nord europa
viaggi

Una Danimarca tutta da scoprire

nord europa

Sono soltanto 125 i km che separano Copenaghen dall’isola di Møn. Ma basta imboccare da Kalvehave il ponte della regina Alexandrine, 746 metri sospesi sul mare, per ritrovarsi in un’altra Danimarca, lontanissima dalle luci della capitale. Tranquilla, grande poco meno dell’Elba, ma con un terzo degli abitanti, con tutti i colori e gli odori del Baltico. Stege è il primo paese che si incontra, si parte poi verso un paesaggio perennemente verde, con rilievi appena ondulati, su strade deserte e bordate di boschi che digradano verso il mare. In questo scenario monocromo sono una sorpresa improvvisa le Klimt Møns, 12 km di scogliere bianche e sinuose a picco sul blu. Sono alte 120 metri, formate da strati di gesso stracolmi di minuscoli fossili, si raggiungono lungo una strada che taglia un bosco fitto. L’ultimo tratto, sterrato, porta al moderno GeoCenter, centro di divulgazione scientifica che ricostruisce l’habitat isolano di 70 milioni di anni fa, fino al tempo delle glaciazioni che stravolsero il paesaggio. Si accarezzano modelli di antichi rettili marini, si visita il ghiacciaio virtuale, si gioca a fare gli scienziati. Per arrivare sotto la scogliera si scendono oltre 500 gradini di legno, intervallati da piattaforme di sosta dove al mattino, quando il sole batte direttamente, ci si perde nel candore violento del gesso. Dal GeoCenter partono una serie di facili sentieri attrezzati, da due a tre km e mezzo, per scoprire il parco naturale della biosfera Unesco di Møns Klimt. UN’altra breve sterrata arriva fino a Liselung Park, con alberi secolari, fiori e siepi modellate, dove vagano i pavoni. L’esplorazione del resto dell’isola è semplice, anche grazie al fatto che le strade sono ben segnalate. Procedete lentamente, per non perdervi i possibili incontri ravvicinati con caprioli, conigli, volpi. Tra i numerosi uccelli marini, i cigni stazionano volentieri sulle spiagge; nel braccio di mare chiamato Bøgestrøm, tra la costa settentrionale e il resto della Danimarca, si avvistano spesso le foche. Ovunque il fondale di gesso bianco dona al mare toni caraibici e invoglia la bagno anche se la temperatura non è l’ideale, ma sono sempre di più a cimentarsi in qualche tuffo mentre le spiagge di ciottoli, all’ombra di grandi faggi, invitano alla camminata. Le blande ondulazioni dell’isola sono perfette per i tour in bicicletta. Mentre si pedala si notano piccole colline che sorgono in mezzo ai campi. Una mappa dell’ufficio turistico riunisce in un unico itinerario i siti archeologici da vedere, anche solo per l’atmosfera ieratica delle rocce addormentate guardando il mare. Sono dolmen, piccole costruzioni di monoliti, menbir, singole pietre verticali, grandi allineamenti di pietre. Il Sømarkedyssen è una tomba megalitica nell’erba a est del villaggio di Sømarke; Kong Asger Høj è un grande tumulo vicino a Sprove, dove si trova anche il complesso di roccia di Sprovedyssen.

ricette

danish butter cookies

biscotti danesi

Ingredienti:

300 g di farina 00; 200 g di burro; 130 g di zucchero a velo; 1 uovo; 1 baccello di vaniglia; sale.

Preparazione:

Montate il burro ammorbidito a temperatura ambiente, lo zucchero a velo, i semini interni del baccello di vaniglia e un pizzico di sale. Quando il composto diventa spumoso, incorporate l’uovo e la farina setacciata. Trasferite il composto ottenuto in una tasca da pasticciere con beccuccio a stella grande e formate i biscotti sulla placca foderata con carta da forno, tenendoli distanziati tra loro. Cuoceteli in forno già caldo a 180°C per circa 15 minuti, finché saranno dorati, poi sfornateli e lasciateli raffreddare sulla placca prima di servirli.

