viaggi

Corinaldo cosa vedere

Situata in cima a un colle, Corinaldo, con il suo impianto urbano medievale e rinascimentale, è difesa da un’intatta cerchia di mura, fra le meglio conservate delle Marche. Il centro storico, per l’omogeneità nei materiali e nelle architetture, appare unico e suggestivo nel suo genere e conserva numerosi e importanti monumenti barocchi e neoclassici. Corinaldo è famosa nel mondo cattolico per essere la città natale di Santa Maria Goretti. Meritano una visita la sua casa natale, nei pressi del centro storico e il Santuario Diocesano a lei intitolato.

DA VEDERE

Il giro delle mura; la Piaggia e il Pozzo della Polenta; la casa di scuretto; Santuario e casa natale di Santa Maria Goretti; Civica Raccolta d’Arte “Claudio Ridolfi”; Sala del Costume e delle Tradizioni popolari; Teatro Comunale “Carlo Goldoni”; Quadreria Comunale; Biblioteca Comunale; sito Archeologico e l’Antiquarium di Madonna del Piano; Raccolta di testimonianze di vita contadina intitolata all’Antico Molino Patregnani; esposizione di ceramica d’arte italiana contemporanea G.C. Bojani.

Annunci
marche
viaggi

Mercatello sul Metauro: cosa vedere

marche

Mercatello sul Metauro è una ridente cittadina dell’Alto Metauro, perfettamente incastonata nella verdissima valle di questo fiume, immersa in un paesaggio ancora integro e armonioso. Le valli e le colline sono costellate di un quantità di case coloniche in cui spesso si evidenzia la tipologia della cascina toscana, costruzioni così ben inserite nel contesto da risultare parte imprescindibile dell’ambiente. Particolarmente ameno l’antico borgo murato di Castello della Pieve che si erge su di un rilievo che domina la valle. Il centro storico  medievale di Mercatello sul Metauro si presenta ancora integro nella sua struttura originaria, in esso sono riconoscibili gli influssi delle vicine Toscana e Umbria oltre che della cultura urbinate del cui ducato Mercatello fu centro importante. Piacevolmente inserite nel tessuto urbano sono alcune pregevoli costruzioni quali la Pieve Collegiata e la Chiesa Monumentale di San Francesco.

DA VEDERE

Chiesa e Museo di San Francesco dove sono custodite preziose opere tra cui il Crocefisso ligneo; la Casa Natale di Santa Veronica Giuliani; il centro storico; la “neviera della Rocca”; il ponte romanico sul fiume Metauro; la raccolta di Arte contemporanea all’interno di Palazzo Gasparini che domina la piazza; la Chiesa Collegiata; il Palazzaccio; Castello della Pieve un borgo fortificato perfettamente conservato con la sua torre medioevale.

marche
viaggi

frontino cosa vedere

marche

Il territorio di Frontino si estende nell’appennino tosco-romagnolo, all’interno del Parco naturale del Sasso Simone e Simoncello. Storia, arte, panorami stupendi, la cordialità della gente formano un quadro di natura viva e un insieme di cose da vedere. Arrivando sembra di entrare in un salotto, antico s’intende; le strade e le piazze sono lastricate di ciottoli del Mutino. Fiori e piante lungo le case a schiera, tutto è pulito e tirato a lucido fino agli angoli più riposti: le torri e la possente cinta muraria ricordano le origini di questo battagliero castello, sentinella avanzata del Montefeltro. Un silenzio, un’aria leggera, lo stormire di querce secolari creano sottili sensazioni di una realtà diversa, quasi fantastica, che rigenera nuove energie e rinfranca lo spirito.

DA VEDERE

Il centro storico del Capoluogo (il Castello), arroccato su uno sperone che domina il Torrente e la suggestiva Valle del Mutino, il Convento francescano di Montefiorentino che risale per tradizione al suo fondatore. Al suo interno la Cappella dei Conti Oliva ed attribuita a Francesco De Simone Ferrucci da Fiesole, il Mulino di Ponte Vecchio, antico complesso molitorio, il Monastero di San Girolamo, il museo di Arte Contemporanea Franco Assetto e il Parco Faunistico di Pian dei Prati.