viaggi

Casarano

Salento

Nota per la fertilità della sua terra e la presenza di industrie vinicole e olearie, Casarano è un importante e popoloso centro dell’estremo Salento. I numerosi palazzi e le chiese risalenti ai secoli XVII-XVIII, con le loro nobili linee, testimoniano la ricchezza che al tempo raggiunse la città.

Feste e tradizioni locali

Carnevale della fantasia (mese di Febbraio); Presepe vivente nel centro storico della città (dal 25 Dicembre al 6 Gennaio). Festa patronale di San Giovanni (terza domenica di Maggio).

Da visitare:

Il palazzo d’Aquino, seicentesco palazzo baronale; la Chiesa Madre, risalente all’anno 1712, che custodisce all’interno 6 tele di Oronzo Tiso, pittore leccese del Settecento; il Palazzo De Judicbus e il Palazzo d’Elia, edifici civili barocchi; la Chiesa dell’Immacolata (1715); la Chiesa di Santa Maria della Croce (detta anche di Casaranello) con antichi mosaici paleocristiani risalenti al V secolo e cicli di affreschi di epoca bizantina e gotica; Museo della civiltà contadina e Museo del Minatore con documenti e testimonianze del XX secolo.

viaggi

Galatone

città della Puglia

La città di Galatone è nota per le significative testimonianze di architettura tardobarocca che caratterizzano i suoi monumenti, Galatone è un popoloso centro urbano circondato, alla periferia, da numerose e raffinate ville con giardino risalenti all’ottocento.

Feste e tradizioni locali

Fiera del crocefisso (2-4 Maggio) festeggiamenti solenni in onore del SS. Crocifisso della Pietà. Nel pomeriggio della giornata conclusiva è possibile assistere al Carro di Sant’Elena, una suggestiva rievocazione del ritorno a Roma della regina Elena, mare dell’imperatore Costantino, che dalla Terra Santa reca con sé la Croce di Gesù. Fiera della Madonna delle Grazie (6-7-8 Settembre) presso l’omonimo santuario. Ai festeggiamenti religiosi si accompagna la rinomata “sagra della pagnotta e del vino“.

Da Visitare

Il santuario del Crocefisso costruito tra il 1683 e il 1696 sulle rovine di un antico tempio; la Chiesa dei Ss. Sebastiano e Rocco (XVI sec.); l’ex Convento dei Domenicani (oggi sede del municipio) e i preziosi affreschi del chiostro; la Collegiata di S. Maria Assunta (1591-1595); il Palazzo Marchesale (XVI sec.) appartenuto ai Belmonte-Pignatelli; la Torre civica settecentesca; il Santuario ella Madonna delle Grazie (XVI-XVII sec.).