viaggi

Madrid guida di cosa e come mangiare 5° parte

Dinner show

Tablaos : Come le città dell’Andalusia, Madrid ha una ricca vita flamenca che si vive nelle tascas e nei tablaos. Con questo nome si conoscono gli scenari che ospitano spettacoli di canto e ballo e che sono il punto di incontro abituale degli appassionati del flamenco, dichiarato Patrimonio dell’UNESCO. Di solito offrono un’interessante offerta gastronomica;

Altri spettacoli : Esistono numerosi ristoranti che offrono cena con spettacolo inoltre, in spazi gastronomici come Platea, ubicato in un vecchio cinema, o Florida Retiro nel parco del Retiro, di sera c’è di solito musica dal vivo, spettacoli di teatro o numeri di circo.

Per bere

Cocktail bar : La bevanda notturna per eccellenza a Madrid è il gin tonic. Classico o divertente: con fragole, cetriolo, liquirizia… Qui i baristi sono famosi per la loro destrezza. E le coctelerías per la loro decorazione, oltre al menù. Intorno alla Calle de la Reina, tra la Gran Via e Chueca, si trovano alcune delle più famose. E a Triball e Malasana, le più moderne. Molti ristoranti hanno preparato un bancone per godersi un cocktail dopo il dolce;

Terrazze : È ora di guardare il cielo! sulle terrazze degli hotel e degli edifici rappresentativi, come l’hotel Oscar Room Mate, è possibile terminare la serata con un cocktail sotto le stelle. Un consiglio: recati un po’ prima e goditi il tramonto;

All’aperto : Ci sono anche alternative con i piedi per terra. In quasi tutte le piazze di ogni quartiere troverai un bar all’aperto per prolungare la notte. Non sono aperti fino a notte fonda, ma sono posti eccellenti per un’ultima papa tra amici;

Bar nascosti : Bisogna solo cercarli. Negozi di decorazione, di cappelli, studi di architettura, librerie… Il loro aspetto più visibile. Molte di queste attività dispongono di un bar occulto al loro interno per pica (pizzicare) qualcosa ascoltando buone musica e bei discorsi.

Annunci
viaggi

Madrid guida di cosa e come mangiare 4° parte

Merienda

Roscón de reyes : L’anno inizia con il tradizionale roscón de reyes, coperto da frutta candita e aromatizzato con essenza di fiori d’arancio. Si mangia il giorno dell’epifania accompagnato da una tazza di cioccolato o caffè. Ha una fava nascosta al suo interno, chi la trova paga il roscón;

Torrijas e bartolillos : Sia le torrijas, pane messo in ammollo nel latte o nel vino, passato poi nell’uovo e fritto, sia i bartolillos, tipo dei panzarotti ripieni di creme saltati in padella che si mangiano durante la settimana santa. Le prime si trovano non solo nelle pasticcerie ma anche nelle caffetterie, dove solitamente vengono consumate a merenda accompagnate da un caffè, senza però inzupparle;

Bunuelos e huesos de santo : Anche se si mangiano tutto l’anno, il giorno di tutti i santi c’è l’abitudine di comprare bunuelos nelle pasticcerie, dove si trovano anche i tradizionali huesos de santo, fatti con pasta di mandorle;

Rosquillas tontas e listas : Le cosquillas listas, piccole ciambelle bagnate in sciroppo di zucchero, succo di limone e uovo, e le tontas, senza copertura, si mangiano a primavera e in particolare alla festa di San Isidro;

Gelati, orzate e limonate : Oltre al gelato, in estate i madrileni bevono horchata de chufa (orzata di cipero), tipica di Valencia, e limonata, che a Madrid ha sempre un tocco di vino bianco;

Barquillos : Nel retiro, della Plaza Mayor, nel Rastro e ad ogni festa è frequente incontrare i barquilleros, i venditori di barquillos, (cialde croccanti) fatti con un impasto di farina e poi infornato;

Torrone e marzapane : Molti dei dolci a base di mandorle, come il torrone e il marzapane tipici di Natale, hanno la loro origine nella gastronomia araba, famosa per utilizzare frutta secca in gran quantità. Si possono comprare tutto l’anno.

