viaggi

attività da fare alle Mauritius

Quando andate in un paradiso come  Mauritius, ci sono molte attività da fare. Eccovene alcune scelte per voi:

Immersioni 

Mauritius è una meta rinomata per le immersioni, grazie alle sue ampie lagune, alla barriera corallina e il mare aperto. La barriera corallina è piena di pesci esotici dai colori vivaci, stupendi coralli ed anche rettili risalenti al periodo in cui pirati e bucanieri depredavano l’Oceano Indiano. Per i curiosi meno avventurosi,  sommergibili e passeggiate subacque sono le alternative più popolari per contemplare da vicino la vita sottomarina.

Catamarano

Che voi vogliate ammirare la bellezza di quest’isola dal mare o godervi una giornata piacevole, al riparo dal sole, è disponibile un’ampia scelta di escursioni adatte per ogni preferenza. Escursioni di un’intera giornata e noleggi privati si possono provare sulle coste nord, est, sud-est ed ovest. È possibile anche veleggiare verso una delle isole sparse attorno a Mauritius, soprattutto a nord; incontrare i delfini al argo della costa ovest oppure tracciare una rotta giornaliera verso est per godervi il meglio che la rinomata Ile Aux cerfs ha da offrirvi. per i più romantici, una crociera serale per ammirare il tramonto in lontananza.

Motoscafo

Fate un giro emozionante ad altissima velocità e gettate l’ancora su qualsiasi isoletta che spunta nella laguna, vicino Mauritius. A nord, Gabriel island, Flat island e l’inconfondibile Cain de Mire meritano certamente di essere visitate. Sulla costa sud-est, il parco marino di Blue Bay è uno dei luoghi migliori in cui poter ammirare la meravigliosa vita marina. Fair snorkeling oppure un giro delle spiagge mozzafiato a bordo della barca con il fondo di vetro. Invece per una rigenerante nuotata mattutina con i delfini o per ammirare un tramonto spettacolare dal mare, la costa ovest è il posto giusto.

 

Annunci
viaggi

vacanza ad Amorgos (Grecia)

Ad Amorgos potete andare con le amiche sportive.

Qui troverete l’acqua dell’Egeo di un blu intenso da cui si alza in verticale una montagna rossastra, attraversata da una scala nella roccia. Salite quei gradini, bastano 20 minuti e ne vale la pena. Perché in cima alla scala, a 300 metri a picco sul mare, entrerete in uno dei monasteri bizantini più belli di tutta la Grecia, che vi premierà con una vista spettacolare. Intitolato alla madonna di Hozoviotissa, oggi risplende come un gioiello incastonato fra montagna e mare che si presenta con minuscole e accattivanti insenature. Se amate il trekking, la montagnosa Amorgos vi regalerà panorami emozionanti e acque indimenticabili. È l’isola più orientale delle Cicladi ed è famosa per il suo mare trasparentissimo. Appena si scende dalle montagne la sinuosa Amorgos offre spiagge riposanti. la più incantevole è sicuramente Agios Pavlos, una lingua di terra fatta di ciottoli bianchi che si insinua in mezzo a una baia dividendola a metà e creando un golfo a forma di cuore. È chiusa sul lato opposto all’isola di Nikouria, disabitata, ma raggiungibile in barca per bagni in splendida solitudine. Rimanendo sui due lati di quella lingua di terra, invece, vi faranno compagnia pochi bagnanti, qualche ombrellone e sdraio, un piccolo bar, una chiesina, e il belato delle capre che gironzolano sulla montagna alle vostre spalle. Aegialis è  il nome della deliziosa baia a un’estremità della lunga isola. Infine non può mancare una visita all’affascinante Chora, il centro antico, che in quest’isola non è sul mare ma su una collina immersa in un verde riposante, fra i mulini a vento e il Kastro. nei suoi vicoletti, cenerete in trattorie di cucina tradizionale.

viaggi

estate in grecia a Astypalea

isola greca

Astypalea è un isoletta rocciosa a forma di farfalla, con un borgo bianco come il latte, stretto attorno al suo castello. Quando scende la notte, l’atmosfera diventa da sogno. Casette bianche, mare turchese, nuda roccia: Astypalea è la quintessenza dell’Egeo. Il suo capoluogo, Chora, scende dalla cima di una collina fino a lambire il mare. Nella parte alta, le case sono abbracciate una all’altra, con i muri dipinti a calce e finestrelle dagli infissi colorati; su un costone si allungano i mulini a vento, con i loro tetti rossi. In cima, svetta il  Kastro (castello) medievale in pietra scura. Accanto alle mura, delle terrazze del Castro Bar la vista spazia sul borgo e sul mare: quando si accendono le luci della notte, lo scenario è fantastico.

Le Spiagge

La principale è  a Livadia, ampia e affollata, con ristoranti  e caffè; nelle vicinanze, più tranquille e “naturali” sono Aghios Konstantinos e a Tzanaki. Bella e isolata è kaminakia, una mezzaluna di ciottoli argentei con le tamerici a fare ombra e una buona taverna; su un isolotto costiero si trova la spettacolare striscia di ciottoli di Kounoupes, con il mare su due fronti.

Il viaggio

C’è un minuscolo aeroporto,con voli da Atene. Oppure si arriva la Pireo, con i traghetti Blue Star Ferries, in circa 10 ore di viaggio.

