ricette

calamars a la bruta (calamari nel loro inchiostro)

calamars a la bruta

Ingredienti:

1 kg di calamari medi l’inchiostro dei calamari; 1 pomodoro grande e maturo; butifarra; soppressata; un paio di spicchi d’aglio; alloro; vino bianco; olio d’oliva; sale e pepe bianco.

Preparazione:

Pulite con cura i calamari e tagliateli ad anelli, mettendo da parte l’inchiostro per utilizzarlo successivamente. Scaldate l’olio e soffriggetevi leggermente qualche anello sottile di butifarra e soppressata. Mettete da parte questi ingredienti per poi mescolarli, ma lasciate l’olio in padella, per poi aggiungervi l’aglio, i calamari e l’inchiostro. Aggiungete poi il pomodoro naturale spezzettato e, una volta soffritto, aggiungete un po’ di vino bianco ed una foglia di alloro. Aggiungete infine la butifarra e la soppressata già fritte precedentemente e soffriggete il tutto a fuoco lento, fino a far evaporare il vino.

Annunci
ricette

insalata pagesa

piatto di formentera

Ingredienti:

1 kg di biscuit (pane); 2 patate; 3 pomodori grandi; 1/2 peperone verde; 1 peperone rosso; 1/2 cipolla; 100 g di peix sec (pesce secco); olio extravergine di oliva; sale.

preparazione:

Bollire le patate con la pelle. Pelatele e spezzettatele con una forchetta. Tostate il peperone rosso. Pelatelo e tagliatelo a strisce. Spezzettate finemente la cipolla, il pomodoro ed il peperone verde. Tagliate il pesce a strisce sottili. Conservate tutti gli ingredienti in un recipiente. Avvolgete il biscuit (pane) nella carta assorbente ed inumiditelo passandolo sotto l’acqua del rubinetto. Mescolate gli ingredienti e condite a piacere con olio e sale.

viaggi

Collepasso

lecce

Collepasso è un centro che conserva caratteri rurali ancora intensi, percepibili anche nell’architettura urbana dove primeggiano antiche case biancheggiate a calce. In precedenza frazione  del comune di Cutrofiano, nel 1907 diventa comune autonomo ed è oggi noto per la maestria dei suoi casari e per la bontà delle sue mozzerelle fiordilatte.

Feste e tradizioni locali

Festa in onore della Madonna delle Grazie in cui si coniugano festeggiamenti civili e religiosi (7-8 Settembre).

Da visitare

Il palazzo baronale, di proprietà comunale; la Cappella della Santissima Trinità e dello Spirito Santo (1600) ristrutturata nel 1870, oggi primo luogo di culto del paese; la Chiesa Matrice, costruita tra il 1865 e il 1871 da Donna Consiglia Pesce e donata con atto pubblico al Comune di Collepasso; la Torre dell’orologio (edificata tra il 1913 e il 1914); il Palazzo Comunale (completato nel 1939).