viaggi

Malmö

Malmö

Malmö collegata alla capitale danese Copenaghen, ha un carattere spiccatamente europeo continentale. Inoltre, Malmö è la sua provincia costituiscono una delle aree metropolitane del nord Europa più dinamiche e all’avanguardia. Nel pittoresco centro storico di Malmö l’offerta di ristoranti, bar, caffè e negozi di moda e design è ricca e diversificata. A soli 5 minuti a piedi si raggiunge il nuovo quartiere in espansione  di Västra Hamnen, in cui svetta il grattacielo Turning Torso. Soprattutto in estate, il lungomare e le spiagge sono punti d’incontro vivaci e alla moda che attirano visitatori da tutta la regione con tanti affollati ristoranti, bar, negozi e locali notturni. Come città di mare, Malmö da il meglio di sé durante il periodo estivo, con la bellissima spiaggia sabbiosa di Ribbersborg e l’infinito lungomare in pieno centro. In mezz’ora da Malmö si raggiungono luoghi affascinanti, numerose mete d’interesse storico e culturale, cittadine e villaggi pittoreschi, ville signorili e manieri.

viaggi

Fionia: l’isola delle fiabe

arcipelago danese

Puoi dedicare all’isola di Fionia un’escursione di un giorno, ma con una vacanza un po’ più lunga potrai scoprirne i castelli, la cucina… e vivere una fiaba.

Delizie isolane

formaggio affumicato con erba cipollina: il formaggio affumicato di Fiona è una specialità tradizionale prodotta con latte acido salato e profumato al cumino. Viene spesso servito su una fetta di pane di segale, guarnito con erba cipollina e ravanello a fettine.

Il Castello di Nyborg la storia vive

Due volte all’anno, il festival medievale di Nyborg riporta in vita un passato lontano, colmando il secolare castello e il suo parco alberato dello scalpiccio dei cavalli e di grida di battaglia. Il festival è un’attrazione per tutta la famiglia e offre anche l’opportunità di gustare cibi d’epoca.

L’arcipelago isole da vivere in bicicletta

Con le sue tranquille stradine di campagna e le piste ciclabili, l’arcipelago della Fionia è ideale per i ciclisti. Piccoli traghetti collegano le isole, e si possono fare escursioni di un giorno a bordo di golette d’epoca.

Labirinti verdi e auto d’epoca al Castello di Egeskov

Auto d’epoca, sontuosi saloni e concerti jazz: nel cinquecentesco Castello di Egeskov c’è qualcosa per ogni membro della famiglia. Il parco, con i labirinti di siepi, è uno dei giardini storici più belli d’europa.

Ærø Cottage pittoreschi e spiagge segrete

L’isola di Ærø, nell’arcipelago della Fionia, è la destinazione ideale per una tranquilla vacanza nel verde, grazie ai cottage pittoreschi, i dolci paesaggi, gli antichi centri abitati, le spiagge e le antiche casette dei pescatori.

viaggi

lasciati ispirare da Aarhus

 

danimarcaLasciati conquistare dai monumenti e dai sapori della seconda città danese, ma non dimenticare di esplorare i dintorni per scoprire monumenti vichinghi, LEGOLAND o un’isola completamente ecologica. Se chiedi ai danesi dove trascorrere un city break è probabile che ti diranno Aarhus. Grazie a nuove attrazioni e allo sviluppo del waterfront, alla qualità dell’arte contemporanea, della musica e della cucina, la seconda città danese è sempre più una destinazione vincente.

al ritmo della città 

Storica città universitaria, Aarhus è sempre piena di vita, specie nel Quartiere Latino sul lungofiume. Per cominciare, scarica l’app “Go Green Aarhus”, per avere tute le indicazioni su shopping sostenibile e ristoranti bio. Poi fa come un terzo dei cittadini di Aarhus: salta in sella a una bici! Puoi pedalare lungo la Mejlgade dove troverai locali per veri foodies, i ritrovi degli studenti e il Museo delle Donne. A piedi, invece, potrai scoprire la zona intorno alla Jægergårdsgade, con i suoi bistrot, come Nordisk Spisehus e Nordens Folkekøkken. Aarhus è anche la culla della musica contemporanea danese, con importanti eventi come il Northside Festival, per scoprire le band scandinave esordienti, e l’Aarhus jazz Festival.