 

viaggi

le 8 spiagge italiane più belle parte 2°

liguria

Ecco a voi la seconda parte delle spiagge più belle del nostro paese.

Varigotti – Finale Ligure (Savona)

La spiaggia di Varigotti si allunga ai piedi dell’omonimo borgo del Ponente ligure, un pittoresco agglomerato di basse casette color pastello dove non circolano le auto, il mare è azzurro, la spiaggia ampia e dorata, con lidi attrezzati e un ampio tratto libero. Quest’angolo di Liguria piace tanto ai vip. Per una fuga dalla civiltà ci si può rifugiare nella splendida Baia dei Saraceni, chiusa da alti roccioni. Oppure andare in pedalò fino alla spiaggia di Punta Crena, a solo 250 metri dal molo di Varigotti.

Baia Delle Zagare – Mattinata (Foggia)

Il bianco della scogliera, il verde della vegetazione, il turchese del mare: sono i colori della spiaggia più famosa del Gargano, incastonata fra alte falesie di roccia sul litorale che corre da Mattinata a Vieste, in un idilliaco paesaggio di ulivi, vigneti, pini di Aleppo e macchia mediterranea. Vicino alla riva, dal mare emergono 2 spettacolari faraglioni di calcare, l’Arco di Diomene e Le Forbici. L’aria è balsamica; a primavera, il profumo delle zagare si mescola al salmastro dell’Adriatico. All’interno della Baia, 2 spiagge di sabbia e ciottoli bianchi sono separate da una sporgenza rocciosa e scendono nell’acqua cristallina, che sfuma dal verde all’azzurro e al turchese.

Spiaggia di Cala Junco – Panarea (Messina)

Questo anfiteatro di basalto punteggiato di fichi d’india è il gioiello di Panarea, l’isola più piccola (solo 2 per 3 km) ma più mondana dell’arcipelago eoliano. Al centro c’è un’assolata spiaggetta di ciottoli arotondati dove l’acqua grazie al fondale sassoso, è particolarmente trasparente e va dal verde al turchese: un invito irresistibile a tuffarsi! Si arriva in barca, oppure con 40 minuti di cammino dal paese, lungo il sentiero lastricato in pietra lavica che porta a Punta Milazzese; strada facendo, sopra la spiaggia si vedono i resti di un villaggio preistorico. La cala è anche una delle tappe principali previste nelle escursioni in barca.

Spiaggia di Cala Rossa – Favignana (Trapani)

Fra le splendide calette di Favignana, l’isola delle Egadi a forma di farfalla, spicca questa cala rocciosa dove, a dispetto del nome, il mare è di un intenso turchese. L’epiteto di rossa, infatti, è legato a un’epica battaglia avvenuta nelle sue acque nel 241 A.C., che vide la vittoria del Romani sui Cartaginesi. La baia, ad anfiteatro, è chiusa fra rocce piatte di bianca calcarite, dove è agevole sdraiarsi al sole; nei suoi dintorni sono evidenti i resti delle vecchie cave di tufo isolane, con le pietre modellate a blocchi geometrici. Si raggiunge a piedi, con 10 minuti di cammino tramite un facile sentiero.

viaggi

Spagna: regione di Valencia

regione della Spagna

Costa di Castellón 

Sulla costa mediterranea della Spagna, nella parte settentrionale della regione di Valenciana, si trova Castellón con oltre 120 km di costa e alcune delle spiagge più belle della zona.

Costa di Valencia 

Abbondano li estesi arenili come quelli di Cullera, Ganda, Miramar, Canet d’en Berenguer, Sueca e della stessa città di Valencia. Molti sono particolarmente indicati per il turismo familiare, come il litorale di Oliva.

Alicante – Costa Blanca

218 km di costa con spiagge delle acque tranquille e fine di sabbia bianca. Molte spiagge della Costa Blanca hanno ottenuto la Bandiera Blu e alcune di esse sono molto famose, come quelle di Levante e Ponente a Benidorm.

viaggi

La Spagna e Santander

Spagna

Santander

è un elegante città che si affaccia su una splendida baia, incastonata tra le montagne. Dopo metà Ottocento divenne una delle località di villeggiatura più esclusive della costa settentrionale. la zona balneare conserva ancora oggi un marcato stampo Belle Époque ed il suo centro storico, rievoca un passato legato al commercio di oltremare con le colonie.

viaggi

Alliste

puglia

Il nome del comuni di Alliste deriva dalla parola “ali”, quelle dell’arcangelo Gabriele che, secondo la leggenda, salvò, nel IX secolo, la popolazione delle scorrerie dei pirati. Alliste è un comune dalle caratteristiche naturali e paesaggistiche molto particolari: si trova in una valle compresa tra due rilievi, la Serra orientale e la Serra costiera.

Feste e tradizioni locali

Festa in onore di San Quintino, Santo patrono del paese (30 Ottobre-1 Novembre). Ai festeggiamenti religiosi si accompagna il tradizionale mercato tipico con la vendita di bestiame e merci varie.

Da visitare

La Chiesa di San Quintino, edificata nel quattrocento e ricostruita in stile barocco nell’Ottocento, conserva all’interno dell’altare maggiore, le cinque tele di Giovanni Batista Lama, che illustrano la vita del Santo; i Settecenteschi palazzi nobiliari tra cui palazzo Venneri, Macagnino, Maggio e De Tommasi e il castello baronale (XII sec.) nella frazione di felline.