viaggi

top beach formentera

Formentera oltre ad avere un panorama naturalistico spettacolare, presenta divertimenti molto vicini allo stile di vita degli anni’70: feste sulla spiaggia, abbigliamento alternativo. Alcune delle cose che vi consiglio di fare durante il vostro soggiorno sono: visitare i villaggi di San Francisc, San Ferran ed El Pilar caratterizzati da viuzze storiche, fare una gita alle Saline e ai fari per poi girare tutti i mercatini delle varie zone dell’isola.

Spiaggia Di Illetes

È senza dubbio una delle spiagge più belle di Formentera e si trova a nord dell’isola. Il panorama è simile a quello caraibico con sabbia bianca e finissima, il paesaggio è davvero suggestivo.

Spiaggia Di Es Pujols 

Ha la forma di 2 semicerchi separati da una fila di scogli ed è facilissima da raggiungere. Soprattutto nel mese di agosto, questa spiaggia di Formentera accoglie moltissimi turisti.

Cala Saona

Tra le spiagge più belle di Formentera c’è anche Cala Saona, adatta soprattutto alle famiglie. mare splendido e acqua bassa, essa è riparata dal vento e protetta dalle boe. Si trova nella parte occidentale.

Es Arenals

È la spiaggia di Formentera più frequentata di tutto il litorale sud. Il perché è semplice : oltre al paesaggio bellissimo ha una ricca zona attrezzata di strutture alberghiere e locali.

 

Annunci
viaggi

Formentera: turism attivo e sport

isola spagnola

Formentera non soltanto è l’ultimo dei paradisi del mediterraneo in cui godere di tranquillità assoluta e potersi rilassare, ma offre anche molteplici possibilità per la realizzazione del turismo attivo e offre impareggiabili condizioni per la pratica dello sport nautico, in special modo, delle immersioni subacquee proprio per la trasparenza e la temperatura dell’acqua del mare. la particolare forma dell’isola, inoltre, rende facile la pratica della vela, del windsurf e del kayak di mare durante tutti i giorni dell’anno. per gli appassionati del trekking e del cicloturismo l’isola dispone di 32 percorsi verdi debitamente segnalati che attraversano zone di speciale interesse paesaggistico.

Immersione subacquea

L’isola di Formentera possiede caratteristiche impareggiabili per la pratica dell’immersione subacquea, dove il mare sorprende per la trasparenza e il colore delle sue acque. Le sue coste costituiscono uno dei pochi angoli ben conservati del mediterraneo. Non a caso qui si trova la Riserva Marina di Los Freus di Ibiza e Formentera. Si tratta dell’unico spazio naturale in tutto il Mar Mediterraneo incluso nella lista dei Beni Patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Per quanto riguarda le immersioni, la prima cosa che spicca è l’eccellente visibilità (fino a 50 metri) e la varietà del paesaggio sottomarino: grotte, pareti con le gorgonie, relitti, immersioni poco profonde con possibilità di vedere fantastici paesaggi, praterie di possidonia, considerate le migliori conservate del mediterraneo.

Kayak

Il litorale dell’isola presenta alcune condizioni straordinarie per la pratica dei kayak di mare, oltre a essere l’unica forma di accesso alle grotte nascoste e ai paesaggi creati dall’erosione del vento e del mare nelle sue rocce calcaree. Esistono 6 sentieri consigliati per il loro interesse paesaggistico, oltre a diversi centri di turismo attivo che offrono i servizi necessari per praticarlo.

Installazioni sportive a Formentera

1 piscina coperta 25 x 12,5 con spogliatoi, 1 campo da calcio con prato artificiale (spogliatoio), 3 campi da tennis, 1 campo di siate-park (monopattino).

Birdwhatching

Formetera possiede la flora la fauna tipiche delle zone umide, soprattutto nella zona dell’Estasi Pudent e delle saline. per questo motivo è stata inclusa nella Convenzione di Ramsar sulle zone umide protette nel 1993.

viaggi

dove fare acquisti a Formentera

isola spagnola

In genere i mercati funzionano a partire dai primi di maggio fino a metà Ottobre. I mercati dell’artigianato dispongono di una garanzia rilasciata da Consiglio di Formentera che garantisce che i prodotti che vi si vendono sono progettati ed elaborati in laboratori dell’isola. In questo modo si cerca di incentivare e caratterizzare l’artigianato autoctono. Nei mercati artigianali si trovano prodotti di artigianato tradizionali: rete, “espardenyes” (espadrillas), vestiti, tessuti con lana dell’isola, lavorazioni in cristallo, ceramica, cuoio, materiale riciclato ecc. Sono tutti oggetti d’arte che rappresentano un ricordo particolare dell’isola.