Attrazioni Top 

Uno dei musei d’arte moderna più visitati della Scandinavia, l’ARoS, porta sul suo tetto, come una corona, l’opera “You rainbow panorama”, una passeggiata in vetro creata dall’artista Olafur Eliasson, che ti fa immergere nel panorama della città attraverso tutti i colori dello spettro. Nell’autunno 2014 apre il museo etnografico Moesgaard, in un nuovo edificio disegnato dallo studio Henning Larsen Architects vicino alla spiaggia che ogni anno ospita il grande Raduno Vichingo di Moesgaard e le sue ricostruzioni di battaglie e delle attività dell’epoca. La Vecchia Città (Den Gamle By) è la più classica delle attrazioni cittadine. Si tratta di uno dei più antichi musei all’aperto del mondo. Si trova in centro e comprende oltre 75 edifici del passato, completi di arredi originali, provenienti da tutto il paese e ricostruiti qui pezzo per pezzo. Artigiani e figuranti in costume riportano in vita le attività di un tempo. È possibile visitare il museo su una carrozza a cavalli.

Cinque gite da un giorno

Una visita ad Aarhus si può facilmente combinare con gite di un giorno per conoscere alcune delle principali attrazioni danesi.

I laghi di Silkeborg 

Scopri i laghi a bordo del battello a pale a vapore più antico del mondo. Qui si svolge ogni anno il Riverboat  Jazz Festival http://www.silkeborg.com

Il parco nazionale di Mols Bjerge 

Nell’antica città di Ebeltoft, alle pendici delle alture del Parco Nazionale di Mols Bjerge, si può visitare la fregata d’epoca più lunga del mondo. http://www.visitdjursland.com

I monumenti di Jelling 

Due pietre runiche vichinghe risalenti a mille anni fa segnano la nascita del Regno di Danimarca. Oggi sono patrimonio dell’UNESCO http://www.kongernesjelling.dk

LEGOLAND

Il primo parco LEGOLAND al mondo è un mondo in miniatura fatto di milioni di mattoncini LEGO, giostre elettrizzanti e divertimento per tutta la famiglia http://www.legoland.dk

Samsø, isola verde

La prima isola danese a zero emissioni produce più energia di quanta ne consumi. Ci sono fattorie biologiche, caratteristici B&B e splendidi ambienti naturali http://www.visitsamsoe.dk

 

viaggi

Odense sulle tracce di Andersen

danimarca

A Odense tutto parla di Andersen, è un percorso magnifico fra arte e storia. Ci sono molti modi per seguire le tracce di Andersen nella sua città natale. Se viaggi con i bambini puoi scegliere di seguire la “mappa delle fiabe“, un itinerario che consente persino di creare il proprio libro di fiabe personalizzato. La bicicletta è il mezzo ideale per non perdere nulla, ma si può anche andare a piedi, lungo un percorso davvero rilassante.

Eventyrkort

La Eventykort è una “mappa delle fiabe” per scoprire Odense con i bimbi. Ti guida tra i luoghi di Andersen e le principali attrazioni della città: se ne visiti tre riceverai un soldatino di stagno. E non dimenticare di scattare le foto con le sagome delle fiabe per ottenere il tuo libro fiabe personalizzato attraverso l’app Andersen Odense.

Andersen in bicicletta

L’itinerario H.C. Andersen in bicicletta collega tutti i luoghi legati all’infanzia dello scrittore, dalla sua casa natale al duomo, dove Andersen fece la prima comunione. Una pedalata felice e distensiva che non richiede un particolare allenamento. L’ultima tappa è il Villaggio della Fionia, ricostruzione di un vero villaggio così com’era all’epoca di Andersen, con tanto di figuranti in costume.

Odense è cambiata molto dai tempi di Andersen, ma alcuni edifici e luoghi sono rimasti infatti come allora. È stato creato un itinerario, segnalato da impronte, che ti conduce al museo H.C. Andersen, alla casa natale e all’acciarino. Puoi scoprire così altri 11 luoghi importanti per la sua vita e la sua opera, dal teatro all’antico lavatoio.