Cena

Tapas : Una tapa è una porzione di alimento che serve per accompagnare la bevanda. Si chiamano così perché venivano collocate sul bicchiere per non far entrare le mosche. Qualsiasi piatto tradizionale può essere servito in questo modo, quindi potrai trovare tapas di callo (trippa), paella, migas, baccalà, salmorejo… Con il verbo “tapear” gli spagnoli si riferiscono al girare per vari bar e tascas;

Raciones : L’abitudine di condividere tutti lo stesso piatto è molto comune nel Mediterraneo. Un buon esempio è quello delle raciones, razioni di salumi, formaggio, calamari, polpo, seppia, peperoni, polpette, patate, ecc… ordinate per essere condivise con gli altri, come simbolo di amicizia tra un gruppo di persone. Non chiedere mai una razione individuale!

Birre : Si dice che a Madrid si serve la miglior birra in assoluto. Oltre alla classica Mahou, negli ultimi anni sono apparse alcune fabbriche di birre artigianali, come ad esempio La Virgen e la Cibeles, che potrai trovare in birrerie e negozi specializzati;

Vini : Madrid ha la sua propria denominazione di origine, con vini bianchi, rossi e rosati, prodotti ad armanda, San Martin de Valdeiglesias e Navalcarnero. Inoltre, è facile trovare vini provenienti dal resto della Spagna: Rueda, Ribera del Duero e Rioja non mancano mai.

viaggi

Madrid guida di cosa e come mangiare 2° parte

Mercati

Ogni quartiere di Madrid ha il suo proprio mercato, dove si possono comprare prodotti freschi come frutta, verdura, carne e pesce, che, secondo la maggior parte dei cuochi, è il migliore di tutta la Spagna. In molti mercati all’ingrosso, inoltre, sono presenti bar in cui è possibile faremo spuntino o un aperitivo. I mercati municipali negli ultimi anni sono diventati luoghi di riferimento per i madrileni e i gourmet. Alcuni dei più famosi, per la qualità dei loro prodotti e la loro offerta gastronomica, sono quelli di San Antón Martin e La Paz.

Jámon ibérico : Questo prosciutto stagionato tipicamente spagnolo è una delle delicatesse di cui sentono di più la mancanza gli spagnoli quando abbandonano la penisola. La differenza rispetto al jámon serrano è che il maiale è di razza iberica e cresce in libertà tra i pascoli dell’Estremadura e dell’Andalusia, dove mangia soprattutto ghiande;

Salumi : Il chorizo, la longariza, il salsichón e un “ampio eccetera” di prodotti derivati dal maiale sono un esempio della miglior gastronomia del paese;

Formaggi : Ogni regione della Spagna ha i suoi propri formaggi. Due esempio: il manchego, elaborato con latte di capra, o la Torta del Casar della regione dell’Estremadura, da spalmare sul pane;

Olio d’oliva : La Spagna è il primo produttore mondiale di olio d’oliva, l’ingrediente principale della dieta mediterranea, dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità.

Pranzo

menù del giorno : Molti ristoranti offrono, a un prezzo più che ragionevole (da 10 a 15 euro) il menù del giorno, che consiste in un primo, un secondo, bibita e dolce. Si tratta di un’ottima occasione per provare i piatti tradizionali della cucina spagnola;

À la carte : È possibile anche mangiare à la carte, cioè scegliendo tra i vari piatti offerti dal ristorante. Se c’è qualcosa che non puoi mangiare, chiedi pure gli ingredienti, verrai informato senza nessun problema;

Piatto misto : Molti bar e caffetterie offrono a qualsiasi ora il famoso plato combinado, un piatto fondamentale della gastronomia spagnola che comprende solitamente uova ad occhio di bue, würstel o una bistecca accompagnata da un contorno, patate o insalata. In molti locali vengono identificati con un numero.