Mercato artigianale di La Mola: è il mercato principale di Formentera, sia per numero di venditori che di visitatori ed è diventato un importante punto d’incontro. Nella sua piazza centrale si può ascoltare generalmente musica dal vivo e i suoi dintorni si animano con le terrazze dei bar vicini. È nato da un’iniziativa privata di vari artisti e artigiani e oggi lotta per mantenere inalterato il concetto iniziale che lo ha ispirato: mostrare, vendere e promuovere l’artigianato, rendendo possibile uno stile di vita alternativo  all’interno dell’attuale società industrializzata;

Mercato Artigianale di Sant Ferran: tutti i giorni al pomeriggio e alla sera;

Mercato Artistico di Sant Ferran: tutti i giorni, escluso mercoledì e domenica, al pomeriggio-sera;

Centro Artigianale “Antoni Tur Gabrielet“: è un centro di esposizione dell’artigianato con laboratori per il recupero dell’artigianato locale; tra l’altro accoglie anche un “mercato contadino” con vendita di prodotti alimentari autoctoni;

Mercato di Sant Francesc: tutti i giorni al mattino;

Mercato della Savina: tutti i giorni per tutto il giorno (inizia a Luglio e prosegue fino al 9 Settembre);

Mercato d’es Pujols: tutti i giorni al pomeriggio-sera.

Senza categoria, viaggi

Formentera e i suoi monumenti

isola spagnola

I monumenti più importanti di Formentera sono:

Chiesa di Sant Francesc Xavier: l’aspetto di questo tempio è sobrio e lo spessore dei suoi muri ricorda la sua funzione di fortificazione contro le invasioni. Da notare la porta rivestita di lastre di ferro. La costruzione della chiesa, situata nella capitale dell’isola di fronte al Consell Insular, è stata ultimata nel 1738;

Cappella di Sa Tanca Vella: Costruita nella seconda metà del XIV secolo e dedicata a San Valerio, questa cappella è di piccole dimensioni ed è coperta da una volta a botte o cilindrica. Si trova nel paesino di Sant Francesc Xavier e dal 1986 è diventata proprietà municipale;

Insediamento megalitico di Cap de Barbaria: le zone archeologiche di Cap de Barbaria testimoniano che questa parte dell’isola è stata diversamente popolata intorno al 1600-1000 A.C. Si tratta di tre diverse zone archeologiche in cui sono avvenuti ritrovamenti significativi, come ceramiche, ossi e un pezzo di bronzo;

Castello romano di Can Blai: Resti di una fortificazione rettangolare con una torre in ogni angolo più un’altra per sorvegliare l’entrata. la sua ubicazione al km 10 tra la Savina e La Mola e in zona sopraelevata, dimostra la volontà degli abitanti di controllare tutta la costa;

Molí veli di La Mola: è uno dei sette mulini a vento per macinare il grano che sono stati in funzione sull’isola. La sua presenza è documentata fin dal 1778 e il mulino conserva attualmente sia l’aspetto che il macchinario interno originali. È possibile visitarlo durante la stagione estiva.

Insediamento megalitico di Ca Na Casta: Insediamento funerario ampiamente utilizzato per molti anni, approssimativamente tra il 2000 e il 1600 A.C. la sua presenza dimostra che sull’isola esisteva già una popolazione stabile alla fine del terzo millennio A.C. È composto da una camera sepolcrale centrale delimitato da grandi lastre, tre cerchi concentrici di pietre, vari raggi che fungono da contrafforte e un corridoio di accesso.

viaggi

Formentera: angoli suggestivi

isola spagnola

Formentera è conosciuta per le spiagge e il mare trasparente, ma se si visita l’entroterra si scoprono paesini pittoreschi, fari, torri e mulini, laghi e saline, grotte e caverne nascoste, bei boschi di sabine e di pini che si alternano a dune e rocce di forme bizzarre.

Es Caló di Sant Agustí: tipico paesino di pescatori, dove godersi l’ambiente marinaro. Si raccomanda di visitare il suo caratteristico porto naturale e ristoranti tradizionali della zona. Le passeggiate nei dintorni sono ricche di contrasti naturali: rocce con forme bizzarre, casette di pescatori isolate, le calette di sabbia di Ses Platges a ovest e le scaglie di La Mola a est.

Faro di La Mola: è considerato da molti visitatori un luogo magico, come un faro alla fine del mondo. Vicino al faro si trova un monolito dedicato allo scrittore Jules Verme per la sua menzione dell’isola e del suo faro nel libro “Le Avventure di Ettore Servadac“.

Estay des Peix: è una piccola laguna con un stretta apertura verso il mare che consente l’entrata di piccole imbarcazioni per ormeggiarle. Ha tratti di spiaggia in cui è possibile fare il bagno. é ideale per la pratica di sport nautici con imbarcazioni da diporto di scarsa profondità: windsurf, kayak, vela

Estany Pudent Salines: è un grande lago che istoria a nord dell’isola, tra i centri abitati di Savina e di Es Pujols. La balneazione al suo interno è vietata. Insieme alle saline che lo circondano è invece un luogo altamente consigliato per passeggiate a piedi o in bicicletta. Le saline sono una testimonianza del patrimonio culturale di Formentera perché rappresentano la principale fonte economica dell’isola prima dell’arrivo del turismo. Il loro sale è considerato di alta qualità.

