viaggi

folegandros

grecia

Folegandros, sospesa nel blu è una piccola perla dell’Egeo, con la sua Chora immacolata, allungata sulle pendici di una scogliera. Di origine medievale, la Chora si stringe attorno all’antico kastro veneziano a picco sul mare, oggi inglobato dagli edifici circostanti. Dal belvedere di Pounta, la scogliera precipita per 150 metri e s’inabissa nell’Egeo. Il borgo è incantevole, con le sue 4 piazzette, una in fila all’altra, dove la sera si cena e si tira tardi. Per ammirarlo dall’alto si sale alla Chiesa della Panaghia, a mezza costa sulla collina che domina il borgo.

Le spiagge

la più vicina è nella baia di Angali, dove una barca fa la spola per Aghios Nikolaos, con tamerici a fare ombra, e Livadakia, di ciottoli bianchi. Di ciottoli, argentei, è Katergò, che si raggiunge via mare dal porto.

Annunci
viaggi

amorgos

isola greca

Amorgos non svela i sui tesori ai turisti di passaggio: il suo affascinante capoluogo d’origine medievale, Chora, si nasconde, infatti, a 400 metri di quora, invisibile al mare e stretto attorno al dente di roccia su cui i Veneziani costruirono una piccola fortezza. Ai suoi piedi, un intreccio di vicoli, case e chiese imbiancate a calce, che si apre sulla piazza principale, Loza, con i suoi placidi caffè all’ombra dei platani; in cima, il quartiere dei vecchi mulini a vento, fascinosi ruderi su un costone di roccia. Al mattino, il villaggio si sveglia spesso fra le nuvole, ma a poco a poco il vento le spazza, il cielo si fa terso e Chora diventa il regno della luce, che si riflette sui muri punteggiati dalle buganvillee. Alle spalle del borgo, maestose scogliere precipitano nel blu: incuneato fra le rocce come un gigantesco nido d’aquila è il millenario Monastero di Chozoviotissa, uno dei luoghi dello spirito più emozionante dall’Egeo.

Le spiagge

Le più vicine alla Chora sono le calette di ciotoli di Aghia Anna, con vista sul monastero di Chozoviotissa; 10 km più a sud, si apre la baia di Mouros, con un lido di ciottoli argentei e formazioni di roccia che affiorano dal fondale limpidissimo; in cima c’è una taverna  in pietra che serve il tradizionale patatato.