 

cultura

Madrid guida di come e cosa mangiare 1° parte

bastoncini fritti

Questa guida ti servirà per muoverti con facilità fra tascas, caffetterie, ristoranti o mercati madrileni. Qui troverai tutti i segreti per goderti al meglio la gastronomia spagnola. In Spagna gli orari sono molto diversi rispetto al resto d’Europa. È consuetudine per loro mangiare 5 volte al giorno, abitudine ritenuta generalmente molto sana. La colazione viene fatta normalmente al mattino presto per strada. Intorno alle 12 ci si ferma di solito per uno spuntino, sia esso dolce o salato. Tra le ore 14 e le 16, arriva il pasto più a abbondante della giornata. A metà pomeriggio si fa merenda e di sera si cena intorno alle 21.

Colazione

Cioccolato con churros: Non bisogna aver paura di sporcarsi: i churros, fatti di farina e poi fritti, vengono mangiati inzuppati nel cioccolato caldo. Si trovano sulle bancarelle presenti in strada e nelle caffetterie. Buoni anche per la merenda;

Pan con tomate: L’opzione più sana è una fetta di pane con pomodoro, aglio e olio. Una colazione dallo stile tipicamente mediterraneo;

I picatostes: Sono piccoli pezzetti di pane tostato, fritto o con burro, che si mangiano accompagnati da caffè e cioccolato. Ideale per i golosi;

Solo, cortado o con leche: Il caffè si prende sia in tazza che in un piccolo bicchiere di vetro simile a quello che si usa per le canasta, tipico tra i bar popolari di Madrid. Importante: il caffè lo devi ordinare “solo” se vuoi un espresso “cortado” se lo preferisci con un po’ di latte e “con leche” se ti piace metà latte e metà caffè.

Spuntino

Panino con calamari: Anche se Madrid dista più di 300 km dal mare i calamari impanati non mancano quasi mai nel menù di ogni bar che si rispetti. La versione panino più comune è quella tipica dei fast-food;

Pincho di tortilla: Si chiama pincho una piccola porzione di qualsiasi alimento. Il più comune è quello di tortilla di patata, conosciuta anche come tortilla spagnola perché è senz’altro uno dei simboli più rispettati del paese. Piace a tutti!

Pulga e montadito: La pulga è un piccolo pezzo di pane, generalmente con salumi o formaggio. Il montadito è un po’ più grande;

Brunch: Così come in tutte le capitali europee, durante il fine settimana è possibile fare il brunch, in cui si combinano dolci e salati.

Aperitivo

Una cana: La cana è un bicchiere piccolo e stretto in cui viene servito alla spina un quanto di birra. I camerieri di Madrid sono conosciuti in tutto il resto della Spagna per la loro abilità nel servirla;

Un vermú: Questa bevanda composta da vino, assenzio e altre sostanze amare e toniche viene bevuta solitamente a mezzogiorno, in un bicchiere a forma di cono accompagnata a volte da un sifone. Il migliore è quello alla spina;

Patatas bravas: Questa popolare tapa o razione consiste in patate bollite e fritte con una salsa piccante a base di paprika. I bar conservano in segreto la ricetta che rende uniche le loro bravas;

Uno sherry (Jerez): È un vino bianco e tenue, prodotto a Jerez (Andalusia) e bevuto solitamente come aperitivo. La venencia (Echegaray,7) è la “succursale” madrilena di questa bevanda;

Un chato: Il chato è un bicchiere basso e largo in cui serve un dito di vino, mezza coppa;

Croquetas: Ripiene di prosciutto, carne o boleti, le croquetas sono crocchette di besciamella, impanate e fritte. Non mancano mai. In Spagna si trovano in ogni tipo di locale dai più popolari ai più sofisticati;

Soldaditos de Pavía: È una frittura di baccalà impanato con peperone rosso. Il suo nome è dovuto al fatto che ha gli stessi colori dell’uniforme della legione spagnola che combatté a Pavia nel 1525;

Sottaceti: Conservati in una soluzione di aceto e sale, gli alimenti sottaceto (olive, cetriolini, melanzane o agli verdi) mantengono tutto il loro sapore: sono deliziosi aperitivi. Resterai sorpreso dalla grande quantità di olive che ci sono in Spagna. le troverai anche ripiene di acciughe o peperone.

