cultura

Recensione film: Single ma non troppo

how to be single

Single ma non troppo tratta la storia di 3 ragazze Alice (Dakota Johnson) una ragazza appena tornata single dopo 4 anni di fidanzamento, che si trova a New York prima per studio e amore poi per lavoro si da alla pazza gioia con Tom e poi inizia una breve storia con David rimanendo però innamorata del suo ex; Robin (Rebel Wilson) la ragazza che non dorme mai, sta sempre ubriaca e si scopa chiunque; Lucy (Alison Brie) una ragazza in cerca dell’amore sulle chat; Meg (Leslie Mann) sorella di Alice, donna in carriera in ospedale restia ad avere figli fino a che un giorno un evento inatteso le fa cambiare idea; David (Damon Wayans Jr.) uomo di colore rimasto vedovo con una figlia e Tom (Anders Holm) un ragazzo proprietario del bar sotto casa di Lucy e in cui lei va a scroccare internet, avventuriero e innamorato segretamente di Lucy.  Come finiranno le storie di questi ragazzi? Troveranno la retta via o resteranno nello sballo? lo scoprirete solo vedendolo.

Insomma, Single ma non troppo è un film poco impegnativo e trash da vedere solo se non si ha nulla che fare o se si ha voglia di vedere un film spazzatura. Nella sua stupidità ha una bella trama.

Annunci

2 thoughts on “Recensione film: Single ma non troppo”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.