consigli di salute

combatti il mal di testa con sale e aceto

sale grosso no al mal di testa

Invece di ricorrere alla solita pastiglia per il mal di testa, provate a combattere l’emicrania annusando un bicchiere di aceto tiepido nel quale avete fatto sciogliere un abbondante pizzico di sale grosso.

Annunci
ricette

Swedish princess cake

torta svedese

Per la genoise:

100 g di zucchero; 3 uova; 50 g di farina; 50 g di amido di mais; 16 g di lievito; 3 g di sale; 30 g di burro fuso; 1/2 baccello di vaniglia;

Per la crema:

4 dl di latte; 4 tuorli; 70 g di zucchero; 40 g di amido di mais; 1/2 baccello si vaniglia; 1 dl di panna fresca;

Per decorare:

3 dl di panna fresca; confettura di fragole o lamponi; 600 g di marzapane pronto; colorante alimentare verde; pasta di zucchero rosa.

Montate in una ciotola o nella planetaria le uova con lo zucchero finché il composto sarà spumoso e raddoppierà di volume. Aggiungete l’amido di mais e il lievito setacciati insieme, poi incorporate il burro fuso intiepidito, il sale e la polpa del baccello di vaniglia.Versate l’impasto in uno stampo a cerniera da 20 cm di diametro, foderato con carta da forno bagnato e strizzato, quindi cuocete la base in forno già caldo a 180°C per circa 20 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare completamente. A piacere, potete anche usare pan di Spagna pronto. per la crema, portate a ebollizione il latte con 1/2 baccello di vaniglia inciso, poi spegnete. Intanto, montate i tuorli con lo zucchero, incorporate a pioggia l’amido di mais setacciato e diluite con il latte caldo filtrato. Cuocete la crema a fiamma bassa per circa 10-12 minuti, mescolando in continuazione finché si addenserà; versatela in una ciotola, coprite con una pellicola a contatto e fate raffreddare. Montate 1 dl di panna ben fredda e aggiungetela alla crema, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto. Colorate il marzapane di verde, poi stendetelo con il matterello sul piano di lavoro spolverizzato con amido di mais a uno spessore di circa 4-5 mm. Foderate uno stampo da zuccotto di circa 22 cm di diametro con una pellicola e trasferitevi il marzapane, facendolo aderire bene e lasciandolo sborsare. Spalmate l’interno con un velo di panna montata, poi tagliate la génoise a fettine di circa 1 cm di spessore e disponetene una parte all’interno dello stampo, in modo da ricoprirlo completamente. Spalmate uno strato di confettura, aggiungete un velo di crema e uno di panna montata sul fondo dello stampo, fate uno strato con la génoise, spalmate con la confettura e aggiungete crema e panna, quindi proseguite alternando gli strati, fino a riempire lo stampo. Ripiegate il bordo di marzapane verso l’interno, coprite con pellicola e trasferite la torta in frigorifero per almeno 6 ore. Per la rosellina di zucchero, con una pallina di pasta formate un piccolo cono per creare il bocciolo, stendete la pasta e ritagliate 6 cerchietti, assottigliateli con le dita e incollateli intorno al bocciolo con poca acqua, formando 2 giri e 3 petali ciascuno. Per servire, sformate la torta su un piatto da portata, eliminate la pellicola e aggiungete la rosellina.

ricette

Torta di ricotta e pere

dolce alla frutta

Ingredienti:

3 pere; 350 g di ricotta freschissima; 200 g di farina 00; 0 g di amido di mais; 180 g di zucchero; 3 uova; 1/2 bustina di lievito vanigliato (8g); 1 limone non trattato; 1 baccello di vaniglia; sale.

preparazione:

Grattugiate la scorza del limone in una ciotola; incidete il baccello nel senso della lunghezza, grattate la polpa con i semini e unite alla scorza. Sbucciate le pere, tagliatele a dadini, mettetele in un’altra ciotola e irroratele con il succo del limone. Montate la ricotta con lo zucchero e un pizzico di sale fino a ottenere un composto omogeneo, poi incorporate le uova, uno per volta. Aggiungete la farina setacciata con l’amido di mais e il lievito e uniteli al composto mescolando, fino a ottenere un composto omogeneo; infine, aggiungete le pere e il succo di limone. versate il composto in uno stampo a cerniera da 24 cm, imburrato e infarinato o foderato con un foglio di carta da forno bagnato e strizzato, e cuocete in forno già caldo a 180°C per 45-50 minuti. Controllate la cottura, introducendo uno stecchino di legno al centro della torta, che dovrebbe uscire asciutto. Lasciate raffreddare completamente la torta e servitela, a piacere.

ricette

tortini di pere e cioccolato

torta al cioccolato

Ingredienti:

3 pere; 150 g di cioccolato fondente; 125 g di burro; 100 g di farina 00; 125 g di zucchero; 3 uova; succo di limone.

Preparazione:

Per la decorazione di pere semisecche, tagliate 1 frutto a fettine sottili, nel senso della lunghezza, disponetele sulla placca foderata con un foglio di carta da forno e cuocetele in forno già caldo a 120°C per circa 1 ora e 30 minuti, girandole con una spatola a metà cottura; lasciatele raffreddare nel forno. Sbucciate le pere rimaste, tagliatele a dadini e irroratele con succo di limone. Fondete a bagnomaria il cioccolato spezzettato con il burro e lasciate intiepidire. Intanto, sgusciate le uova, separate i tuorli dagli albumi, e montate i primi in una ciotola con lo zucchero fino a ottenere un composto gonfio e spumoso; incorporate il cioccolato fuso e aggiungete la farina setacciata e i dadini di pera sgocciolati. Montate gli albumi a neve con 3 gocce di succo di limone e incorporateli al composto, pochi per volta, mescolando delicatamente con un movimento dal basso verso l’alto. Versate il composto in 6 stampini del diametro di circa 9-10 cm, imburrati e infarinati, oppure foderati con carta da forno bagnata e strizzata. Cuocete le tortine in forno già caldo a 160°C per circa 20-25 minuti. Fatele raffreddare, sfornatele e servitele guarnite con le fette di pera preparate.

ricette

bavarese alle fragole

dolce alle fragole

Ingredienti:

600 g di fragole; 5 dl di panna fresca; 20 g di gelatina in fogli; 250 g di zucchero; 1/2 limone.

Preparazione:

Mettete la gelatina a bagno in acqua fredda per 10 minuti. Versate lo zucchero in una casseruola, unite 2 dl di acqua e il succo di 1/2 limone. Portate a ebollizione e cuocete lo sciroppo per circa 2 minuti finché sarà trasparente. Unite la gelatina sgocciolata e strizzata, mescolando finché si sarà completamente sciolta, poi lasciate raffreddare. Pulite tutte le fragole. Dividetene a metà 16 regolari e mettetele da parte. Tagliate a tocchetti quelle rimaste e frullate, fino a ottenere un purè omogeneo. versate il composto ottenuto in una ciotola e incorporate lo sciroppo gelatina mescolando. Montate la panna ben fredda con la frusta elettrica e incorporatela, poco per volta, al purè di fragole con movimenti delicati dal basso verso l’alto. Disponete 4 mezze fragole in uno stampino da budino, con la parte tagliata rivolta verso i bordi e la punta verso l’alto, poi ripetete per gli altri 7 stampini. Suddividetevi il composto ottenuto, coprite con pellicola e trasferiteli in frigorifero per almeno 7-8 ore. Per sformare, immergete la base degli stampini in acqua calda per qualche istante, poi rovesciateli sui piattini da portata.

ricette

gnocchi con sugo di gamberi e punte di asparagi

piatto di pesce

Per gli gnocchi:

1 kg di patate farinose; 200 g di farina; 1 uovo; sale;

Per il sugo:

200 g di code di gamberetti già sgusciati; 200 g di punte di asparagi già lessate; succo di pompelmo rosa; liquore all’arancia; 1 spicchio d’aglio; olio extravergine di oliva; sale e pepe; semi di sesamo nero; foglie di finocchietto.

preparazione:

Lessate le patate, sbucciatele ancora calde e passatele subito allo schiacciapatate, versandole sul piano di lavoro. Fate intiepidire, unite 200 g di farina, 1 pizzico di sale e l’uovo, poi impastate velocemente e fate riposare per 5 minuti. Dividete l’impasto in 7-8 pezzi; fateli rotolare sul piano di lavoro infarinato fino  ottenere tanti filoncini di 1,5 cm di spessore e tagliateli a tocchetti di 2-2,5 cm di lunghezza. Passate gli gnocchi su una forchetta e disponeteli su vassoi foderati di carta da forno spolverizzata con farina. Rosolate in una padella lo spicchio d’aglio con 3 cucchiai d’olio finché sarà dorato, poi eliminatelo. Aggiungete i gamberi, fateli insaporire per alcuni istanti e irrorateli con 3 cucchiai di succo di pompelmo e 3 di liquore, unite le punte di asparagi e fate assorbire il fondo di cottura a fiamma vivace. Regolate di sale e pepe. Intanto, portate a ebollizione abbondante acqua in una casseruola, salatela e immergete gli gnocchi. Quando risaliranno in superficie, sgocciolateli con un mestolo forato e disponeteli nei piatti. Suddividete il sugo di gamberi e asparagi, irrorando con il fondo di cottura, completate con i semi di sesamo e le foglie di finocchietto, poi servite.

ricette

Gamberi in salsa di pompelmo rosa

pompelmo

Ingredienti:

20 gamberi; 1 cipolla piccola; 1 carota; 1 costa di sedano; 1 pompelmo rosa; 1 bicchierino di cognac o brandy; 50 g di burro; zucchero; sale e pepe in grani; 1 piccolo pompelmo giallo non trattato; foglioline di misticanza; fiori eduli.

Preparazione:

Sgusciate i gamberi, mettete teste e carapaci in una casseruola, unite la cipolla spellata, la carota, la costa di sedano, il cognac, 3-4 grani di pepe e 1 pizzico di sale, quindi coprite a filo con acqua. Portate a ebollizione e cuocete a fiamma bassa per circa 40 minuti; filtrate, schiacciando bene i gusci. Incidete il dorso dei gamberi, eliminate il filetto nero, sciacquateli, asciugateli e conservateli al fresco. Sbucciate il pompelmo rosa e ricavate 4 fette grandi, poi spremete i presto dell’agrume. Unite 3-4 cucchiai di succo di pompelmo rosa al brodo di crostacei, riportate a ebollizione e fate ridurre di circa la metà. Fondete 30 g di burro in un’ampia padella, unite le fette di agrumi, 1 cucchiaino di zucchero e 1 pizzico di sale e fate saltare a fiamma vivace per 3-4 minuti finché il fondo si addenserà, aggiungete la salsa agli agrumi e lasciate insaporire. Scaldate il burro rimasto in una paella e fate saltare i gamberi a fuoco vivo per alcuni istanti con un pizzico di sale e pepe, irrorate con 2-3 cucchiai del succo di pompelmo giallo e lasciate addensare. Suddividete i gamberi nei piatti e serviteli con le fette di pompelmo e la loro salsa, decorando con scorrette di pompelmo giallo, foglie di misticanza e corolle di fiori.

ricette

Crocchette di carne e bietole con cuore di mozzarella

crocchette di carne

Ingredienti:

600 g di carne di manzo macinata; 300 g di patate; 200 g di bietole; 100 g di pancetta a dadini piccoli; 4 cucchiai di Grana Padano DOP grattugiato; 200 g di mozzarella; farina 00; 2 uova; olio di semi di arachidi; sale e pepe; misticanza; germogli misti; fiori eduli;

Preparazione:

Tagliate la mozzarella a dadini e metteteli a perdere acqua su fogli di carta assorbente da cucina per 30 minuti. Lessate le patate, sbucciatele ancora calde e schiacciatele. Rosolate la pancetta in una padella, unite le bietole, pulite e tritate grossolanamente, coprite e fatele appassire a fiamma media con un pizzico di sale per 3-4 minuti, poi lasciatele intiepidire. Mescolate in una ciotola le bietole, le patate, la carne macinata, le uova, il Grana Padano, sale e pepe. Con le mani inumidite, formate tante polpettine delle dimensioni di una grossa noce, mettete al centro di ciascuna 1 dadino di mozzarella; appiattitele leggermente, poi passatele nella farina, scuotendole per eliminare l’eccesso. Friggete le polpette, poche per volta, in abbondante olio di semi di arachidi ben caldo, finché saranno dorate in modo uniforme. Sgocciolatele su carta assorbente da cucina e servitele calde con misticanza e germogli misti, decorando con i fiori.

viaggi

La Spagna e i Paesi Baschi

Spagna

Bilbao 

Bilbao, importante centro economico e finanziario del nord della Spagna, è una città che ha saputo reinventarsi per via degli ambiziosi progetti architettonici e infrastrutturali, con il Museo Guggenheim in primis, hanno dato un forte impulso al rinnovamento urbanistico ed economico della città, fino al punto di essere diventata un vero museo all’aria aperta dell’architettura contemporanea e pertanto un referente nel panorama turistico internazionale.

San Sebastian

Considerata una delle più belle città del litorale atlantico della Spagna settentrionale. Il tessuto urbano si sviluppa attorno alla Baia della Concha. Questo scenario contribuì sin dall’inizio del XX secolo ad esse scelta come tradizionale destinazione balneare per l’aristocrazia e l’alta borghesia spagnola. La città è inoltre l’epicentro della gastronomia basca, di grande prestigio oltre le frontiere.

Vitoria 

Vitoria-Gasteiz è oggi una città con una struttura urbanistica esemplare. Il capoluogo basco possiede un attrattivo centro storico. Lo sviluppo posteriore costituisce un esempio armonico di urbanismo, sostenibilità e qualità di vita per antonomasia. La città è circondata da un anello verde, che le ha conferito la distinzione di European Green Capital.

cultura

Recensione film Joy

Jennifer Lawrence

Ho visto in anteprima il film Joy, che tratta la storia vera di Joy Mangano, una donna molto tenace che fin da bambina ha la passione per le invenzioni. Il film inizia con la nonna che racconta la storia di Joy (Jennifer Lawrence) fin da bambina con i suoi sogni che da grande in parte non si realizzano, una volta adulta si sposa divorzia e si occupa di tutta la sua famiglia, un padre divertente (Robert DeNiro, una madre tele-dipendente due figli, ma ha un amica che la sostiene nei periodi più brutti. Un bel giorno però viene a Joy in mente una grande invenzione, un Moccio molto innovativo (bastone per lavare a terra) e tenta a tutti i costi di cercare di venderlo nelle strade fino a che un giorno incontra un mogul (Bradley Cooper), che la aiuta a piazzare il suo prodotto in tv, all’inizio con scarsi risultati ma una volta che in tv ci mette la faccia lei le vendite fanno un boom. Nei giorni a seguire però si accorge di essere stata truffata e il suo brevetto le era stato rubato da chi le produceva i mocci da vendere e lei è finita in rovina, da qui lei non perde le speranze e decide di fare una svolta, riuscirà a sconfiggere i suoi nemici? realizzerà i suoi sogni e diventerà ricca?

Devo dire che Jennifer Lawrence in questi film “seri” non sbaglia mai un colpo, lei è un attrice fantastica che si adatta ad ogni ruolo, a mio avviso merita davvero l’oscar per questo film; Bradley Cooper pure ha fatto una bella interpretazione, non è la prima volta neanche per lui in certi ruoli; e poi che dire Robert DeNiro è troppo un grande è il più strampalato in questo film da una vena comica che non guasta mai. Sul regista, posso dire che ha fatto un buonissimo lavoro facendo dei mezzi piani molto belli, e anche inquadrature lunghe quando servivano, ha saputo interpretare e mettere sullo schermo una storia reale fatta di forza e coraggio!!!

Questo film è candidato a 3 oscar e merita di vincerli tutti e 3, diamo un imbocca al lupo specialmente a Jennifer Lawrence!!! mi raccomando andatelo a vedere che non ve ne pentirete!!!