Senza categoria

OnePlus 7 Pro

OnePlus 7 Pro è un telefono pensato per chi ama i dispositivi di grandi dimensioni. Ha uno schermo Amoled curvo, ad altissima risoluzione, da 6,7 pollici. la fotocamera posteriore è da 48 mpx, con obiettivo ultragrandangolare e zoom; quella anteriore, invece, è nascosta nella parte superiore del telefono e si apre solo quando serve. È disponibile in 3 colori, grigio scuro, blu e bianco mandorla.

Costo a partire da 709 euro centesimi.

Annunci
Senza categoria

cosa vedere a Petralia Sottana

sicilia

Dopo avervi descritto tutto nell’articolo precedente. Qui vi inserisco cosa vedere a Petralia Sottana.

Chiese

Il Duomo 

La monumentale struttura, a 3 navate del XVIII sec. conserva al suo interno diverse tele attribuite a Giuseppe Salerno, scultore di scuola gaginiana e altre opere di grande pregio. Nel tesoro ricco di argenti e paramenti di pregio spiccano un candelabro arabo in bronzo databile tra l’XI e XII secolo e una croce astile in argento del XIII secolo.

Chiesa di SS. Trinità o Badia

Costruita nel 1531, annessa all’ex Convento Domenicano di Clausura, ospita nell’altare maggiore una maestosa opera di Giandomenico Gagini: un’ancona marmorea che racconta la storia della vita di Cristo. Pregevole è l’organo a registro barocco, costruito nel 1751 probabilmente da Baldassarre Di Paola e Ignazio Faraci che grazie a un congegno particolare ad acqua (uccelleria), riesce a riprodurre il canto dell’usignolo.

Chiesa di San Francesco

Edificata nel 1484 e rimaneggiata nei secoli, rappresenta uno dei più grandi esempi del Barocchetto Madonita. L’interno oltre ad accogliere tele di grande pregio, presenta una fitta decorazione a fresco attribuita a Gaspare Vazzano e un pulpito in legno dorato di Pietro Bencivinni del XVIII sec.

Museo Civico

Il Museo Civico Antonio Collisani è costituito da due sezioni: la sezione geologica “Geopark Madonie Giuseppe Torre” e la sezione archeologica con la “Collezione Collisani”. La prima comprende rocce e fossili di oltre 200 milioni di anni che raccontano uno spaccato di storia geologica del territorio madonita. Gli studi ad essa relativi sono stati effettuati dal geologo petralese Giuseppe Torre. Dopo una sezione interamente dedicata alla preistorica “Grotta del Vecchiuzzo”, all’interno del museo è possibile ammirare la prestigiosa Collezione Collisani, un vasto repertorio di produzioni vascolari di epoca preistorica, numerose statuette in terracotta, vasi attici e figure rosse e figure nere e una vasta gamma di produzioni in pasta vitrea e manufatti bronzei.

Centrale Idroelettrica 

Oggi la Centrale idroelettrica è un ottimo esempio di archeologia industriale unico nelle Madonie capace di un valore storico – architettonico – ambientale con funzione culturale, didattica ed educativa con esempi di energia rinnovabile.

se volete leggete l’articolo precedente dedicato a questa città: https://giadastellato.com/2019/01/14/cosa-fare-a-petralia-sottana/

Senza categoria

vacanza in fattoria nel tirolo

In Tirolo la vacanza in fattoria è una cosa seria. Se gli hotel vengono classificati in stelle, nella regione austriaca le quasi 400 fattorie sono suddivise in fiori, e vengono controllate periodicamente per rispondere al massimo degli standard qualitativi. Potrete dormire in camere interamente realizzate in legno di cebro, prenotare appartamenti arredati con mobili antichi di famiglia, o scoprire fattorie con allevamenti di cavalli rari e giardini incantati. Tutte le strutture sono comunque la scelta ideale per conoscere da vicino il Tirolo austriaco e i suoi abitanti. E il rapporto qualità/prezzo è eccezionale. Le fattorie si trovano ovunque, anche nelle località turistiche più alla moda e offrono una vacanza, family friendly dove i bambini possono conoscere gli animali, partecipare ai lavori nella stalla o alla produzione di marmellate o pane. Ed è sicuramente il miglior modo per assaggiare i cibi naturali e genuini prodotti dalla famiglia contadina. Dal burro fresco allo yogurt, dalle marmellate al miele, dai formaggi al pane… Alcune strutture sono ottimamente organizzate per accogliere anche bambini piccolissimi e mettono a disposizione passeggini, fascaiatoi e cucina per preparare le prime pappe.