Da non perdere a Odense

Hans Christian Andersen Museum: La casa natale di Andersen oggi è un museo. All’edificio originario, una casetta gialla dal tetto basso in cui sono stati mantenuti gli ambienti d’epoca, è stata aggiunta un’ala moderna che ospita un allestimento multimediale e interattivo;

Jernbane museum: nel Jernbanemuseum viene ricostruita la storia del trasporto ferroviario in Danimarca. Puoi liberamente visitare e toccare le vecchie locomotive e i vagoni. Una stazione in miniatura perfettamente riprodotta è dedicata al gioco del “piccolo ferroviere“;

La casa d’infanzia: la casa d’infanzia di Andersen è un piccolo edificio, oggi accuratamente recuperato e trasformato in un museo. Qui, in un povero alloggio di una quarantina di metro quadrati, Hans Christian visse con i genitori fino a 14 anni, un periodo che lui ricordava come “pieno d’amore”;

Den Fynske Landsby: Den Fynske Landsby (“il villaggio di Fiona”) è un museo all’aperto composto da edifici originali dell’Ottocento, trasportati qui e ricostruiti. Durante l’estate, figuranti in costume d’epoca ripropongono le attività di un tempo, dalla tessitura alla preparazione del pane;

Fyrtøjet: Fyrtøjet (“l’acciarino“) è un’attrazione unica nel suo genere ed è uno dei luoghi più amati dai bambini: costumi, scenografie teatrali, giocattoli a tema consentono ai più piccoli di immergersi nell’universo delle fiabe di Andersen e di viverle in prima persona;

Montergaarden: il museo civico Montergaarden è stato realizzato in alcuni antichi e pittoreschi edifici cittadini per esporre collezioni archeologiche e storiche;

Odense Aafart: L’Odense Å scorre fra due sponde verdeggianti. In estate lo si può percorrere in battello con la Odense Aafart e sbarcare a piacimento per un picnic o una passeggiata;

Il castello di Egeskov: il castello di Egeskov è un edificio fuori dall’ordinario, uno dei più begli esempi del Rinascimento, circondato da un fossato, ospita non solo preziose sale visitabili ma anche spaventose presenze e fantasmi. Negli ambienti di servizio è stato allestito un museo di veicoli d’epoca. Il parco è un’attrazione in sé, con il suo labirinto di siepi, gli ampi prati e i percorsi fra gli alberi co ponti sospesi;

Il castello di valdemar: Il castello di Valdemar è un maniero seicentesco sull’isoletta di Taasinge. Si visitano le sale ancora con arredi e decori d’epoca ed il bellissimo parco. Vi si svolgono mercatini, eventi, spettacoli;

Castello di Broholm: interamente restaurato nel 2002 e aperto al pubblico, il Castello di Broholm comprende ristorante, sale riunioni, camere, un piccolo museo e un negozio di delikatessen prodotte nella tenuta. Tutt’intorno un romantico parco all’inglese con il “sentiero delle fiabe”;

Hindsgavl: il castello di Hindsgavl risale al 13° secolo, ma è oggi un albergo. Il ristorante, Den Hvide Dame (ovvero la Dama Bianca, il fantasma di una sposa) propone raffinata cucina e ingredienti locali. Il parco è di libero accesso e ospita moltissimi cervi.

viaggi

la piccola e favolosa Odense

danimarca

Odense è una città vitale e pittoresca, moderna e antica a un tempo, una destinazione fiabesca per ogni viaggiatore. La prima impressione del visitatore è che Odense, terza città della Danimarca, sia un luogo particolarmente vitale, vivace e multietnico, per nulla appesantito da secoli di storia ma anzi proiettato verso il futuro. La parte moderna della città è caratterizzata da lunghe strade pedonali, palazzine eleganti, negozi di design, artigianato, caffè, ristoranti e avventurose architetture contemporanee. Dappertutto ci sono sculture bellissime e suggestive, come la grande Oceania adagiata sulla piazza del Municipio, o la fontana decorata di ceramica policroma a due passi dal Casinò. Non mancano i musei, le gallerie, i centro d’arte e una grande e bella chiesa gotica, la Sankt Knuds Domkirke. È anche una città molto verde, attraversata da un fiume, l’Odense Å, che in estate si può percorrere in battello uno scenario ideale per pie-nic e passeggiate. Il centro storico sembra un dipinto o uno scherzo del tempo, che sembra essersi fermato a duecento anni fa. Le casette dai colori pastello hanno finestre piccine con tendine di pizzo, porte intagliate e decorate di vetri multicolore, rose rampicanti sulla facciata. Fra l’una e l’altra strade selciate che discendono verso il fiume orlato da faggi. Un idillio, insomma, frutto anche di un accuratissimo restauro che ha ridato a questo quartiere l’aspetto aveva all’epoca di Hans Christian Andersen.