppa tra la città eretta sopra le mura e il Lago D’Iseo. 30 km di natura incontaminata, ma anche di arte, quella espressa nel corso dei secoli attraverso l’architettura e la pittura; 30 km in cui trovare chiesette di epoca romanica, castelli e borghi medievali, monasteri e case coloniche, ma anche antiche stazioni termali e scavi archeologici.

Arte e Terme

Trescore Balneario è il “capoluogo” e, qui, merita sicuramente una visita l’oratorio bardi, in cui sono custoditi gli affreschi di Lorenzo Lotto, uno dei grandi pittori veneti del Rinascimento che in quel periodo stava lavorando a Bergamo. Sempre a Trescore, se siete a caccia di un po’ di relax, provate a rilassarvi alle Terme che sfruttano le acque sulfuree della Val Cavallina, scoperte nell’800 e considerate da sempre le più prestigiose del Paese: qui si curò anche Giuseppe Garibaldi.

Natura e Storia

Le proposte per chi vuole tuffarsi nel verde non mancano affatto, come una visita all’osasi WWF del Val Predina, oppure una camminata nella riserva naturale della Valle del Freddo. Ma se cercate qualcosa di davvero speciale, fatevi un tour nel sito archeologico di Cavellas, che non è solo l’antico nome medievale della Val Cavallina, ma anche di un villaggio romano scoperto negli anni Ottanta a Casazza durante gli cavi edilizi. Scavi che hanno portato alla luce un’area di oltre 1.000 metri quadrati sigillati dai depositi alluvionali del vicino torrente Drione che l’hanno preservata nel tempo.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.