 

viaggi

Madrid e i suoi prodotti locali

dolce spagnolo

La vasta gamma di prodotti locali contribuisce al successo della gastronomia di Madrid, con il valore aggiunto all’esperienza gastronomica attraverso le sei certificazioni di qualità conferite alla regione: i vini di Madrid, l’olio extravergine di oliva, le olive di Campo Real, l’anice di Chichón, la carne della Sierra de Guadarrama e i prodotti dell’agricoltura biologica; nonché prodotti locali come le fragole e gli asparagi di Aranjuez, i meloni di Villaconejos, gli ortaggi di Villa del Prado, il miele della Sierra, i judiones della Sierra Norte o il formaggio di pecora puro, tra gli altri. Questi prodotti servono come materia prima per la produzione dei grandi piatti della cucina madrilena, come il coccide madrileno, la zuppa di aglio e lo stufato di ceci; così come i dolci tipici: i bartoillos, i pestinos e le rosquillas di San Isidro. Sono numerosi gli eventi e le attività legati all’alta gastronomia nella regione, tra cui il Salone dei Vini di Madrid, Millésime, il Salone Internazionale del Club dei Gourmets o l’importante Summit Gastronomica “Madrid Fusión”, che fa spiccare Madrid come capitale enogastronomici nel mondo.

viaggi

lo shopping a Madrid

spagna

La comunità di Madrid ospita grandi aree commerciali, così come piccoli negozi, presentando al turista occasionale o compratore un ampio ventaglio di esercizi commerciali, con prodotti di stili e prezzi molto variegati. Il famoso Miglio d’Oro, nel quartiere di Salamanca, è un must per il turista che vuole fare shopping di lusso. I grandi nomi della moda spagnola, come Loewe, Amaya arzuava, Kina Fernández, Adolfo Domínguez, Ágatha Ruiz de la Prada, Roberto Verino, Manolo Blahnik o Ángel Schlesser, vi si alternano con le icone del lusso internazionale come Chanel, Armani e Valentino. Le gioiellerie, i negozi di scarpe e i marchi più prestigiosi della moda e gli accessori, così come le gallerie d’arte e i negozi d’antiquariato, completano l’offerta in quest’area della città. Fare shopping nelle boutique e nei negozi del quartiere di Salamanca è un piacere adatto solo per i portafogli più scelti. Se siete alla ricerca delle ultime tendenze della moda, così come originalità, avanguardia e stile bohémien, la vostra destinazione è la zona tra Chueca e Fuencarral, dove si concentra una buona quantità di piccoli negozi per clienti giovani e trasgressori, seguaci delle ultime tendenze. L’area fa parte del progetto Triball Madrid, che mira a trasformare la zona in un importante centro commerciale e turistico, all’altezza del Soho di New York, il suo miglior esempio è il Mercato de Fuencarral, dove si trovano artigiani, designer e piccoli commercianti di tutta la Spagna, con prodotti diversi per la sua originalità, difficili da trovare altrove nella regione. La Puerta del Sol, la Gran Via e le strade di Preciados e Princesa inquadrano la zona più commerciale della capitale, in un costante andirivieni di persone, dove i turisti possono trovare i negozi delle grandi catene, con abbigliamento l’ultima moda a prezzi accessibili, nonché uno dei più grandi centri commerciali di riferimento in Spagna,con tutti i tipi di prodotti, anche souvenir. Questa zona è stata dichiarata di grande afflusso turistico a fini commerciali, il che significa che tutti i negozi hanno la possibilità di aprire liberamente tutte le domeniche e nei giorni festivi, rendendola fulcro del turismo per lo shopping tutto l’anno. Inoltre, nel centro della capitale, il turista può trovare i prodotti più autentici. Artigianato, ceramiche, gioielli, prodotti in pelle, ventagli, chitarre e strumenti musicali di ogni tipo completano l’offerta della zona commerciale, con molti piccoli negozi di storia secolare ancora attivi come il primo giorno. Madrid offre una vasta gamma di centri commerciali, come El Corte Inglés, Príncipe Pio, Moda Shopping e ABC Serrano. Fuori la capitale è possibile trovare Las Rozas Village, Gran Plaza 2, Plaza Norte 2, Parque Sur e Madrid Xanadú. E come dimenticare i mercatini! Questo commercio tipico in tutta la regione, è installato, di solito all’aperto, il luoghi pubblici e in determinati giorni. Gli articoli messi in vendita sono di una grande varietà: alimentari, abbigliamento, articoli per la casa, piante, bigiotteria etc… ci sono poi i mercati del libro dei francobolli dei motori e delle mostre di pittura.