 

Senza categoria

sport invernali a forni di sopra

friuli venezia giulia

Il comprensorio comprende 469.000 mq dedicati allo sci alpino, con piste prevalentemente a media difficoltà (piste rosse). Il bacino sciabile è suddiviso in due zone: il Davost a fondovalle, dedicato ai principianti, con piste medio-facili servite da seggiovia, sciovie e tapis roulant e attigua scuola sci; l’area del Vamost, meta degli sciatori più esperti, con piste lunghissime che partono da una quota di 2000 m e raggiungono i 900 m. L’innevamento programmato sulla totalità delle piste è assicurato da un moderno impianto. A Forni di Sopra potete abbandonare l’auto in vacanza! Un servizio di ski bus locale permette di raggiungere i due comprensori, collegati anche da un servizio di ski bus con gatto delle nevi nei giorni festivi.

Sci Nordico

Gli appassionati di sci nordico hanno a disposizione uno splendido anello di 13 km, che percorre la vallata tra i silenziosi boschi di conifere, seguendo l’orientamento NO-SE del fiume Tagliamento. Il tracciato base è integrato dalle numerose varianti agonistiche, più tecniche e ideali per i fondisti più esigenti. La pista, che comprende anche un anello di 3 km innevato artificialmente con illuminazione notturna su 2 km, è omologata dalla FIS per disputare competizioni internazionali e fa parte del circuito Dolomiti Nordic Ski, il carosello di sci di fondo più grande d’Europa, con circa 1.300 km di piste, con un unico skipass e la garanzia di innevamento a partire dal 23 dicembre ogni anno. Il centro fondo con l’accesso alle piste si trova in località Santaviella, di fronte alle seggiovie Varmost: ampio parcheggio, biglietteria e installazioni per gli eventi agonistici.

Senza categoria

salmone in crosta di mandorle, zabaione e cicoria

Ingredienti per 4 persone:

600 g di salmone fresco, 4 uova, 2 g di mandorle, 150 g di parmigiano reggiano, 100 g di panna fresca, 400 g di cicoria, 2 spicchi d’aglio, 4 cucchiai di olio evo, semi di papavero e sesamo.

Preparazione:

Per lo zabaione mettete a bagnomaria i tuorli con il parmigiano reggiano e la panna, amalgamate con la frusta finché il composto si sarà addensato. Tagliate la cicoria a listerete, saltatela in padella con aglio e olio, disponetela su 4 piatti e lasciatene dal parte qualche cucchiaio da frullare. Tagliate il salmone in 4 porzioni, bagnatelo con l’acqua fredda e passatelo sulle mandorle tritate. Tostatelo in padella antiaderente ben calda e adagiatelo sulla cicoria. Decorate con una cucchiaiata di zabaione al parmigiano e una di cicoria frullata e cospargete di semi di papavero e di sesamo.

ricette, Senza categoria

polpette di pollo con piselli

Ingredienti:

400 g di macinato di petto di pollo, 150 g di patate, 1 uovo, 1 piccola cipolla dorata, 400 g di piselli, 50 ml di olio extravergine di oliva, 100 ml di vino bianco, 150 g circa di farina 00, 1 cucchiaio di prezzemolo e aglio tritati, sale e pepe quanto basta.

preparazione:

Lessate le patate in abbondante acqua leggermente salata. Tritate la cipolla molto finemente e poi fatela soffriggere con 50 ml di olio, in una larga padella antiaderente. Una volta che la cipolla è appassita unite i piselli. Salate e pepate e fate cuocere per circa 10 minuti. Nel frattempo, versate in una terrina la carne macinata, la patata lessata e schiacciata con lo schiacciapatate, infine unite l’uovo. Salate e pepate. Aggiungete, se piace, della noce moscata. Impastate il tutto, poi prendete un cucchiaio di composto e formate le polpette con le mani. Infarinate tutte le polpette, quindi unite ai piselli. Aggiungete mezzo bicchiere di vino bianco, salate, pepate poi coprite con un coperchio e fate cuocere per circa 25 minuti. Girate le polpette solo dopo 10 minuti dall’inizio della cottura. Una volta cotte, distribuite prezzemolo e aglio sulle polpette.