 

viaggi

Formentera

isola spagnola

È l’isola abitata più piccola delle baleari. Nonostante si un’isola piccola, 83 km quadrati, la sua forma frastagliata fa si che abbia una grande estinzione di costa (66 km) rispetto alla sua superficie. Lungo la costa ci sono molte spiagge di grandi e piccole dimensioni e numerose colette e angolini reconditi in cui perdersi. L’isola di Formentera è accessibile e comoda. È possibile percorrerla per la maggior parte in bicicletta, attraverso i percorsi verdi, le pinete e i boschi di sabine, le saline e l’entroterra rurale. L’isola di Formentera si distingue per la sua grande bellezza ambientale e per il paesaggio, ancora selvaggio, di dune e spiagge eccellentemente conservate. Per questo motivo, in tutta l’isola è vietato campeggiare. Non appena si sbarca a Formentera, si respira un’aria di pace e tranquillità, caratteristiche che lo rendono un luogo differente. Si viene immediatamente attratti dal mare, unico per la sua trasparenza e l’impareggiabile colore turchese che evoca latitudini tropicali e la cui bellezza è dovuta alla presenza della prateria di Posidonia oceanica più grande del Mediterraneo.

Le Spiagge:

Spiagge del Parco naturale Ses Salines: Spiaggia Cavall d’en Borras; spiaggia di llletes; spiaggia Rocó de s’Alga; spiaggia di Llevant; 

Spiagge di Es Pujols e Sa Roqueta:

spiaggia di Migiorn; spiaggia di Cala Saona; spiaggia di Ses Platgetes.

ricette

flaó

torta spagnola

Ingredienti per la base:

500 g di farina; 2 uova; 125 g di burro; 1 bustina di lievito; 1 bicchiere d’anice; buccia di limone grattugiata; anice in grani; un po’ d’olio; 100 g di zucchero.

Ingredienti per il ripieno:

zoo g di formaggio di capra fresco; 300 g di formaggio di pecora semistagionato; 7 uova; qualche foglia di mentuccia; 500 g di zucchero; un pizzico di sale.

Preparazione della base:

Mescolare la farina con il lievito, lo zucchero, l’anice in grani ed il sale. Impastare bene. Aggiungere il burro, le uova ed il bicchiere d’anice. Impastare ancora qualche minuto. Imburrare la teglia del forno scelta e spolverarla con un po’ di farina, per poi stendere l’impasto sulla teglia e metterlo da parte.

Preparazione del ripieno:

Iniziare tritando il formaggio fresco e quello semistagionato. Metterli da parte. mescolare le uova e lo zucchero. Aggiungere il formaggio molto lentamente. Aggiungete infine la mentuccia ed il sale. Collocare questo impasto sulla base che avevamo messo da parte ed infornare. Cuocere per 45 minuti ad una temperatura di 180°C.

 

ricette

calamars a la bruta (calamari nel loro inchiostro)

calamars a la bruta

Ingredienti:

1 kg di calamari medi l’inchiostro dei calamari; 1 pomodoro grande e maturo; butifarra; soppressata; un paio di spicchi d’aglio; alloro; vino bianco; olio d’oliva; sale e pepe bianco.

Preparazione:

Pulite con cura i calamari e tagliateli ad anelli, mettendo da parte l’inchiostro per utilizzarlo successivamente. Scaldate l’olio e soffriggetevi leggermente qualche anello sottile di butifarra e soppressata. Mettete da parte questi ingredienti per poi mescolarli, ma lasciate l’olio in padella, per poi aggiungervi l’aglio, i calamari e l’inchiostro. Aggiungete poi il pomodoro naturale spezzettato e, una volta soffritto, aggiungete un po’ di vino bianco ed una foglia di alloro. Aggiungete infine la butifarra e la soppressata già fritte precedentemente e soffriggete il tutto a fuoco lento, fino a far evaporare il vino.

ricette

insalata pagesa

piatto di formentera

Ingredienti:

1 kg di biscuit (pane); 2 patate; 3 pomodori grandi; 1/2 peperone verde; 1 peperone rosso; 1/2 cipolla; 100 g di peix sec (pesce secco); olio extravergine di oliva; sale.

preparazione:

Bollire le patate con la pelle. Pelatele e spezzettatele con una forchetta. Tostate il peperone rosso. Pelatelo e tagliatelo a strisce. Spezzettate finemente la cipolla, il pomodoro ed il peperone verde. Tagliate il pesce a strisce sottili. Conservate tutti gli ingredienti in un recipiente. Avvolgete il biscuit (pane) nella carta assorbente ed inumiditelo passandolo sotto l’acqua del rubinetto. Mescolate gli ingredienti e condite a piacere con olio e sale.