viaggi

Madrid: cosa fare nel tempo libero

spagna

Cinema, teatri, centri commerciali, bar, ristoranti, parchi tematici, aree shopping, parchi e giardini, musei monumenti storici offrono eccellenti possibilità di trascorrere giornate di intrattenimento a Madrid, luogo di divertimento per chi desideri soddisfare le proprie aspettative di svago e divertimento.

Così, per assistere  a un musical e poi cenare in uno dei numerosi bar, taverne tradizionali e di qualità, lo spazio ideale è la zona centro, a cominciare dalla Gran Via. Ma se si preferisce avere tutto a portata di mano, sia all’interno della capitale che in periferia esistono grandi centri commerciali in cui negozi, cinema e una variegata offerta di ristorazione mettono la comodità al servizio del turista. Se invece si è alla ricerca dell’altro volto di Madrid, la sua vivace vita notturna non ci deluderà, con i suoi numerosi bar e discoteche, che si estendono per tutti i suoi quartieri e comuni. Ma se si va in cerca di tranquillità, parchi e giardini, come il Retiro, Madrid Rio, il Capricho o il Real Jardin Botánico, così come caffè, pasticcerie e alberghi, mostrano il volto più amabile per far si che il visitatore si senta a casa propria. E che dire dei caffè all’aperto che tanto rallegrano la vita della regione e tanto deliziano residenti e visitatori! Il Tren de la Fresa porterà da maggio a novembre i turisti fino ad Aranjuez, una delle più belle città della regione; se invece si preferisce godere dei panorami della capitale, è meglio prendere uno dei tanti autobus turistici che l’attraversano. I comuni della comunità di Madrid hanno una nutrita agenda di spettacoli musicali, teatrali e cinematografici, e una vasta offerta di ristorazione per chi desidera allontanarsi dal caos della capitale.

