viaggi

in viaggio per l’Etiopia

etiopia

L’Etiopia si trova in una zona del continente chiamata Corno d’Africa per via della forma a punta. la capitale è Addis Abeba. che significa “nuovo fiore”. È una grande città con più di 3 milioni di abitanti. Si sviluppa anche in altezza, da 2300 a oltre 3000 metri. Tra un quartiere che si trova in basso e uno in alto può esserci una differenza di temperatura anche di 10 gradi. L’Etiopia è il maggiore produttore africano di caffè. Non è strano perché la pianta del caffè è originaria proprio di queste parti. In Etiopia si possono vedere i babbuini che vivono sugli altipiani pietrosi tra i 2000 e i 4000 metri. Il maschio sfoggia lunghi canini e una folta criniera; la coda somiglia a quella del leone perché finisce con un ciuffo. Mangiano foglie, radici e erba che brucano camminando sulle 4 zampe. Sono bravi arrampicatori e di notte per dormire scelgono rocce a strapiombo, dove nessun predatore oserebbe avventurarsi. Un altro animale presente in Etiopia è lo stambecco del Simien o capra walie o ualià. vive sulle scarpate dei monti Simien, dove il governo etiope ha istituito un parco naturale per proteggerlo dall’estinzione. Ma l’agricoltura avanza e l’uomo porta le sue capre dappertutto. Allo stambecco rimangono pochi pascoli, sempre più in alto. Li condivide con i babbuini gelada, con cui si è stabilita una stretta collaborazione. Mentre scimmie e stambecchi pascolano insieme, un esemplare di uno dei due gruppi monta la guardia per tutti. È presente anche un lupo davvero molto simile alla volpe, che vive in gruppi di una dozzina di esemplari. Caccia piccole antilopi, lepri e soprattutto topi. È un animale che rischia l’estinzione. Ne sono rimasti solo poco più di 500 a causa delle epidemie di rabbia, una malattia che prendono dai cani. la cucina dell’Etiopia propone molti wat, cioè stufati di carne cotta a lungo dentro sughi saporiti. Vengono serviti con contorni di versure sopra una grande focaccia, l’injera, che serve anche per raccogliere il cibo e portarlo alla bocca: fa da piatto e posata insieme. La lingua ufficiale è l’Amarico, ma in Etiopia si parlano tante lingue perché ci abitano diverse popolazioni, L’alfabeto ha 260 segni sillabici: non sono singole lettere, ma indicano consonante e anche le vocali che la accompagnano.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.