Senza categoria

cosa vedere nella valle di ledro

trentino alto adige

Ecco a voi le 9 meraviglie della Valle di Ledro:

Museo delle Palafitte del Lago di Ledro – Molina

un insediamento palafittino situato sulle rive del Lago di Ledro risalente all’età del bronzo, appena nominato patrimonio UNESCO. Un museo che grazie a visite guidate, laboratori e attività permette di scoprire come vivevano i nostri antenati;

Museo Garibaldino e Colle S.Stefano – Bezzecca

Terza Guerra d’indipendenza e Prima Guerra mondiale sono due fatti d’armi che hanno visibilmente segnato la Valle di Ledro e il suo territorio. Nel piccolo Museo in centro paese e sul Colle S.Stefano è possibile conoscere più da vicino la storia che ha cambiato il volto dell’Italia;

Strada del Ponale

Scavata nella roccia, l’antica strada che collega Ledro al Garda, fatta costruire nel 1852 grazie alla volontà di Giacomo Cis, è ora aperta a biker e pedoni ed offre un panorama impagabile sul lago di Garda (passeggiata adatta a tutti);

Museo del Laboratorio Farmaceutico Foletto – Pieve

Un piccolo museo che racchiude alambicchi, strumenti e pestelli appartenenti alla Famiglia Foletto, farmacisti in Valle di ledro da più di un secolo. Inoltre, liquori, amari e sciroppi alla frutta tipici della Valle di Ledro, come il famoso Picco Rosso. Laboratori e visite guidate sono organizzate nei mesi estivi;

Tremalzo – Passo Caset

Giardino botanico della Valle di Ledro riconosciuto in tutta Europa per le sue rare specie di fiori. Famosa meta per biker e zona di alpeggio con verdi prati su cui, in estate, pascolano tranquille le mucche. Il valico di Casèt è un punto di passaggio per numerosi uccelli durante i loro viaggi migratori verso sud. Il nuovo Centro Visitatori per la flora e la fauna permette di scoprire l’ambiente di Tremalzo e le sue peculiarità, tramite un percorso scandito dal succedersi delle stagioni. Laboratori e visite guidate sono organizzate nel mesi estivi;

Lado D’Ampola

Una riserva naturale provinciale, in altre parole, un patrimonio naturale da tutelare per il suo habitat che nasconde numerose specie di pesci ed anfibi. Un ambiente diverso, da conoscere e scoprire grazie ad una passerella in legno che affianca il lago e ad un piccolo Centro Visitatori. Laboratori e visite guidate sono organizzate nei mesi estivi;

Sentiero Naturalistico Val Concei

Una piacevole passeggiata attraverso i boschi della Val Concei, da Lenzumo al Faggio con numerose varianti e lunghezze per passare alcune ore a contatto con la natura, immersi nella pace del bosco dove, con un po’ di fortuna, si può vedere qualche animale selvatico;

Cascata del Gorg d’Abissi – Tiarno di Sotto

Una cascata inaspettata, che sbuca dalle rocce alla fine di un profondo canyon formato nei secoli dal torrente Massangia. La cascata è raggiungibile in una decina di minuti dal Mulino del Bugatti;

Ledro Land Art – Pur 

è la nuova tappa di un antico dialogo tra la creatività artistica e  il territorio naturale, un progetto in progress che prevede l’inserimento annuale di nuove opere per un percorso di arte nel verde che si sviluppa nella Valle di Ledro in località Pur, lungo il sentiero che costeggiando il torrente Assat conduce a Malga Cita, il paesaggio diventa custode e interlocutore dilatori inediti.

Senza categoria

la norvegia dei fiordi: Skåla

norvegia

Kloumannstårnet in cima a skåla è senza nessun dubbio il rifugio turistico più particolare della Norvegia, se non addirittura del mondo. Da qui avrai una vista fantastica su ghiacciai, montagne e sul paesaggio del fiordo. Skåla viene considerata la più alta vetta in Norvegia con il piede della montagna nel fiordo. La corsa in salita “La sportiva Skåla 1818 metri in salita” viene organizzata ogni anno a metà agosto. L’escursione è di 16 chilometri A/R e dura circa 5 ore di andata e 2-3 ore di ritorno. Stagione: giugno-settembre.

