viaggi

gita in val di serchio

toscana

Borgo delle fate è il nome ufficioso del progetto di riqualificazione della zona di Isola Santa e dintorni. È un luogo magico questo pezzo di Val di Serchio, in provincia di Lucca, tra i profili scoscesi delle Apuane e l’Appennino. Una terra di santi e pellegrini, contesa per secoli per la posizione strategica e le sue acque, oggi vocata alle passeggiate nel verde e alle avventure in famiglia. Nel cuore del Parco regionale delle Alpi Apuane si pernotta proprio a Isola Santa, frazione di Careggine: sorge dalle acque smeraldine del Lago di Isola Santa ed è collegato alla terra solo da un capello di strada. Negli anni 50 una diga sorta a ridosso dell’abitato lo svuotò, ma oggi nel borgo raccolto intorno all’Hospedale di San Jacopo, del XIII secolo ora chiesa sconsacrata, domani forse centro polivalente ci sono segnali di vita. Da qui parte la passeggiata della Pollaccia, lungolago. Soprattutto al tramonto, tra i gialli e i neri dell’inverno, è un’altra esperienza da ricordare.

Sul Lago Incantato

Dopo lo scatto di rito, dall’argine della diga partono da qui le escursioni più belle. A partire da quella per la vetta della Pania della Croce, regina delle Apuane con i suoi 1.858 metri, a sudest di Isola Santa. Lunga, ma facile, è anche per i bambini dagli 8 anni in su: un rito antico arrivare in cima all’alba e vedere il mare. È adatta ai più piccoli pure la salita per gli alpeggi del Puntato, che si inerpica fra i prati fino a Col di Favilla. Sembra un paese uscito da un libro di Tolkien, con le case di pietra abbandonate intorno alla chiesina di Sant’Anna. Prenotando per tempo una guida, si prosegue poi sulla provinciale di Arni fino all’imbocco del sentiero che porta alle Marmitte dei Giganti, 5 minuti d’auto verso il mare. La prima parte del tracciato non è adatta ai bambini, però si organizzano tour di circa 2 ore per le scolaresche fino alle celebri piccole piscine circolari, scavate dai torrenti nel marmo della montagna, simili ai pentoloni di antichi titani. Poco più a nord, sembra una fiaba anche la storia di Fabbriche di Careggine, il paese scomparso nelle acque del lago artificiale di Vagli. Le sue case e la chiesa romanica di San Teodoro vedono la luce solo durante le rarissime operazioni di svuotamento del bacino da parte dell’Enel. L’ultima volta accadde nel 1994: i turisti sono corsi a flotte a fotografare le rovine del villaggio fantasma. Non si conosce quando riaccadrà, ma c’è ogni tanto qualcuno che si diverte a suonare le campane della chiesa della frazione di Vergaio, sempre aperta, lì a fianco: sono proprio quelle del paese perduto salvate dall’acqua. Ancora sul lago, il Bioparco di Vagli offre aree picnic, un ponte sospeso tra i più lunghi d’Europa che di notte si accende di tanti led e, da poco, ha un tratto trasparente per guardare nel vuoto e la possibilità di prenotare tour sull’asinello o in elicottero. La novità del 2017 è la zipline: una teleferica lunga1.500 metri per sfrecciare, a 150 km orari, sospesi 350 metri sopra l’acqua. Se il clima, sempre incerto quassù, fosse inclemente, si può optare per la Grotta del Vento, sopra Fornovalasco. Suggestivo d’inverno, per l’acqua che cola all’ingresso e sulle pareti, il sito offre tre tipologie di tour, tra cui quello con lo speleologo, con imbragatura, e il percorso di 3 ore su passerelle sicure, con un passaggio dentro la gola alta 90 metri. Poco prima della grotta, sulla sinistra, si imbocca il sentiero per il Monte Forato, spettacolare arco di roccia che domina la valle. Il tracciato è facile, ,a dura comunque 4 ore: chi viaggia con i bambini piccoli si può fermare nel primo tratto all’imbocco della Tana che Urla, altra cavità carsica da cui, nei giorni di piena, esce una piccola cascata; all’interno si possono fare escursioni con Apians. Chi prosegue potrà invece incrociare le coppiette di trekker innamorati che, complice la forma a vera nuziale, vengono sul Forato a scambiarsi le promesse. Agganciata al portale di roccia, un’altra novità, al momento per maggiorenni: l’altalena per dondolarsi in mezzo al cielo, con un’imbragatura. Appena a nord, ecco la Riserva Naturale dello Stato dell’Orecchiella, versante appenninico della Garfagnana: dal centro visitatori, con piccolo museo naturalistico, partono vari sentieri didattici. Una bella idea è trascorrere la notte in uno dei rifugi, pittoreschi ed economici, sperando di avvistare cervi o cinghiali. Vale la pena di sconfinare nella vicina Val Fegana per vivere la Riserva Statale dell’Orrido di Botri. I più pigri vi si possono affacciare dai tratturi che lo seguono dall’alto; i bambini, con la guida, affrontano il tratto facile fino alla piscina prima dei passaggi con le corde; i più sportivi l’intero sentiero sul fondo con tratti di tubing, la discesa con imbragatura nel tracciato di piccole cascate, tra pareti a strapiombo.

