viaggi

Serifos

isola greca

Serifos è autentica facile e veloce da raggiungere, ma ahimè poco turistica. Così tra dedali di casette bianche, si coglie ancora la sua anima. Anche se relativamente vicina ad Atene, Serifos è un’isola ancora genuina e rustica: sbarcando al porto, subito si avvista Chora,il capoluogo, con le sue bianche “colate” di edifici a cubo che scendono dalla montagna fino a mezza costa, in un dedalo di vicoli e piazzette, perfettamente conservate e per niente turistiche. In cima all’abitato, dalla balconata della chiesetta di Aghios Konstantinos la vista spazia sulla costa con il porto di Livadi e sul mare.

Le spiagge 

vicino al porto Livadakia, con tamerici a fare ombra e una manciata di taverne e caffè. Sulla costa est, si trovano le spiagge più belle e selvagge, come Aghios Sostis, Psili Ammos e Platis Ghialos.

viaggi

estate in grecia a Astypalea

isola greca

Astypalea è un isoletta rocciosa a forma di farfalla, con un borgo bianco come il latte, stretto attorno al suo castello. Quando scende la notte, l’atmosfera diventa da sogno. Casette bianche, mare turchese, nuda roccia: Astypalea è la quintessenza dell’Egeo. Il suo capoluogo, Chora, scende dalla cima di una collina fino a lambire il mare. Nella parte alta, le case sono abbracciate una all’altra, con i muri dipinti a calce e finestrelle dagli infissi colorati; su un costone si allungano i mulini a vento, con i loro tetti rossi. In cima, svetta il  Kastro (castello) medievale in pietra scura. Accanto alle mura, delle terrazze del Castro Bar la vista spazia sul borgo e sul mare: quando si accendono le luci della notte, lo scenario è fantastico.

Le Spiagge

La principale è  a Livadia, ampia e affollata, con ristoranti  e caffè; nelle vicinanze, più tranquille e “naturali” sono Aghios Konstantinos e a Tzanaki. Bella e isolata è kaminakia, una mezzaluna di ciottoli argentei con le tamerici a fare ombra e una buona taverna; su un isolotto costiero si trova la spettacolare striscia di ciottoli di Kounoupes, con il mare su due fronti.

Il viaggio

C’è un minuscolo aeroporto,con voli da Atene. Oppure si arriva la Pireo, con i traghetti Blue Star Ferries, in circa 10 ore di viaggio.

 

viaggi

syros perla greca

isola greca

a Syros arrivi e ti senti disorientata. In un battito di ciglia intuisci di essere approdata in un’isola che non ha nessun tratto comune con le altre Cicladi e il bianco onirico che caratterizza le case dell’arcipelago sembra svanito. È la prima istantanea quando si sbarca a Syros, vicina di casa della candida e modaiola Mykonos, ma lontana anni luce per stile e atmosfera. Più culturale, vanta un glorioso passato nautico e il capoluogo Ermoupolis è la capitale amministrativa delle sorelle cicladiche. A Syros si scopre un altro volto dell’arcipelago e per comprenderlo al meglio si deve partire proprio dalla città principale. Passeggiando nel centro, i fasti dell’Ottocento si rivelano nei palazzi aristocratici in stile neoclassico e veneziano, negli edifici dalle tonalità caramellose, nella grande piazza Miaouli bordata da palme con l’imponente silhouette del municipio, nella profusione di marmi utilizzati per case, balconi, colonne e strade. Da vedere il Teatro Apollo, una versione mignon della Scala di Milano, e la monumentale chiesa ortodossa Agios Nikolaos tra le più grandi della Grecia. Si cambia scenario ad Ano Syros, il villaggio più caratteristico, avvitato su un colle alle spalle della capitale, alla cui sommità svetta la cattedrale cattolica Agios Georghios, fronteggiata sul colle antistante dalla corrispettiva ortodossa Anastasis Resurection dalla grande cupola azzurra. E le spiagge? I litorali più belli sono nella costa a sud e ovest, il nord invece è la parte più brulla, montuosa e poco accessibile, solcata da sterrati. Segnarsi i gioiellini Kini, Agathopes, Poseidonia e Galissas.