viaggi

Madrid e la sua cultura

spagna

La comunità di Madrid è situata nel centro del paese, all’estremo sud-ovest dell’Europa. Confina a nord ed a ovest con la regione di Castilla y León, e a est e a sud con quella di Castilla – La Mancha. Bagnata dal fiume Panzane, il tratto più distintivo del suo clima è senza dubbio la vasta gamma di temperature, che comprende dai 0°C in inverno ai 40°C in estate. Madrid ospita le principali istituzioni dello stato, in tanto che sede del governo centrale e della residenza ufficiale dei re di Spagna, oltre che di grandi organizzazioni nazionali, come la Real Academia Espansola de la Lengua, e internazionali, come l’Organizzazione Mondiale del Turismo (WTO). Se c’è qualcosa che contraddistingue Madrid in tutto il mondo è l’offerta culturale costante, in grado di soddisfare le aspettative del turista più esigente e di adattarsi alle richieste di coloro che si introducono per la prima volta nel mondo della cultura. Più di 100 musei, 200 teatri e un’elevatissima quantità di gallerie e spazi espositivi, nonché centri culturali ed eventi vari di rilevanza internazionale, costituiscono quest’offerta culturale di grande rilievo. Un buon esempio ne sono i Teatros de Canal, il Teatro Real o il Teatro de la Zarzuela, senza dimenticare il Corral de Comedias di Alcali de Henares o il Teatro Auditorio di San Lorenzo de El Escorial. Non a caso, la regione di Madrid è sede di importanti festival, ambasciatori internazionali della cultura della Comunità, come il Festival de Primavera, che ogni anno riunisce i migliori rappresentanti della scena artistica internazionale; il Festival Internazionale Madrid ed Danza, un dei traguardi più ambiti da rinomati artisti e compagnie di danza; il Festival de Artes Escénicas para Ninos y Ninas Teatralia, rivolto ai più piccoli; Animadrid, con i più importanti film di animazione de oro e fuori la Spagna; il Festival Clásicos en Alcalá, il più autentico teatro classico; o Suma Flamenca, che trasforma la regione in referente del flamenco. E che dire della centenaria Gran Via, la Broadway madrilena, che osserva i suoi marciapiedi riempirsi di pubblico ansioso di godere dei musical più attuali; senza dimenticare la capacità di Madrid per la celebrazione di grandi eventi musicali. Dal canto suo, il Viale dell’Arte si presenta signorile davanti al turista, con i suo alberi secolari e la migliore offerta museale di Spagna. Il Museo del Prado, il Thyssen Bornemisza e il Centro Nacional de Arte Reina Sofia spalancano le proprie porte a tutti coloro che desiderano immergersi nell’arte mentre ammirano le grandi opere della storia dell’arte fino alle ultime tendenze dell’avanguardia artistica. L’offerta è completata da una serie di gallerie e sale espositive, nonché dai più dei 100 musei della regione, i quali, attraverso mostre temporanee, presentano a Madrid le più importanti novità nel mondo dell’arte nelle sue varie discipline: fotografia, pittura, scultura e installazioni. Il fervore cultuale è palpabile nelle strade della regione grazie alle molte attività che stupiscono residenti e visitatori, e vi sono numerosi spettacoli che emergono spontaneamente in ogni angolo, integrandosi nella vita di Madrid, come i tradizionali spettacoli di burattini nel Parco del Retiro, che tutti i fine settimana deliziano i più piccoli. Eventi annuali come La Noche de los Teatros il 27 Marzo, La Noche de los Museos il 17 maggio, o la Noche de los Libros il 23 aprile consentono a tutti di godere della cultura fino alla tarda notte.

viaggi

Madrid

capitale spagnola

Madrid, capitale della Spagna, situata nel centro geografico della penisola iberica, a 646 m sul livello del mare, sarà solo nel 1561 che il Re Filippo II ne farà la capitale del suo vasto impero. Aristocratica e popolare, il suo centro storico è conosciuto anche come la “Madrid degli Asburgo“, con la splendida Plaza Mayor. Nelle vicinanze si trova il “centro aristocratico o “Madrid dei Borboni“, con il Palazzo Reale come punto di riferimento principale. Il cosiddetto “Viale Dell’Arte“, con il museo del Prado, una delle pinacoteche più importanti del mondo, il Museo Thyssen-Bornemisza ed il Centro Nazionale d’Arte Reina Sofía conforma un asse unico al mondo per la grande concentrazione di musei e centri d’arte. Madrid, laicità che non dorme, è inoltre famosa per la sua vivace vita notturna e la sua ampia offerta di svago. Concerti, esposizioni, balletti, un prestigioso cartellone teatrale, prime cinematografiche, la migliore gastronomia spagnola e internazionale. Infine Madrid è l’unica capitale europea che vanta quattro città nelle vicinanze dichiarate Patrimonio Mondiale UNESCO: Toledo, Ävila, Segovia e Alcalá de Henares.