viaggi

percorrere il sentiero della pace

Il Sentiero della Pace corre per 500 km lungo il fronte,  dal Passo del Tonale alla Marmolada. Non è un qualsiasi tracciato o Alta via: nel nome ricorda l’armistizio che sancì la fine del conflitto, nel 1918, esattamente un secolo fa. È un filo rosso tra territori che segnarono il destino di decine di migliaia di soldati. La loro fu anche una guerra contro l’ambiente inospitale, che provocò più vittime del fuoco nemico. Il Sentiero della Pace svela oggi l’incanto di questi spazi. Ma è anche una “meditazione camminata”, un saliscendi di emozioni, per riconciliarsi con le ferite del passato e celebrare questi decenni di pace. Contrassegnati dal simbolo della colomba, bianca su legno o gialla su roccia, i 520 km che dallo Stelvio arrivano fino alla Marmolada sono stati ultimati in questi anni. Si snodano su mulattiere di guerra, strade forestali, sentieri escursionistici. Per percorrerli tutti ci vuole un mese, ma l’itinerario è frazionabile a piacere, con escursioni più difficili e semplici gite di un giorno. La prima parte, che dal Passo del Tonale porta all’Adamello, è la più impegnativa, con tratti in alta quota che possono richiedere i ramponi. Ma è qui, tra la Val di Sole e la Val Rendena, che fu combattuta la terribile Guerra Bianca. Tra le pareti a picco e i ghiacciai, il pensiero corre alle condizioni estreme in cui vivevano i soldati. Uno scrocio interessante del Sentiero della Pace si ha con l’escursione al Monte Altissimo, che sovrasta il lago di Garda. Panorama a parte, si incontrano numerosi reperti della guerra. Il Sentiero prevede la salita dal lago, il punto più basso del tragitto, ai 2079 metri della vetta. L’ascesa più facile è dal rifugio Graziani, che si raggiunge in auto da Brentonico a San Valentino. La sterrata, larga e ben curata, che si apre sulla Vallagarina e poi sul Garda, è contornata da fiori rari, come il ranuncolo di Kerner, il velo da sposa del Garda, la Guenthera Repanda. Annunciano un luogo pressoché unico nelle Alpi, il Monte Baldo, che in 390 km quadrati custodisce il 43% dell’intera  flora alpina. Risparmiato dalle glaciazioni, è protetto da un Parco naturale locale.

I Vigneti e il Sacrario Militare

In vetta sono numerosi i ricoveri in roccia, le trincee, le gallerie, le postazioni d’artiglieria. Intorno, si apre il panorama: l’altopiano di Brentonico, il gruppo del Carega-Zugna, il Pasubio, i Lessini, la Valle dei Laghi, l’Adamello e il Brenta, fino al Catinaccio e alla Marmolada. Poco sotto, il rifugio Damiano Chiesa, dove sostare. Dall’altissimo si può partire per un itinerario di più giorni che porta a Mori e Rovereto attraverso la Vallagarina, dove alle memorie della guerra si accostano i vigneti, i campi biologici della Val Gresta, i musei, i centri storici dai tratti medievali e dalle atmosfere veneziane. Come quello di Rovereto, dominato dalla fortezza del XIV secolo, che ospita il Museo storico italiano della guerra. L’aereo da combattimento Nieuport 10, le divise militari, le mitragliatrici, le trappole antiuomo, i tanti reperti esposti ricordano la crudezza della vita in prima linea.

Il Parco della Pace e la città di Ghiaccio

Realizzata nel 1924 col bronzo dei cannoni offerti dalle nazioni coinvolte nel conflitto, la campana è un simbolo: ogni sera diffonde cento rintocchi per ricordare i caduti di tutte le guerre. Fu qui, a est dell’Adige e fino agli altipiani, il fronte caldo della guerra in Trentino. Se il Sentiero della Pace prevede la salita a piedi da Rovereto, i meno allenati possono approfittare della strada che arriva fino al rifugio Monte Zugna. La sosta suggerita è al nuovo percorso ad anello, arricchito dai pannelli che tracciano le linee austro – ungariche e il Trincerone, ricostruito dopo essere stato pressoché cancellato dai bombardamenti. Dal rifugio, con una passeggiata si sale alla cima lungo la strada militare che porta al Parco della Pace, con le caserme e il grande impluvio austro – ungarico per la raccolta dell’acqua e le rovine delle strutture realizzate dagli italiani. È una salita ricompensata dal panorama, che rivela l’importanza strategica del monte: sotto la corona di vette, la vista raggiunge il passo del Pian delle Fugazze, da cui si apre la pianura veneta e Vicenza; sul versante lagarino si scorge l’arena di Verona. Il paesaggio è protagonista anche nell’ultimo tratto del Sentiero della Pace, che dal Passo Rolle arriva ai ghiacci della Marmolada, dove l’escursione prende le vie dell’alta montagna. Alla portata di tutti è il percorso iniziale, che parte dal Centro visitatori del Parco Naturale Paneveggio – Pale di San Martino. Sul lago di Paneveggio si incontra Forte Buso, una Blockhaus, ossia una caserma austriaca, mentre a circa un’ora di cammino c’è Forte Dossaccio. Seguendo invece il sentiero per Malga Bocche si incontrano gli alberi rossi della foresta di Paneveggio, il cui legno è usato da secoli dai maestri  liutai per i violini, e i pascoli della malga: da qui si apre la vista sulle Pale di San Martino e la catena del Lagorai. Sono escursioni tranquille che regalano panorami: Passo delle Selle, Cresta di Costabella, la Marmolada. Qui, sul gruppo più alto delle Dolomiti, fu scavata l’incredibile città di ghiaccio. E qui si chiude il Sentiero della Pace. La salita, agevolata ora dalla funivia, provoca un’emozione forte, mista a turbamento: è un cimitero bianco, una “zona sacra” tutelata dal ministero della Difesa, che custodisce i resti di tanti soldati.