Come arrivare alla montagna Skåla

In automobile: A Loen esci dalla strada principale, segui la segnaletica per Lodalen e percorri la valle per un paio di chilometri. Parcheggio: Supera il campeggio Tjugen Camping, sulla tua sinistra, prosegui per 150 metri ed arriverai ad un parcheggio sul lato destro della strada. Qui potrai parcheggiare gratuitamente.

Sistemazione

Loen è il perfetto punto di partenza per fare le escursioni fino in cima alla montagna Skåla, per la via Ferrata Loen e per altre attività nella zona. Potrai pernottare presso l’Hotel Alexandra o in uno degli altri alberghi o piccoli chalet della zona. Troverai ulteriori informazioni sul sito http://www.nordfjord.no

Senza categoria

Spagna: Segovia, Ávila e Salamanca

Spagna

Segovia

Segovia, con un centro storico e un acquedotto romano dichiarati Patrimonio Mondiale dell’Umanità, sorge su un territorio rialzato. Oltre al famoso Acquedotto, diverse chiese romaniche, la cattedrale gotica e l’alcazar compongono un maestoso paesaggio che domina queste terre castigliane. Nei dintorni spicca la reggia di La Granja, residenza estiva dei reali spagnoli.

Ávila

Alle pendici della Sierra dei Gredos si estende Ávila, iscritta nell’elenco de Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Circondata dalle mura di cinta, che la rendono famosa, la città racchiude un prezioso complesso di chiese e palazzi rinascimentali, testimoni dello splendore di un antico centro di produzione tessile. Per aver dato i natali a SS.Teresa di Gesù, tutta la città, è disseminata di edifici religiosi legati alla vita della mistica.

Salamanca

Nella zona centrale della Spagna, a circa 212 km della capitale, si trova Salamanca. Universale magnifica, dotta, giovane e dorata, il suo centro storico è stato iscritto nell’elenco del Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Città universitaria per eccellenza che vanta una ricchissima storia; faro della cultura e lega ideale per imparare lo spagnolo. la vita cittadina gravita attorno la Plaza Mayor, uno dei più bei esempi dell’arte barocca spagnola.

Senza categoria

perché scegliere la spagna?

bandiera spagnola

La Spagna è il terzo paese più visitato al mondo. La maggior parte dei turisti ripete l’esperienza. La Spagna occupa il secondo posto al mondo nella classifica dei siti UNESCO ed il primo posto per numero di città dichiarate Patrimonio Mondiale UNESCO.

Buona Cucina

Uno dei buoni motivi che vi indurranno a visitare la Spagna è la sua gastronomia. Sicuramente avete sentito parlare di abitudini come “ir de tapas” o di nomi di chef di prestigio come Ferran Adrìa, Joan Roca o Juan Mari Arzak. Architettura, vino, design e arte. Visitate le cantine più all’avanguardia della Spagna, edifici che uniscono funzionalità ed estetica, progettati dagli architetti più importanti del mondo. Al loro interno il vino è l’autentico protagonista.

Clima mite

Il clima che prevale in Spagna è quello mediterraneo mite, che favorisce estati secche ed inverni come temperature equilibrate. In Spagna, potrete godere di più di 3000 ore di sole all’anno. Le Isole Canarie, per la loro posizione sono conosciute come le isole dell’eterna primavera, senza grandi differenze stagionali. Tuttavia, la varietà è la principale caratteristica del nostro clima, a causa dell’altresì grande diversità geografica della Spagna.

Strutture ricettive di qualità e tariffe ragionevoli

La Spagna è uno dei paesi del mondo con maggior affluenza turistica annuale e dispone di un’ampia offerta di alloggi di ogni genere: lussuosi hotel, castelli e palazzi, resort, pensioni e piccoli alberghi o hostales ( da non confondere con gli ostelli), agriturismi, etc… Infine, gli hotel – Paradores, alloggi singolari che risveglieranno i vostri sensi. Imponenti castelli, tranquilli conventi, eleganti palazzi, case tipiche ed edifici moderni trasformati in confortevoli strutture alberghiere. http://www.parador.es

Infrastrutture di prima qualità 

46 aeroporti internazionali e nazionali; una rete ferroviaria ad alta velocità più estesa di tutta l’Europa con circa 4  mila km; 14.981 km di autostrade a pagamento e libere e superstrade; 28 porti turistici.